Scambiando per Von Miller, i Rams sono tutti dentro


Per più di cinque lunghi e ininterrotti minuti ad agosto, Les Snead, general manager dei Los Angeles Rams, si è seduto su un trespolo vicino alla sala pesi all’aperto della squadra della NFL e ha spiegato la sua filosofia sulla costruzione di un roster.

Aveva appena assistito a un allenamento in campo di addestramento che includeva Matthew Stafford, il nuovo quarterback dei Rams, con cui Snead aveva scambiato all’inizio della bassa stagione, e rise del suo processo mentale.

“È una buona cosa che questo sia un affare di giornale”, ha detto Snead in un’intervista, “perché non puoi spiegare tutto questo velocemente in televisione”.

La metodologia del draft dei Rams ha bisogno di un po’ di chiarezza per essere compresa dall’esterno, soprattutto dopo che i Rams questa settimana hanno scambiato le scelte del secondo e terzo turno del 2022 con i Denver Broncos per Von Miller, uno dei migliori linebacker esterni della lega. Gli scambi della squadra hanno lasciato i Rams senza alcuna selezione al primo turno fino al 2024 e solo quattro scelte nel prossimo draft, la prima delle quali è al terzo turno.

“Devi essere consapevole di quale finestra ti trovi”, ha detto Snead.

Anche prima dell’arrivo di Miller, i Rams (7-1) erano visti come i favoriti del Super Bowl, con un’unità difensiva che guidava la lega nei sack (25). Lo scambio ha chiarito che Los Angeles, che ospiterà il Super Bowl nel suo stadio di casa questa stagione, è in modalità “vinci-ora”.

Ma la volontà della squadra di rinunciare al progetto di capitale limita la sua capacità di estendere quella finestra nel modo più economico possibile, trasformando i giocatori in titolari mentre hanno un contratto da principiante.

Da quando si sono scambiati 14 posti per selezionare il quarterback Jared Goff con la prima scelta assoluta nel 2016, Snead e il front office dei Rams hanno spesso distribuito scelte al draft ad altre squadre per rubacchiare le loro migliori risorse. Hanno raggiunto il Super Bowl nella stagione 2018 con Goff, quindi hanno cercato di costruire intorno a lui attraverso scambi, in particolare acquisendo il cornerback Jalen Ramsey nel 2019 dai Jacksonville Jaguars in cambio di scelte, di cui due al primo turno quell’anno.

Quando divenne chiaro che Goff non avrebbe riportato Los Angeles alla partita di campionato, Snead fece rete a Stafford impacchettando il contratto di Goff con scelte, di cui due al primo turno.

Stafford e Ramsey erano tra le prime cinque selezioni nei loro draft, e i Rams non sono stati disposti a perdere abbastanza per essere in lizza per un draft così alto. Snead ha affermato che è stato più prezioso scambiare scelte che probabilmente sarebbero arrivate a metà degli anni ’20 per acquisire giocatori comprovati.

“La cosa bella di farlo in questo modo è che non stai indovinando”, ha detto Snead. “Il giocatore è stato all’altezza del suo status di draft”.

Non c’è mistero su come Miller, la scelta assoluta n. 2 nel 2011 e una selezione per otto volte del Pro Bowl, si esibirà. Il giocatore più prezioso del Super Bowl nella stagione 2015, ha totalizzato 110½ sack in carriera e quattro e mezzo in questa stagione. La sua presenza in difesa con Ramsey e affrontare Aaron Donald complicherà ulteriormente i copioni di gioco dei coordinatori offensivi e dovrebbe alleviare le doppie squadre di Donald.

I Rams la scorsa settimana hanno scambiato un linebacker titolare, Kenny Young, con i Broncos per liberare spazio sotto il tetto salariale. L’allenatore dei Rams Sean McVay ha dichiarato ai giornalisti il ​​mese scorso che inizialmente non pensava che la squadra avrebbe fatto una mossa vistosa prima della scadenza commerciale di martedì, ma lui e Snead si sono lanciati sulla possibilità di scambiare per Miller.

“Amo il coraggio, amo l’aggressività e quella filosofia si è evoluta e continua”, ha detto McVay ai giornalisti lunedì della sua relazione con Snead.

“Non abbiamo paura di quali siano queste conseguenze perché attaccheremo le opportunità per avere successo”, ha aggiunto. “Questa è la mentalità che penso che abbiamo come organizzazione, come squadra e nel nostro edificio.”

Snead e McVay si sono opposti all’idea che l’approccio commerciale aggressivo del team significasse che l’organizzazione non vedeva valore nella bozza.

“Ci crediamo ancora e sentiamo che puoi usarlo in un modo molto particolare a seconda delle opzioni che abbiamo”, ha detto Snead.

I Rams sono stati in grado di trovare collaboratori nei round successivi, che attribuiscono ai loro scout che trovano giocatori sottovalutati e ai loro allenatori di posizione che li sviluppano.

Il miglior ricevitore della squadra, Cooper Kupp, selezionato per il terzo turno nel 2018, guida la lega in prese (63), yard (924) e touchdown (10). Il ricevitore Van Jefferson e il running back Cam Akers, che si è strappato il tendine d’Achille prima del training camp, erano le scelte del secondo round nel 2020.

“C’è una formula per molte delle cose che stiamo facendo dietro le quinte”, ha detto McVay. “C’è una visione in atto. E sentiamo che è adatto a noi, e potrebbe non essere adatto a tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *