‘Non tornerò mai in Iraq’: i curdi iracheni fuggono in Bielorussia | Notizia


Baghdad, Iraq – Il freddo implacabile che avvolge la foresta nella terra di nessuno al confine tra Bielorussia e Polonia inizia di notte e si dissipa solo dopo l’alba.

Migliaia di richiedenti asilo, per lo più dal Medio Oriente, si sono radunati nelle foreste della frontiera orientale dell’UE.

Alcuni sono lì da settimane, combattendo contro il freddo e la fame mentre aspettano nella speranza di attraversare il confine per entrare in Polonia.

Shvan, che si trova sul lato polacco del confine, fa fatica a tenersi al caldo con temperature quasi zero.

Cerca di dormire in una tenda che ha comprato a Minsk, la capitale bielorussa. Quando ne esce, viene accolto da una scena che sta diventando la nuova norma.

Gruppi di persone come lui emergono dalle tende o dai sacchi a pelo disseminati lungo il recinto di filo spinato che si estende a perdita d’occhio.

“Non so per quanto tempo potrò continuare a farlo, perché è davvero umiliante”, ha detto ad Al Jazeera Shvan, un curdo della città irachena di Soran, durante un’intervista video su WhatsApp, chiedendo di essere identificato solo con il suo nome per paura di ripercussioni.

“Continuiamo a dire agli ufficiali polacchi che stiamo finendo cibo e acqua, ma a loro non importa affatto.

“Ci guardano come se fossimo degli animali pazzi”, sospirò Shvan, il respiro sospeso nell’aria fredda.

Mentre faceva una breve passeggiata per raccogliere la legna per il fuoco, Shvan ha rivolto la sua macchina fotografica a una famiglia di quattro persone.

“Guarda, quest’uomo deve avvolgere la sua giacca intorno a sua figlia in modo che non prenda troppo freddo”, ha detto.

Shvan è una delle migliaia di rifugiati e migranti che hanno lasciato i loro paesi d’origine e hanno intrapreso questo pericoloso viaggio verso l’Europa.

Sono bloccati nell’area di confine, che è stata in gran parte chiusa ai media. Con l’arrivo dell’inverno, i gruppi per i diritti umani hanno avvertito di un’incombente crisi umanitaria.

Molti provengono dalla regione curda dell’Iraq, un territorio settentrionale che è effettivamente autonomo.

Nonostante la sua relativa sicurezza rispetto all’Iraq federale, la regione curda ha le sue cicatrici: corruzione che ha portato molti alla disoccupazione, nepotismo che ha escluso molti curdi da lavori dignitosi e, come affermato da persone che hanno parlato con Al Jazeera, “l’impossibilità di vivere bene”.

Ma coloro che hanno già intrapreso questo viaggio hanno pagato migliaia di dollari alle agenzie di viaggio per un pacchetto completo che includeva voli dall’Iraq e verso la Bielorussia, tasse alberghiere e tasse per i visti.

Dilsoz, una donna di 27 anni di Erbil, la capitale curda, ha lasciato la sua casa con il marito all’inizio di ottobre a causa della mancanza di opportunità di lavoro.

Durante uno scambio di messaggi con Al Jazeera, Dilsoz ha affermato di aver pagato circa 7.000 dollari a un’agenzia di viaggi di Erbil per un pacchetto che includeva un volo da Erbil a Istanbul, una notte in un hotel di Istanbul e un biglietto dalla Turchia alla Bielorussia.

“È stato facile quando siamo partiti perché l’agenzia di viaggi si è occupata di tutto”, ha detto Dilsoz. “Ho dovuto chiedere alla mia famiglia e [my husband’s] famiglia di sostenerci finanziariamente per permetterci il pacchetto, ma ho pensato che ne valesse la pena perché avrei preferito rischiare questo viaggio in Europa piuttosto che restare a casa e perdere la speranza per la vita”.

Shvan ha raccontato un viaggio simile.

“Ricordo la gioia di ricevere il messaggio di conferma dal mio agente di viaggio: pensavo che la mia nuova vita stesse per iniziare”, ha detto.

Quando raggiunsero il confine tra Bielorussia e Polonia, quel sogno si infranse.

La polizia di frontiera polacca ha pesantemente fortificato il confine, erigendo recinzioni di filo spinato e schierando truppe extra.

Gli scontri tra i rifugiati e il controllo del confine polacco si verificano quasi quotidianamente.

I rapporti suggeriscono che la Bielorussia ha attirato richiedenti asilo come Shvan e Dilsoz nel paese in modo che potessero essere scortati nell’area di confine. La polizia bielorussa è stata accusata di aver dato ai rifugiati e ai migranti tronchesi per aiutarli ad attraversare il confine con la Polonia.

Molti in Occidente sostengono che il leader bielorusso Alexander Lukashenko, in rappresaglia per le sanzioni imposte dall’UE per le contestate elezioni del 2020, abbia utilizzato rifugiati e migranti per punire l’Unione europea e cercare di destabilizzare il continente.

Mentre la crisi continua, alcuni paesi di transito – come la Turchia – e le loro compagnie aeree di punta hanno vietato a determinati cittadini di imbarcarsi sui voli per la Bielorussia, inclusi siriani, iracheni e yemeniti, nel tentativo di ridurre la crisi.

Le agenzie di viaggio contattate da Al Jazeera hanno affermato di aver dirottato i loro voli in modo che i passeggeri potessero transitare in città come Dubai per evitare il divieto.

Questo fronte orientale della rotta migratoria dell’UE è relativamente nuovo, rispetto al pericoloso viaggio marittimo dalla Turchia alla Grecia o dai paesi del Nord Africa all’Italia e alla Spagna.

Entrambe le rotte marittime hanno visto la morte di richiedenti asilo e hanno portato a un maggiore controllo delle coste. Una politica dei visti rilassata messa in atto dalla Bielorussia ha aperto la strada a un’alternativa interessante.

In una riunione di gabinetto la scorsa settimana, il governo iracheno ha dichiarato che avrebbe stanziato 300.000 dollari per “sostenere gli iracheni bloccati al confine” e aiutarli a “ritornare volontariamente”.

Da allora l’Iraq ha annunciato che offrirà voli di rimpatrio a chiunque voglia tornare, da giovedì.

“In nessun modo tornerò in Iraq”, ha detto Shvan. “E non credo che nessun altro qui vorrebbe tornare a una vita senza speranza.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *