La Francia richiederà colpi di richiamo Covid-19 per i pass sanitari dei cittadini più anziani



Annunciando l’apertura del terzo colpo per gli over 50 dall’inizio di dicembre, Macron ha anche affermato che da metà dicembre sarà necessaria la prova di un terzo colpo per gli over 65 per riconvalidare il proprio libretto sanitario.

Le persone di età superiore ai 65 anni possono richiedere una terza dose dal 1 settembre in Francia.

Il pass sanitario è stato uno strumento essenziale per il governo francese per aumentare i tassi di vaccinazione, vietare l’ingresso ai trasporti pubblici e una varietà di spazi pubblici e privati ​​per coloro che non hanno la prova della vaccinazione completa.

Le mascherine rimarranno obbligatorie nelle scuole e attualmente sono obbligatorie al chiuso e sui mezzi pubblici.

“La quinta ondata è iniziata in Europa”, ha detto Macron, citando l’OMS, aggiungendo che il Regno Unito e la Germania stanno ora registrando 30.000 nuovi casi di Covid-19 ogni giorno. “Non abbiamo finito con la pandemia”, ha detto.

La quinta ondata d’Europa

Ampie aree d’Europa stanno combattendo per respingere le ondate della variante Delta tra l’allentamento delle restrizioni e la balbuzie del lancio di vaccini in alcuni paesi, con l’avvertimento dell’OMS mezzo milione di europei potrebbe morire di Covid-19.

Le fortune del continente relative al Covid-19 sono cambiate drasticamente negli ultimi mesi. Entro la fine dell’estate, molti paesi avevano eliminato dure restrizioni dopo che le nazioni, in particolare nell’ovest del blocco, si sono lanciate in avanti con i programmi di vaccinazione e i casi sono crollati.

Ora che altre parti del mondo riaprono, l’Europa potrebbe nuovamente affrontare un inverno di nuove repressioni. Il governo danese ha proposto di reintrodurre un “pass corona” digitale, secondo Reuters, e l’Austria questa settimana ha bandito le persone non vaccinate da ristoranti e hotel. Anche l’Islanda ha reintrodotto le mascherine e le regole di distanziamento sociale.

In Francia, Macron ha abbattuto ogni speranza che le norme sanitarie di Covid-19 possano essere allentate nel breve termine, “anche se so quanto sia difficile”, ha affermato.

Ha rivolto un “appello di responsabilità” ai 6 milioni di francesi che devono ancora ricevere una singola dose del vaccino, aggiungendo che “dovremo convivere con il virus fino a quando la popolazione mondiale nella sua interezza non sarà immunizzata”.

Ha affermato che la Francia è rimasta impegnata nella “solidarietà internazionale” sulla fornitura di vaccini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *