Armenia e Azerbaigian concordano un cessate il fuoco dopo lo scontro al confine, afferma il ministero della Difesa armeno



L’Armenia aveva chiesto a Mosca di aiutarla a difenderla dopo i peggiori combattimenti da quando Guerra di 44 giorni l’anno scorso tra le forze di etnia armena e l’esercito azero per l’enclave del Nagorno-Karabakh che ha ucciso almeno 6.500 persone.

Quel conflitto si è concluso dopo che la Russia, che ha una base militare in Armenia, ha negoziato un accordo di pace e ha dispiegato quasi 2.000 forze di pace nella regione. La Turchia si è schierata dalla parte dell’Azerbaigian, che ha riguadagnato aree di terra perse in un precedente conflitto.

“Secondo un accordo mediato dalla parte russa, il fuoco è cessato nella sezione orientale del confine armeno-azero e la situazione è relativamente stabile”, ha affermato il ministero della Difesa armeno.

Il ministero della Difesa dell’Azerbaigian non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Reuters.

Martedì, il presidente russo Vladimir Putin e il primo ministro armeno Nikol Pashinyan hanno discusso per telefono della situazione al confine, ha detto il Cremlino.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha anche parlato al telefono con i ministri della difesa armeno e azero, ha detto l’agenzia di stampa Interfax.

Il ministero della Difesa armeno ha affermato che le sue truppe sono state attaccate dall’Azerbaigian e che 12 dei suoi soldati sono stati catturati, mentre due postazioni di combattimento vicino al confine con l’Azerbaigian sono state perse.

Eduard Aghajanian, capo della commissione per le relazioni estere del parlamento armeno, ha dichiarato che 15 soldati armeni sono stati uccisi.

Il ministero della Difesa azero ha affermato di aver risposto a “provocazioni” su larga scala dopo che le forze armene hanno bombardato le posizioni dell’esercito azero e che la propria operazione ha avuto successo.

Il ministero degli Esteri francese si era detto molto preoccupato per il deterioramento della situazione e aveva invitato entrambi i paesi a rispettare un cessate il fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *