Recensione dello smartwatch Fossil Gen 6: pessimo tempismo

La cosa più gentile che posso dire sulla nuova iterazione Gen 6 da $ 299 della serie di smartwatch di lunga data di Fossil è questa: non è del tutto colpa di Fossil se è cattivo.

Il secondo quanto riferito, la società ha appreso che Google e Samsung si erano uniti per rivitalizzare finalmente il software Wear OS che Fossil stava utilizzando nello stesso momento in cui lo facevamo noi: lo scorso maggio a Google IO. E così la linea di smartwatch 2021 di Fossil esegue un software che non è stato migliorato in modo significativo almeno dal 2019 e non riceverà il software più recente fino alla fine del 2022. Samsung ha smartwatch che funzionano su Wear OS 3 e lo fanno con competenza, Fossil è bloccato su Wear OS 2.

L’esecuzione di un vecchio software non è intrinsecamente una cosa negativa: il vecchio software è spesso testato in battaglia, affidabile e veloce. Purtroppo, nessuno di questi aggettivi si applica qui e Fossil ha aggravato i problemi di Wear OS 2 stipando funzionalità che non è in grado di supportare.

È una brutta situazione per un bell’orologio.

Gli smartwatch Gen 6 di Fossil sono disponibili in diversi stili, tutti costruiti attorno a un unico design. Ha un involucro rotondo da 44 mm con uno schermo OLED rotondo da 1,28 pollici. Ci sono due pulsanti che fiancheggiano la corona centrale principale, che può anche essere ruotata per scorrere sull’orologio.

Mi piace l’aspetto dell’orologio Gen 6, ma ho anche sempre avuto un debole per gli orologi più grandi, anche se i miei polsi sono più piccoli. Fossil potrebbe non correre rischi con il design, ma ha abbastanza carattere per sembrare carino.

La durata della batteria è stata un po’ una delusione. Può passare un giorno e la mattina successiva se non spingo l’orologio con il monitoraggio dell’esercizio, ma non ci vuole molto per mandarmi a cercare un caricabatterie molto prima di andare a letto. Esistono diverse modalità di alimentazione e, se lo desideri, puoi approfondire e disattivare funzionalità specifiche per prolungare la durata della batteria. Se c’è un punto luminoso, è in carica. Poiché Fossil utilizza pin pogo a contatto diretto che si collegano in modo più sicuro rispetto ai modelli precedenti, è in grado di ricaricarsi rapidamente.

Fossil ha compilato l’array di sensori in modo che corrisponda a ciò che è possibile ottenere da altri smartwatch popolari, incluso un monitor per l’ossigeno nel sangue, anche se non ha un monitor ECG come gli orologi concorrenti.

Il Fossil Gen 6 è un orologio grande, ma sta bene al polso

Il Fossil Gen 6 è un grande orologio, ma sta bene al polso.

Sfortunatamente, avere i sensori non è la stessa cosa che offrire il monitoraggio della salute. Google Fit è tristemente dietro ad Apple Health nelle sue funzionalità e Fossil stesso non è impostato per offrire le proprie app per la salute. Il risultato è che mentre puoi prendere letture individuali ovunque, metterle insieme in un’immagine olistica è nella migliore delle ipotesi una seccatura.

Peggio: anche prendere quelle letture è una seccatura. L’utilizzo della watchface di Fossil per avviare le statistiche di monitoraggio del sonno o il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue implica toccare e quindi attendere per vedere se il tocco ha funzionato, quindi toccare di nuovo.

La radice di questi problemi è facile da identificare: Wear OS 2 semplicemente non è all’altezza del compito di supportare tutte le funzionalità avanzate che Fossil vuole aggiungere, anche con un nuovo processore Qualcomm che aggiunge un chip a bassa potenza per aiutare con la durata della batteria .

Wear OS 2 non può impostare più timer, a volte lo scorrimento con la corona semplicemente non funziona e Fossil ha dovuto provare a colmare le lacune delle funzionalità con le proprie app. Mi piace che tu possa scaricare e installare watchfaces di terze parti, ma è una piccola comodità. Wear OS 2 è un pasticcio di autorizzazioni confuse, ritardi e delusioni.

Il Fossil Gen 6 è un peccato: un buon hardware annullato dal vecchio software

Il Fossil Gen 6 è un peccato: un buon hardware annullato dal vecchio software.

Negli anni precedenti con i precedenti orologi Wear OS, spesso arrivavo alla sensazione che se lo avessi usato per cose semplici come notifiche e passaggi di conteggio, sarebbe stato possibile giustificarne uno. Ma la realtà è che se sei su Android e vuoi solo quelle basi, ci sono smartwatch con sistemi operativi molto più semplici che durano più a lungo con una carica. Non otterrai mappe o app come Spotify, ma l’utilizzo di tali app su questo orologio non vale la pena per la maggior parte del tempo.

Nel 2022 dovrebbe esserci un aggiornamento software che porterà il nuovo Wear OS 3 sugli orologi Fossil Gen 6. Quando ciò accadrà, sarò curioso di vedere se questi orologi si comportano meglio. Fino ad allora, la migliore alternativa è il Galaxy Watch 4 di Samsung, che esegue il software più recente di Google. Ma l’orologio Samsung utilizza l’assistente digitale Samsung e le app Samsung.

È tutto un peccato. Fossil ha messo insieme un bel hardware qui, con tutti i pezzi necessari per creare un orologio davvero buono. Ma ha dovuto incollare quei pezzi insieme al software che Google aveva già abbandonato prima che Fossil potesse annunciare che la Gen 6 stava arrivando. Forse la prossima volta, Google e Fossil saranno in grado di sincronizzare i loro sforzi di visualizzazione.

Fotografia di Dieter Bohn / The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *