Le forze di sicurezza del Sudan arrestano il capo dell’ufficio di Al Jazeera a Khartoum | Al Jazeera News


El Musalmi El Kabbashi è stato preso in custodia dopo che le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nella sua casa durante la notte, ha detto l’emittente.

Al Jazeera condanna l’arresto del suo capo dell’ufficio sudanese da parte delle forze di sicurezza nella capitale, Khartoum, e ne chiede l’immediato rilascio.

El Musalmi El Kabbashi è stato preso in custodia dopo che le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nella sua casa durante la notte.

Nessun motivo è stato fornito per la sua detenzione.

“Al Jazeera condanna con la massima fermezza le azioni riprovevoli dei militari e chiede alle autorità di rilasciare immediatamente El Kabbashi e di consentire ai suoi giornalisti di operare senza ostacoli, liberi di esercitare la loro professione senza paura o intimidazioni”, ha affermato l’emittente con sede a Doha. in una dichiarazione di domenica.

“La rete ritiene l’autorità militare sudanese responsabile della sicurezza di tutti i suoi dipendenti”, ha affermato Al Jazeera.

“In un mondo in cui i media e i giornalisti affrontano minacce crescenti, Al Jazeera considera questo come un attacco alla libertà di stampa nel suo insieme e invita le organizzazioni internazionali per i diritti umani e i media a condannare questa violazione della sicurezza dei giornalisti”, si legge nella dichiarazione.

Non è la prima volta che le autorità sudanesi prendono di mira Al Jazeera. Nel 2019, le forze di sicurezza hanno chiuso l’ufficio dell’emittente a Khartoum e revocato i permessi di lavoro ai corrispondenti della rete nel Paese.

La detenzione di El Kabbashi arriva il giorno dopo che le forze di sicurezza proiettili e gas lacrimogeni contro i manifestanti anti-golpe a Khartoum e nella sua città gemella di Omdurman, hanno ucciso almeno cinque persone.

Secondo i medici, le forze di sicurezza hanno anche fatto irruzione in un ospedale di Omdurman e hanno arrestato diversi feriti.

Decine di migliaia di manifestanti sono scesi nelle strade della capitale e altrove sabato per protestare contro il colpo di stato del mese scorso.

I manifestanti si sono opposti anche alla creazione di un nuovo consiglio di governo da parte del capo dell’esercito questa settimana che escludesse qualsiasi rappresentante dell’alleanza civile delle Forze della Libertà e del Cambiamento.

Il generale Abdel Fattah al-Burhan, che ha guidato l’acquisizione dei militari il 25 ottobre, si è riconfermato a capo del Sovrano Consiglio giovedì.

L’esercito avrebbe dovuto consegnare la leadership del corpo ai civili nei prossimi mesi.

I paesi occidentali hanno esortato i militari a invertire il colpo di stato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *