L’India celebra il Diwali tra inquinamento atmosferico e paure per il COVID | Notizie sulla religione


Le celebrazioni dello scorso anno sono state sconvolte da un nuovo picco di infezioni da COVID-19, ma i festeggiamenti quest’anno sembrano essere tornati.

Gli indiani di tutto il paese stanno celebrando il Diwali, il festival delle luci, tra le preoccupazioni per la pandemia di coronavirus e l’aumento dell’inquinamento atmosferico.

Diwali è tipicamente celebrato socializzare e scambiare doni con la famiglia e gli amici. Molte lampade a olio o candele per simboleggiare una vittoria della luce sulle tenebre e fuochi d’artificio sono parte delle celebrazioni.

L’anno scorso, le celebrazioni in India sono state sconvolte da un nuovo picco di infezioni da COVID-19, ma i festeggiamenti quest’anno sembrano essere tornati.

Un grafico dei giorni pesanti di inquinamento a Nuova Delhi dal 2015.

Anche se il governo ha chiesto alle persone di evitare i grandi raduni, i mercati hanno ronzato davanti a Diwali, con folle desiderose di acquistare fiori, lanterne e candele.

All’imbrunire di mercoledì, più di 900.000 lampade di terra sono state accese e hanno continuato a bruciare per 45 minuti giovedì nella città settentrionale di Ayodhya, nello stato dell’Uttar Pradesh, mantenendo il Guinness dei primati stabilito lo scorso anno.

Nell’ambito delle celebrazioni del Diwali, l’anno scorso la città ha acceso 606.569 lampade a olio.

Le lampade sono state accese a Ram ki Pauri, sulle rive del fiume Saryu, uno spettacolo straordinario per migliaia di visitatori che hanno affollato le sue rive ignorando le norme di allontanamento sociale del coronavirus.

La gente guarda i fuochi d’artificio lungo le rive del fiume Sarayu durante le celebrazioni del Diwali ad Ayodhya [Sanjay Kanojia/AFP]

È seguito uno spettacolo di laser e fuochi d’artificio, che ha illuminato i vicoli della città e le sponde del fiume. Migliaia di abitanti della città hanno anche acceso lampade nelle loro case e nei templi.

Il festival viene celebrato in un momento in cui la crisi pandemica dell’India si è ampiamente placata.

Venerdì, il paese ha registrato quasi 13.000 nuovi casi di coronavirus e 461 decessi, ben lontani dall’inizio di quest’anno, quando l’India ha ceduto a poche centinaia di migliaia di nuove infezioni ogni giorno.

Complessivamente, secondo il ministero della salute, ha registrato oltre 35 milioni di infezioni e oltre 459.000 decessi. Queste cifre, come altrove, rischiano di essere sottostimate.

Gli operai trasportano un idolo della dea indù Kali in un luogo di culto alla vigilia del Diwali a Kumortuli, il tradizionale quartiere dei vasai nel nord di Calcutta [Dibyangshu Sarkar/AFP]

Anche gli stati in cui le infezioni si sono ingrossate poche settimane fa, come il Kerala lungo la costa tropicale del Malabar, hanno visto un calo sostenuto.

L’India ha anche celebrato la somministrazione della sua miliardesima dose di vaccino contro il COVID-19 il mese scorso, rafforzando ulteriormente la fiducia che la vita stia tornando alla normalità.

Tuttavia, gli esperti hanno avvertito che la stagione dei festival potrebbe portare a un nuovo picco di infezioni se non verranno applicate le misure sanitarie COVID-19.

Persone luce olio lampade di terracotta alla vigilia del Diwali al tempio Akshardham a Gandhinagar, Gujarat [Sam Panthaky/AFP]

Ci sono anche preoccupazioni per l’inquinamento atmosferico, che in genere avvolge il nord dell’India sotto uno smog grigio tossico in questo momento mentre le temperature scendono e l’inverno si stabilizza.

Nella notte di Diwali, le persone illuminano il cielo anche con petardi: il loro fumo causa un inquinamento che impiega giorni per diradarsi.

Sebbene non vi sia alcun divieto a livello nazionale di far scoppiare petardi, un certo numero di stati ha imposto restrizioni per arginare l’inquinamento, con alcuni che consentono ai loro residenti di accendere i cosiddetti petardi verdi per un certo numero di ore.

I petardi verdi producono meno emissioni dei normali petardi. In passato, divieti simili sono stati spesso violati.

La gente compra petardi alla vigilia del Diwali in un mercato ad Amritsar, nello stato del Punjab [Narinder Nanu/AFP]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *