I conducenti di Amazon Flex inizieranno a ricevere assegni per 60 milioni di dollari in mance trattenute

La Federal Trade Commission invierà più di 60 milioni di dollari agli autisti per il programma Flex di Amazon, che rappresentano mance che secondo la commissione sono state trattenute illegalmente.

Secondo l’annuncio ufficiale, la FTC sta preparando 139.501 assegni e 1.621 pagamenti PayPal ai conducenti che avevano più di $ 5 in mance trattenute. Il rimborso più alto per un singolo conducente è di oltre $ 28.000, mentre il rimborso medio è di $ 422. Quasi 20.000 conducenti riceveranno assegni per più di $ 600, ha affermato la FTC.

I conducenti dovrebbero ricevere i loro suggerimenti prima del 7 gennaio 2022.

All’inizio di quest’anno, la FTC ha citato in giudizio Amazon per aver trattenuto le mance nel suo programma Flex tra gli anni 2016 e 2019. Amazon ha continuato a raccogliere parti delle mance dei conducenti fino a quando il governo ha intentato una causa che delinea il presunto comportamento illegale nel 2019, secondo il L’indagine della FTC.

“Piuttosto che passare il 100% delle mance dei clienti agli autisti, come aveva promesso di fare, Amazon ha usato il denaro stesso”, ha affermato Daniel Kaufman, direttore ad interim del Bureau of Consumer Protection della FTC, a febbraio.

A febbraio, Amazon ha accettato di risolvere il caso e cedere tutti i soldi della mancia, per un totale di oltre $ 60 milioni, alla FTC. Amazon non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da Il Verge di giovedì.

Amazon Flex stipula contratti con singoli conducenti per consegnare pacchi nei propri veicoli, principalmente consegnando merci Prime Now e Amazon Fresh. Nella sua causa di febbraio, la FTC ha affermato che ai clienti e agli autisti era stato detto da Amazon che i conducenti avrebbero ricevuto il 100% di qualsiasi mancia pagata. Questa pratica si è conclusa nel 2016 dopo che Amazon avrebbe abbassato la paga oraria minima per i conducenti e ha compensato la differenza con i soldi della mancia. La FTC ha affermato che i conducenti non sono stati informati di questo cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *