Recensione Asus Chromebook Flip CX5: il Chromebook da 15 pollici da battere

Non è passato molto tempo da quando l’idea di pagare $ 800 per un Chromebook ti avrebbe fatto ridere a crepapelle. In alcuni ambienti, lo sarà ancora. Io stesso ho criticato tutti i tipi di dispositivi Chrome OS per essere troppo costosi per quello che offrono e ritengo che il Chromebook Duet da $ 259,99 sia uno dei migliori affari nel mercato dei laptop di oggi.

Così ho aperto la mia unità di revisione di Chromebook CX5 da $ 828 di Asus disposto a lamentarsi. Anche se sarebbe un prezzo medio per un laptop Windows, è alto per un Chromebook (e la maggior parte altri revisori hanno stroncato la cosa per il suo prezzo). Ma il CX5 ha fatto un ottimo lavoro nel convincermi che il mio istintivo era fuori luogo: non c’è quasi nulla, a parte il sistema operativo, che separa questo laptop da un eccellente notebook Windows di fascia media. I Chromebook sono cresciuti e anche i loro prezzi.

La caratteristica più unica del CX5, anche tra i recenti laptop Windows, è la sua finitura. Il telaio è ricoperto da quello che Asus chiama “rivestimento per elettrodeposizione”. Non ho idea di cosa significhi in particolare, ma so che amo toccarlo.

Sia la tastiera che il coperchio sono lisci in modo quasi sconcertante. “Velvety” è il miglior descrittore che mi viene in mente. A parte il Dell XPS 13 (con la sua struttura in vetro intrecciata alquanto controversa), non c’è un laptop che ho recensito che sia così bello. Questa morbidezza si estende anche al touchpad, che è spazioso e fa un ottimo lavoro con il rifiuto del palmo, anche se è un po’ rigido, tanto che a volte avevo bisogno di due mani per azionarlo.

L'Asus Chromebook Flip CX5 in modalità tenda, visto dal lato sinistro su un tavolo nero con una panca in tessuto grigio sullo sfondo.

Ero pronto a odiarlo, ma in realtà sono molto contento.

L'Asus Chromebook Flip CX5 semiaperto, visto dal retro, inclinato a sinistra, con una parete bianca strutturata sullo sfondo.

Asus definisce il rivestimento “un’elegante trama simile alla ceramica”.

Allo stesso modo, la qualità costruttiva è buona come qualsiasi Chromebook che ho usato quest’anno e rivaleggia con molti dei migliori laptop a questo prezzo. È abbastanza robusto, senza alcuna flessione nello schermo e praticamente nessuna nel deck della tastiera. Il telaio raccoglie a malapena le impronte digitali, ed è uscito dall’essere malconcio nel mio zaino senza un graffio.

Anche la selezione delle porte è ragionevole, incluse due porte USB-C 3.2 Gen 2, una HDMI 2.0, una USB 3.2 Gen 2 Type-A, un jack combo audio e uno slot microSD (nessun supporto Thunderbolt, però). Il CX5 supporta Wi-Fi 6 dual band e Bluetooth 5.0 e include varie tecnologie che dovrebbero aiutare a stabilizzare la connettività, incluso un “filtro metamateriale” che ha lo scopo di “isolare il rumore elettromagnetico”.

L'Asus Chromebook Flip CX5 è disteso su una panca in tessuto grigio.  Lo schermo mostra la homepage di The Verge.

È un rapporto schermo-corpo dell’81%.

Ho solo due lamentele reali sul telaio. Il primo è il pulsante di accensione: si trova sul bordo sinistro e l’ho premuto accidentalmente più volte tenendo il dispositivo come un tablet. Il secondo, parlando della modalità tablet, è il peso. A 4,17 libbre, il CX5 è pesante per un Chromebook da 15 pollici: è molto vicino al peso del laptop da gioco Asus Zephyrus G15, per il contesto, e più di un chilo più pesante del Galaxy Book Pro 360 da 15 pollici di Samsung. qualcos’altro se cercassi un dispositivo che potrei portare comodamente in giro come un tablet.

La tastiera dell'Asus Chromebook CX5 è inclinata a destra, vista dall'alto su un tavolo nero.

Gli altoparlanti sono pilotati da un “amplificatore intelligente” per prevenire danni a lungo termine.

L'Asus Chromebook Flip CX5 in modalità tenda, inclinato a sinistra su un tavolo nero.  Lo schermo mostra la homepage di The Verge.

Il CX5 ha la cerniera ErgoLift di Asus, che inclina la tastiera di tre gradi in modalità a conchiglia.

Le porte sul lato sinistro dell'Asus Chromebook Flip CD5.

Quello è il pulsante di accensione lì, con il piccolo LED.

Altrove, il CX5 funziona abbastanza bene come dispositivo di intrattenimento e produttività. Gli altoparlanti verso il basso, certificati Harmon Kardon, hanno percussioni decenti e un volume eccellente, anche se ho sentito un po’ di distorsione all’estremità superiore. La tastiera è abbastanza comoda con corsa e clic decenti; è anche un po’ rumoroso e il tastierino numerico è stretto anche per le mie piccole dita.

Il touchscreen 1920 x 1080 è vivido e riduce i riflessi (e il rapporto di aspetto 16: 9, sebbene non sia l’ideale, è meno un crimine su uno schermo da 15 pollici di quanto lo sarebbe su un dispositivo più piccolo). Le cornici sono abbastanza grosse da sembrare un po’ antiquate, ma è più ragionevole averle su un 2-in-1 che potresti dover tenere dai lati.

La webcam Asus Chromebook Flip CX5.

Oh guarda, una videocamera HD.

E poi ci sono le prestazioni. La mia unità di test ha un Core i5-1135G7 e 16 GB di SDRAM LPDDR4X, che sono specifiche pesanti per un Chromebook consumer. Ha fatto esplodere tutto ciò di cui avevo bisogno e spesso lavoravo in più di una dozzina di schede di Chrome insieme ad alcune app Android, con occasionalmente una chiamata Zoom o un video di YouTube in cima. Non ho mai sentito calore o rumore dalla ventola all’interno. Ho avuto un problema in cui l’esecuzione di Spotify per lunghi periodi di tempo ha occasionalmente causato l’arresto anomalo del computer, ma non sono sicuro che sia su Spotify o Asus; Ho chiesto a quest’ultimo e riferirò se capiranno qualcosa.

Anche la durata della batteria è ragionevole, data la potenza dei chip all’interno. Ho avuto una media di otto ore e 31 minuti di uso continuo con lo schermo del CX5 a luminosità media, e ho facilmente rotto nove ore in alcune prove. Anche se questo non è un risultato eccezionale, ti permetterà di passare un’intera giornata di utilizzo senza un caricabatterie se il tuo carico di lavoro è simile al mio. Il dispositivo si è anche caricato abbastanza velocemente per un Chromebook, ottenendo fino al 60 percento in 57 minuti.

Il CX5 è disponibile anche nei modelli da 14 pollici. Puoi ottenere un 14 pollici con un Core i3 (attualmente $ 724,99 su Amazon) e un Core i7 (attualmente $ 1.049,99 da Asus). Data la facilità con cui l’i5 si sta comportando nei miei test, sarebbe difficile consigliare quest’ultimo modello a chiunque abbia un carico di lavoro pesante per Chrome. Le persone che hanno bisogno di quel tipo di potere probabilmente sanno chi sono. L’i3, d’altra parte, potrebbe essere un’opzione decente per le persone che si oppongono al prezzo della mia unità di prova e stanno bene con uno schermo più piccolo. Un i3 è stato generalmente abbastanza potente da volare attraverso le attività di Chrome OS nei miei test. (Quell’unità ha anche 8 GB di RAM, che è ancora raro nei Chromebook di livello inferiore.)

L'Asus Chromebook Flip CX5 si apre su un tavolo nero, inclinato a sinistra, con una panca in tessuto grigio e una parete bianca strutturata sullo sfondo.  Lo schermo mostra la homepage di The Verge.

Il modello i3 più piccolo può essere un valore migliore per molte persone.

Tutto questo per dire che il CX5 rivaleggia con molti laptop Windows al suo prezzo nelle aree che contano: non è lento, fragile o costruito a buon mercato come i Chromebook stereotipati sono stati negli anni passati. La considerazione principale, se stai considerando il CX5 come driver principale, è se Chrome OS funzionerà per te.

Ho recensito i Chromebook per quasi due anni e ho visto Chrome OS maturare davanti ai miei occhi in quel periodo. È passato da un sistema operativo pieno di difetti e buchi a uno che non sembra molto diverso da Windows per la maggior parte del tempo (soprattutto perché quest’ultimo ha appena spostato le sue icone al centro della sua barra delle applicazioni).

Ma ci sono ancora alcune cose che ti colpiscono, anche se sei uno come me, che lavora quasi interamente in Chrome. Alcune app impiegano ancora un po’ di tempo per ridimensionarsi. Slack non è più disponibile sotto forma di app, quindi è un’altra cosa che devo tenere nel mio mucchio senza fine di schede di Chrome. Messenger mi bombarda ancora ogni mattina con notifiche per ogni messaggio che ho ricevuto la notte precedente. Anche se è bello che molte app Android siano diventate più utilizzabili su Chrome OS nel corso degli anni, non ce ne sono ancora troppe che trovo più utili delle loro controparti del browser: la maggior parte di quelle che uso sono equivalenti nella migliore delle ipotesi. (E, naturalmente, puoi dimenticare tutti i tipi di app desktop a cui Windows ti dà accesso.)

Ma per alcuni acquirenti, la semplicità e altri vantaggi di Chrome OS superano questi inconvenienti. Se sei tu, più potere per te.

Il logo Asus sulla cornice inferiore dell'Asus Chromebook Flip CX5.

Chrome OS fornisce aggiornamenti automatici e sicurezza integrata, entrambi grandi punti di forza per molte persone.

L’elefante nella stanza di tutto questo è il prezzo del CX5: $ 828,99 è ben al di fuori di quello che la maggior parte potrebbe considerare essere il territorio dei Chromebook. Ma questa proiezione è spesso, in parte, basata sul presupposto che i Chromebook siano hardware a basso costo e vorrei ricordare alla gente che questo prezzo non è eclatante quando si tratta di ben costruito Chromebook – e penso che questo sia ben costruito.

Considera Pixelbook Go. Un Pixelbook Go con specifiche identiche alla mia unità di prova è $ 999. Il dispositivo di Google è più sottile e leggero del CX5, ma ha anche uno schermo più piccolo, meno porte e un processore più vecchio e non si capovolge. Non è chiaramente un acquisto migliore per tutti – non è certamente migliore di $ 170 per tutti.

Penso che se sei qualcuno che preferisce Chrome OS a Windows e sai che il primo soddisferà le tue esigenze, il CX5 non ha un prezzo esorbitante. È un prodotto solido con un design unico: ci sono ragioni legittime per preferirlo a un laptop Windows di fascia media, indipendentemente dal sistema operativo in esecuzione.

Ancora più importante, invia forte e chiaro il messaggio che vari produttori di laptop hanno cercato di spingere nel corso degli anni: i Chromebook Premium sono una cosa ora. Non sono solo una novità che Google sfoggia di tanto in tanto: sono sugli scaffali, sono pratici e si rivolgono agli acquirenti di laptop di tutti i giorni. Preparati a pagare un po’ di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *