Lime raccoglie oltre $ 500 milioni, conferma i piani per rendere pubblica la sua società di scooter elettrici

Lime ha annunciato oggi di aver raccolto 523 milioni di dollari in finanziamenti, segno che gli investitori si sentono più ottimisti sulla sopravvivenza a lungo termine degli scooter elettrici condivisi in un mondo post-pandemia. Anche Lime deve sentirsi più ottimista, perché un portavoce ha confermato che la società prevede di diventare pubblica nel 2022.

Lo scorso settembre, Insider segnalato che Lime sperava di raccogliere fino a $ 200 milioni in debito convertibile da Uber e da altri investitori precedenti. Secondo quanto riferito, la società di scooter era anche in trattative con la banca di investimento Evercore per diventare pubblica tramite una fusione inversa con una società di acquisizione speciale, o SPAC, ma Insider dice che quei discorsi sono svaniti.

Ora, Lime afferma che il suo ultimo round di finanziamento è stato sottoscritto in eccesso, con $ 418 milioni di finanziamento del debito guidato da Abu Dhabi Growth Fund, Fidelity Management & Research, Uber e alcuni fondi gestiti da Highbridge Capital Management. La società ha anche ricevuto un prestito a termine garantito senior da 105 milioni di dollari da un gruppo di private equity presso UBS O’Connor. (Questi prestiti bancari sono generalmente concessi a società che hanno rating creditizi inferiori a investment grade.)

Lime non sta rilasciando dettagli sui tassi di interesse o qualsiasi altra cosa relativa ai termini dell’accordo, ha detto il portavoce. La società ha inoltre rifiutato di rivelare se ha intenzione di diventare pubblica attraverso la fusione con una società di acquisizione speciale (SPAC) o una tradizionale offerta pubblica iniziale.

Gli ultimi due anni sono stati un ottovolante per Lime e per l’intera industria degli scooter condivisi. Il numero di passeggeri della compagnia è diminuito del 95% a causa della pandemia. Mentre il mondo era bloccato, Lime ha concluso un accordo di investimento cruciale con Uber e altri per $ 170 milioni per rilevare il business di biciclette e scooter Jump dell’azienda di corse.

Nell’autunno del 2020, la società si sentiva più ottimista, avendo raggiunto il traguardo di 200 milioni di corse in tutto il mondo. L’amministratore delegato di Lime Wayne Ting ha dichiarato a una folla di investitori a novembre che per la prima volta la società ha registrato un flusso di cassa positivo e un flusso di cassa libero positivo nel terzo trimestre ed era sulla buona strada per essere redditizia per l’intero anno, esclusi alcuni costi, nel 2021. (Essere positivo al flusso di cassa significa che Lime ha più soldi che entrano nel business in un dato momento che ne esce. Ma non è lo stesso che avere un reddito netto o essere redditizio dopo aver aggiustato i tuoi guadagni per interessi e tasse, noto anche come EBIT.)

Poi è arrivata la variante Delta, che ha portato a più lockdown e riaperture ritardate. Ora, un portavoce non confermerebbe se Lime fosse ancora sulla buona strada per un intero anno di redditività, anche se i suoi ultimi due trimestri sono stati EBIDTA (utili prima di interessi, deprezzamenti, tasse e ammortamenti) redditizi.

Anche se si è dimostrato popolare tra i motociclisti, i primi anni dello scooter sharing sono stati caratterizzati da forti perdite. La maggior parte delle aziende ha fatto affidamento su una forte dose di capitale di rischio per mantenere a galla le proprie operazioni. L’industria ha lottato per fissare la sua economia unitaria, in cui il prezzo di acquisto per ogni scooter ha superato l’importo delle entrate che ha portato prima di crollare.

Gli scooter originali distribuiti da aziende come Bird e Lime, per lo più provenienti da aziende cinesi come Xiaomi e Segway-Ninebot, non erano costruiti per l’uso condiviso, quindi erano soggetti a guasti, spesso entro poche settimane dal lancio. Ma negli ultimi anni, le aziende di scooter si sono impegnate a lanciare scooter migliori e più durevoli al fine di aumentare la durata media e migliorare l’economia della loro unità.

La quotazione in borsa aiuterebbe sicuramente a raccogliere denaro nel breve termine, ma comporta anche grandi rischi. Il principale rivale di Lime, Bird, è recentemente diventato pubblico tramite una fusione SPAC che ha valutato la società con sede a Santa Monica a $ 2,3 miliardi. Quell’affare si è appena concluso e non appena sono stati quotati pubblicamente, le azioni della nuova società sono diminuite drasticamente.

Ma mentre Bird si affida al suo modello di business di invio di flotte di scooter a piccoli operatori per gestire l’implementazione e la ricarica, Lime probabilmente farà affidamento sulle sue dimensioni e sul suo status globale per attirare l’interesse degli investitori. La società afferma di essere il principale operatore di scooter negli Stati Uniti e in Europa. Ha raggiunto 250 milioni di corse durante l’estate (ricordiamo che era a 200 milioni un anno fa) e recentemente ha lanciato la versione di quarta generazione del suo scooter elettrico.

“Questo round di sottoscrizione in eccesso è una testimonianza del forte business che abbiamo costruito e della straordinaria fiducia che abbiamo ricevuto dalla comunità finanziaria”, ha affermato Ting in una nota. “Questo investimento ci consentirà di raddoppiare la nostra ultima generazione di e-bike ed e-scooter, nonché di modalità aggiuntive, per garantire alle persone un accesso affidabile a un trasporto economico, condiviso e privo di emissioni di carbonio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *