Mappa e percorso della maratona di New York: un tour in cinque distretti


Il percorso della Maratona di New York attraversa tutti e cinque i distretti, trasportando i corridori attraverso cinque ponti e diversi tratti collinari.

La gara di 26,2 miglia inizia a Staten Island e gira a nord attraverso Brooklyn e il Queens. I corridori si dirigono quindi a ovest attraverso il Queensboro Bridge verso Manhattan, su a nord nel Bronx e tornano a Manhattan per finire a Central Park.

È un percorso impegnativo, soprattutto a causa dei ponti collinari. Sui ponti, i corridori sono completamente esposti al vento e, poiché non ci sono spettatori, può esserci un silenzio inquietante.

Ecco alcuni punti salienti lungo il percorso, dal punto di vista di un corridore:

Attraversare il Ponte Verrazzano-Narrows è la prima sfida, e la salita più lunga della gara. Ma c’è così tanta adrenalina fin dall’inizio, e una vista così scintillante sul porto di New York e sullo skyline del centro, che i corridori a malapena sentono la salita.

La calma di Fourth Avenue – quasi sei miglia senza svoltare – alla fine lascia il posto alla bolgia di Downtown Brooklyn e Lafayette Avenue. Per due miglia, c’è la gioia delle strade fiancheggiate da arenaria nel cuore del borgo, dove molti bambini offrono fette d’arancia e altri rinfreschi. La vera sfida è non lasciare che la musica proveniente dalle finestre delle feste in casa costringa a uno sprint.

La sezione Brooklyn del percorso può richiedere ai corridori un’ora o due. Queens viene fatto in circa 10 minuti. La fine dell’inizio inizia con una sinistra in Greenpoint e una vista del ponte Pulaski nel Queens. La metà del ponte porta il segno di 13,1 miglia. Il fondo porta Queens e un’altra spinta di rumore, che non c’era a Long Island City 25 anni fa, prima del boom dell’edilizia residenziale.

La folla sulla First Avenue a Manhattan, specialmente appena fuori dal Queensboro Bridge, può essere composta da sei persone su entrambi i lati del marciapiede. Il percorso si estende dritto verso nord per tre miglia, la musica proviene dai bar dell’Upper East Side, e poi dai grandi altoparlanti accanto al viale degli appartamenti di East Harlem.

I ponti in entrata e in uscita dal Bronx sono bassi e corti, e l’intero quarto distretto si fa in un miglio e mezzo. Le svolte rapide aggiungono un po’ di varietà dopo un lungo rettilineo. La gara supera le 20 miglia nel Bronx, dove le cose possono diventare davvero difficili per i corridori. Hai mai sentito parlare del muro?

Tutti i ponti sono passati. Ci sono due parti in questo prossimo tratto di poco meno di due miglia: arrivare a Marcus Garvey Park e un pittoresco giro intorno alla piazza, e poi 10 isolati in cima a Central Park.

Quando il Museo Guggenheim viene in vista, i corridori hanno tre miglia rimanenti. Il percorso si snoda in – e brevemente fuori – Central Park, dove il traguardo chiama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *