Apple dovrebbe prendersi una pausa dagli aggiornamenti annuali di iOS e macOS

Gli aggiornamenti software autunnali di Apple, iOS 15 e macOS Monterey, sono ufficialmente disponibili per tutti. Ma l’ultimo software di Apple è arrivato con più di un lamento che di un botto; i due aggiornamenti non sono così male come lo sono noioso. Il che mi ha fatto chiedere: perché Apple si aggrappa ancora al suo programma di rilascio annuale?

Ci sono due problemi causati dalla cadenza annuale di Apple. Il primo, come nel caso di quest’anno, è che iOS e macOS sono sistemi operativi sempre più maturi con meno problemi da risolvere o funzionalità mancanti da aggiungere. Il che, a sua volta, significa che ci sono meno opportunità per aggiornamenti radicali come c’erano nei primi giorni quando l’iPhone che riceveva il supporto per il copia e incolla era una notizia principale. A meno che Apple cambi idea su come funzionano i suoi sistemi operativi e le regole che lo governano – come quando consentiva e-mail di terze parti e app browser in iOS 14: c’è solo meno spazio per grandi aggiunte.

Il secondo è il fatto che, poiché Apple elimina praticamente tutti i suoi aggiornamenti, grandi o piccoli, per aiutare a riempire la “grande” versione di iOS, i miglioramenti più piccoli ma utili della qualità della vita spesso rimangono bloccati aspettando mesi prima che il ciclo autunnale si allinei .

Prendi iOS 15, che ha aggiunto una visualizzazione a griglia e la possibilità di sfocare uno sfondo in FaceTime, funzionalità di base che sono già state una parte fondamentale dei toolkit di Zoom e Google Meet per rendere più organizzate le conversazioni virtuali più grandi. Nessuno dei due sembra essere il tipo di funzionalità rivoluzionaria a livello di sistema operativo che richiederebbe l’attesa di una nuova versione di iOS, ma Apple ha comunque salvato gli aggiornamenti per far parte di iOS 15, nonostante il fatto che sarebbero stati senza dubbio più utili durante il culmine della pandemia, quando le videochat erano più necessarie.

In tutta onestà, Apple ha già iniziato ad allontanarsi dai suoi aggiornamenti una tantum, se non altro perché ha mancato più volte le scadenze autoimposte. Le principali funzionalità per iOS e macOS come SharePlay o Universal Control sono state ritardate rispetto alle build iniziali del punto zero per un maggiore tempo di sviluppo. Anche i rilasci di punti sono diventati sempre più importanti, utilizzati per il debutto di nuove emoji, aggiornamenti critici di Face ID per un migliore supporto della maschera o il requisito di trasparenza del tracciamento delle app di alto profilo di Apple.

Un MacBook Pro con macOS Monterey è seduto su un tavolo davanti a una finestra.  Lo schermo mostra l'app Quick note su uno sfondo rosa e viola.

Foto di Monica Chin / The Verge

Per risolvere i problemi degli aggiornamenti annuali poco brillanti, Apple dovrebbe fare due cose. Innanzitutto, dovrebbe continuare a creare versioni puntuali con funzionalità aggiuntive durante tutto l’anno o addirittura separare completamente gli aggiornamenti delle app dalle sue versioni annuali. Il team di FaceTime ha ideato una nuova fantastica funzionalità che semplificherà la chat pandemica? Rilascialo quando è pronto! In secondo luogo, dovrebbe iniziare a distanziare le sue principali versioni software, aspettando un anno o due in più tra le versioni iOS o macOS per garantire che quando rilascerà un “nuovo” sistema operativo, ci saranno effettivamente grandi cambiamenti di cui essere entusiasti.

Gli aggiornamenti software distanziati non sarebbero nemmeno una nuova idea per Apple, almeno dal punto di vista macOS. Apple ha trascorso quasi un decennio a distanziare le versioni di OS X ogni due anni prima di riportare le versioni annuali con OS X 10.8 Mountain Lion nel 2012.

Certo, Apple ottiene qualche beneficio dalla sua attuale cadenza. A livello di base, il raggruppamento di aggiornamenti iOS e macOS offre ad Apple un’unica spinta di marketing coerente, un pacchetto di funzionalità a cui può indicare e dire: “Guarda, ecco tutti i modi in cui il nuovo software ti migliora la vita”. Le versioni annuali significano anche che Apple può contare su giornalisti che scrivono rastrellamenti delle nuove funzionalità ogni anno al WWDC e revisioni di quelle nuove funzionalità in autunno, e Apple potrebbe dover rischiare una copertura coerente se cambia le cose.

Ma mentre la maggiore consapevolezza del pubblico è buona, dubito che Apple si perderebbe molto se distanziasse le versioni annuali. I nuovi iPhone non vengono venduti grazie all’installazione del nuovo software Apple; i clienti hanno elogiato i MacBook Air M1 per la durata della batteria e la velocità di elaborazione, non perché sono stati forniti con macOS Big Sur.

Le persone installano aggiornamenti iOS e macOS, ma al di fuori della sfera tecnologica, non è qualcosa che le persone sono desideroso da fare. Il più delle volte, gli aggiornamenti Apple vengono installati per una frustrazione riluttante alle notifiche push e il desiderio di bandire le bolle di avviso, non perché le modalità Focus consentono agli utenti esperti di impostare impostazioni non disturbare più granulari.

Foto di Chaim Gartenberg / The Verge

Distanziare gli aggiornamenti iOS e macOS per quando Apple ha effettivamente grandi funzionalità di selezione da mostrare (come ha fatto durante i giorni di OS X quando in realtà addebitato per nuovi aggiornamenti) potrebbe fare molto per risolvere quel ciclo di aggiornamento poco entusiasta. Aggiornamenti iOS meno frequenti potrebbero aiutare a garantire che ci sia effettivamente qualcosa per cui essere entusiasti, come un nuovo design visivo o nuove funzionalità sostanziali (come Siri). Inoltre, Apple avrebbe più tempo per sviluppare nuove versioni del suo software, il che potrebbe teoricamente ridurre bug e glitch nelle versioni finali di qualunque cosa spedisca.

Aggiornamenti più piccoli, nel frattempo, possono essere distribuiti nel corso dell’anno quando sono pronti, invece di aspettare di raggruppare ogni aggiornamento minore in un enorme e travolgente pacchetto una volta all’anno dove è più probabile che vengano comunque oscurati dal più sostanziale parti del nuovo sistema operativo. Anche gli aggiornamenti più graduali che non sono legati a una singola versione principale sono un’idea che sappiamo funzionare, perché è così che ogni altra app di terze parti su iOS gestisce già gli aggiornamenti.

Ma in questo momento, il sistema di rilasci annuali di Apple lo lascia con il peggio dei due mondi: aggiornamenti in silos che vengono troppo di rado per le funzionalità minori pur non avendo abbastanza funzionalità principali per valere il clamore. Se Apple non può rendere più sostanziali gli aggiornamenti di macOS e iOS, potrebbe essere il momento di lasciarsi alle spalle il ciclo di rilascio annuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.