Il governo etiope raduna i manifestanti contro i ribelli del Tigray | Abiy Ahmed Notizie


Decine di migliaia di etiopi si sono impegnati a difendere la capitale dall’avanzata dei ribelli durante una manifestazione pro-militare in cui i partecipanti hanno respinto gli sforzi diplomatici per porre fine alla guerra durata un anno.

La manifestazione di domenica nel centro di Addis Abeba è stata l’ultimo tentativo del governo di sostenere il sostegno pubblico al conflitto contro il Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) e gruppi alleati.

È arrivato cinque giorni dopo che il governo ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale apparentemente per proteggere i civili dal TPLF, che ha rivendicato guadagni chiave negli ultimi giorni mentre lanciava una possibile marcia sulla capitale.

Il funzionario degli Stati Uniti Jeffrey Feltman è arrivato in Etiopia giovedì per cercare di mediare la fine delle ostilità.

L’ambasciata degli Stati Uniti ha annunciato sabato che stava ordinando la partenza del personale non di emergenza, giorni dopo che paesi tra cui l’Arabia Saudita, la Norvegia, la Svezia e la Danimarca hanno esortato i loro cittadini a lasciare l’Etiopia.

‘Succhiandoci il sangue’

Le proteste di domenica, organizzate dal governo, sono state dirette anche contro i Paesi che hanno chiesto la fine delle violenze.

“Non abbiamo bisogno di interferenze dall’estero”, recitavano alcuni cartelli.

I partecipanti al raduno hanno anche mostrato cartelli che hanno fatto esplodere i media occidentali per aver trasmesso “notizie false” esagerando le conquiste dei ribelli.

Altri segnali hanno esortato gli Stati Uniti, uno dei più duri critici internazionali della guerra, a “smetterla di succhiarci il sangue”.

Il sindaco di Addis Abeba Adanech Abebe ha detto in un discorso che i nemici dell’Etiopia stavano cercando di “terrorizzare la nostra popolazione”.

“Dicono che Addis Abeba sia circondata, ma Addis Abeba è circondata solo dalla sua incredibile gente, dai suoi bambini vigili ed eroici”, ha detto.

È stata particolarmente critica nei confronti del governo degli Stati Uniti, che la scorsa settimana ha annunciato l’intenzione di cacciare l’Etiopia da un patto commerciale vitale a causa delle violazioni dei diritti legate alla guerra.

“Se aiuti e prestiti ci spoglieranno della nostra libertà, se ci porteranno a sacrificare la nostra libertà, non sacrificheremo la nostra libertà”, ha detto Adanech, aggiungendo che il posto legittimo del TPLF “è all’inferno”.

Il giornalista etiope Samuel Getachew, parlando da Addis Abeba, ha detto ad Al Jazeera che la manifestazione è stata progettata per dimostrare che un gran numero di persone sostiene ancora le operazioni militari del governo contro i ribelli.

“Questo è [also] per mostrare al mondo che gli etiopi vogliono una soluzione locale al problema”, ha detto, riferendosi alla retorica anti-occidentale tra la folla.

Il presidente ugandese ospiterà il 16 novembre un vertice del blocco dell’Africa orientale, l’Autorità intergovernativa per lo sviluppo, per discutere del conflitto.

Le pistole “non sono la soluzione”

Il primo ministro Abiy Ahmed ha inviato truppe nel Tigray lo scorso novembre per rovesciare il TPLF, allora il partito di governo regionale, una mossa che ha detto è arrivata in risposta agli attacchi del TPLF ai campi dell’esercito federale.

Ha promesso una rapida vittoria, ma a giugno il TPLF ha ripreso gran parte del Tigray, compresa la capitale Mekelle, e da allora si è trasferito nelle vicine regioni di Afar e Amhara.

La pressione sul governo centrale sta aumentando dopo che il TPLF ha dichiarato che le sue forze erano a meno di 350 km (217 miglia) da Addis Abeba. Centinaia di rifugiati dalle regioni settentrionali del conflitto di Tigray, Amhara e Afar sono arrivati ​​nella capitale sabato, ha detto un testimone all’agenzia di stampa dpa.

Domenica, Abiy ha dichiarato in un post su Twitter: “Quando siamo uniti, possiamo superare qualsiasi cosa.

“Stiamo sulle spalle dei nostri antenati che hanno pagato grandi sacrifici per noi e oggi ci impegniamo a gettare solide basi per le generazioni a venire”.

Molte persone del Tigray sono state arrestate nella capitale e cacciate dalla città a bordo di veicoli militari. La polizia ha confermato sabato che c’era stata una “operazione di pulizia”.

Nel frattempo, diversi residenti di Addis Abeba hanno dichiarato domenica di non temere il TPLF.

“Non verranno ad Addis perché credo che i militari possano distruggerli”, ha detto il venditore di abbigliamento Kebede Hailu all’agenzia di stampa AFP.

“Non ci sarà nessuna trattativa. Sono terroristi e dovrebbero essere sepolti e distrutti”.

Eppure un artista, il cantante Tariku Gankisi, è sembrato andare fuori messaggio quando è salito sul palco del raduno e ha chiesto colloqui.

“Perché stiamo dicendo di andare avanti e morire? Lascia che i giovani restino, lascia andare gli anziani [to the front]. È meglio negoziare”, ha detto. “Basta con la pistola, non è una soluzione.”

Mentre parlava, si poteva sentire qualcun altro sul palco chiedere: “Chi lo ha invitato?”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *