Nvidia vuole riempire il mondo virtuale e fisico con avatar AI

Nvidia ha annunciato una nuova piattaforma per la creazione di agenti virtuali denominata Avatar dell’Omniverso. La piattaforma combina una serie di tecnologie discrete, tra cui riconoscimento vocale, sintesi vocale, tracciamento facciale e animazione avatar 3D, che secondo Nvidia possono essere utilizzate per alimentare una vasta gamma di agenti virtuali.

In una presentazione alla conferenza GTC annuale dell’azienda, il CEO di Nvidia Jensen Huang ha mostrato alcune demo utilizzando la tecnologia Omniverse Avatar. In uno, un simpatico personaggio animato in un chiosco digitale parla a una coppia del menu di un fast food, rispondendo a domande come quali cibi sono vegetariani. Il personaggio utilizza la tecnologia di tracciamento facciale per mantenere il contatto visivo con i clienti e rispondere alle loro espressioni facciali. “Questo sarà utile per la vendita al dettaglio intelligente, i drive-through e il servizio clienti”, ha affermato Huang della tecnologia.

In una demo, la tecnologia avatar di Nvidia è stata utilizzata per creare un simpatico personaggio che parlasse a una coppia attraverso un menu.

In un’altra demo, una versione giocattolo animata di Huang ha risposto a domande su argomenti tra cui il cambiamento climatico e la produzione di proteine, e in una terza, qualcuno ha usato un avatar animato realistico di se stesso come sostituto durante una teleconferenza. Il chiamante indossava abiti casual in un caffè affollato, ma il loro avatar virtuale era vestito in modo elegante e parlava senza alcun rumore di fondo. Quest’ultimo esempio si basa sul lavoro di Project Maxine di Nvidia, che mira a migliorare i problemi comuni con le videoconferenze (come i flussi di bassa qualità e il mantenimento del contatto visivo) con l’aiuto di correzioni di apprendimento automatico.

(Puoi vedere la versione giocattolo di Huang nel video qui sotto, a partire da 28 minuti. Oppure salta avanti a 1 ora e 22 minuti per vedere la demo del chiosco.)

L’annuncio di Omniverse Avatar fa parte dell’inevitabile visione “omniverso” di Nvidia: un grandioso pezzo di branding per una nebulosa collezione di tecnologie. Come il “metaverso”, l'”omniverso” riguarda fondamentalmente mondi virtuali condivisi che consentono la collaborazione remota. Ma rispetto alla visione avanzata dal proprietario di Facebook Meta, Nvidia si preoccupa meno di trasportare le riunioni dell’ufficio nella realtà virtuale e più di replicare ambienti industriali con controparti virtuali e, nel caso del suo lavoro avatar, creare avatar che interagiscono con le persone nel mondo fisico.

Come sempre con queste presentazioni, le demo di Nvidia sembravano abbastanza fluide, ma non è chiaro quanto questa tecnologia sarà utile nel mondo reale. Con il personaggio del chiosco, ad esempio, non è chiaro se i clienti preferiranno effettivamente questo tipo di esperienza interattiva alla semplice selezione degli elementi desiderati da un menu. Huang ha notato nella presentazione che l’avatar ha un tempo di risposta di due secondi, più lento di un umano e destinato a causare frustrazioni se i clienti hanno fretta. Allo stesso modo, sebbene la tecnologia Project Maxine dell’azienda appaia fulminea, dobbiamo ancora vederla avere un impatto significativo nel mondo reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *