Il fuoco mortale “decima” la scuola nel sud del Niger | Notizia


Almeno 26 morti, altri 13 feriti dopo che le aule fatte di paglia sono state avvolte da un incendio nella città di Maradi.

Almeno 26 scolari sono stati uccisi quando le loro aule fatte di paglia e legno sono state avvolte da un incendio nel sud del Niger, ha detto un governatore locale all’agenzia di stampa AFP.

“In questo momento, abbiamo 26 morti e 13 feriti, quattro dei quali in modo grave”, ha detto Chaibou Aboubacar, sindaco della città di Maradi, aggiungendo che i bambini avevano un’età compresa tra i cinque e i sei anni, secondo l’AFP che ha riportato la notizia dell’incendio lunedì. .

Il Niger, uno dei paesi più poveri del mondo, ha cercato di rimediare alla carenza di edifici scolastici costruendo migliaia di capannoni di paglia e legna da utilizzare come aule, con i bambini a volte seduti per terra.

Gli incendi nelle aule altamente infiammabili sono comuni ma raramente provocano vittime.

Tuttavia, ad aprile, 20 scolari sono stati bruciati vivi nell’incendio di una scuola in un quartiere operaio di Niamey.

Issoufou Arzika, segretario generale dell’Unione degli insegnanti del Niger, ha dichiarato all’AFP che l’incendio di lunedì ha “decimato” la scuola di Maradi.

Arzika ha detto che il suo sindacato ha avvertito i funzionari del pericolo delle aule di paglia e legno dopo l’incendio di Niamey.

“È meglio tenere le lezioni sotto gli alberi che nelle capanne di paglia, che sono diventate tombe infiammabili per gli alunni”, ha detto.

Il presidente Mohamed Bazoum ha recentemente promesso di sostituire le strutture in legno.

L’incendio della scuola arriva pochi giorni dopo che almeno 18 persone sono morte in una miniera d’oro crollata nel distretto di Dan-Issa, nel nord del Paese.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *