Il comandante del sottomarino americano ha sparato dopo l’incidente nel Mar Cinese Meridionale | Notizie sul Mar Cinese Meridionale


Il comandante Cameron Aljilani e altri due sono stati rimossi dalle loro posizioni giovedì a seguito di un’indagine sull’incidente del 2 ottobre.

La Marina degli Stati Uniti ha licenziato il comandante, l’ufficiale esecutivo e il massimo marinaio di un sottomarino a propulsione nucleare che si è schiantato contro una montagna sottomarina il 2 ottobre, affermando che l’incidente era prevenibile.

Il comandante Cameron Aljilani e altri due sono stati rimossi dalle loro posizioni giovedì a seguito di un’indagine sull’incidente nel conteso Mar Cinese Meridionale.

La USS Connecticut fu costretta a navigare in superficie per una settimana per raggiungere Guam.

“Un buon giudizio, un processo decisionale prudente e l’aderenza alle procedure richieste nella pianificazione della navigazione, nell’esecuzione della squadra di sorveglianza e nella gestione del rischio avrebbero potuto prevenire l’incidente”, ha affermato in una nota la 7a flotta con sede nel Pacifico occidentale.

Dopo una valutazione dei danni a Guam, la nave tornerà alla base sottomarina americana di Bremerton, Washington, per le riparazioni.

La scorsa settimana la Marina ha affermato che l’indagine ha mostrato che il sottomarino ha colpito una “montagna sottomarina” inesplorata mentre pattugliava sotto la superficie.

Nell’incidente sono rimasti feriti undici marinai. Secondo i rapporti, l’incidente ha danneggiato i serbatoi di zavorra anteriore del sottomarino, ma la sua centrale nucleare non è stata danneggiata.

La Marina degli Stati Uniti conduce regolarmente operazioni nella regione per contestare le contestate rivendicazioni territoriali della Cina su piccole isole, scogliere e affioramenti.

Aljilani è stato sostituito da un comandante ad interim.

Per settimane, la causa dell’incidente era rimasta un mistero, con la Marina degli Stati Uniti che inizialmente aveva affermato che il sottomarino aveva colpito un “oggetto” mentre era sott’acqua in acque internazionali.

L’USS Connecticut è un sottomarino ad attacco rapido di classe Seawolf USS Connecticut (SSN 22) e aveva 140 membri dell’equipaggio, inclusi 14 ufficiali, al momento dell’incidente.

La Marina afferma che le navi Seawolf sono “silenziose, veloci, ben armate e dotate di sensori avanzati”. Hanno anche otto tubi lanciasiluri.

Il Mar Cinese Meridionale è uno dei corsi d’acqua più controversi ed economicamente significativi del mondo.

La Cina rivendica quasi l’intera area sotto la sua controversa linea di nove trattini e negli ultimi anni ha costruito isole artificiali e avamposti militari.

Anche Malaysia, Brunei, Vietnam e Filippine rivendicano parti del mare, così come Taiwan.

Gli Stati Uniti hanno condotto quelle che chiamano operazioni di “libertà di navigazione” nel Mar Cinese Meridionale per affermare i diritti e le libertà di navigazione in linea con il diritto internazionale.

Le tensioni nell’area sono aumentate solo dal 2016, quando la Corte internazionale di arbitrato dell’Aia ha respinto la linea di nove trattini della Cina e ha stabilito che Pechino non aveva alcun titolo storico sul Mar Cinese Meridionale dopo che le Filippine avevano contestato le rivendicazioni e le azioni di Pechino sulla via d’acqua contesa.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *