I Knicks cadono ai Raptors in mezzo a una raffica di 3-punti


Lunedì, verso la fine del primo quarto, Julius Randle, il corpulento attaccante All-Star dei Knicks, si è fermato e ha inclinato un tiro da 25 piedi. Era il tipo di tiro che avrebbe potuto mandarlo in panchina in una precedente era del basket, o anche in una precedente squadra allenata da Tom Thibodeau. Lunedì è stato il quarto da 3 di Randle in 12 minuti.

È stato anche uno scatto emblematico del nuovo look dei Knicks: la versione di quest’anno prende da 3 punti. Molti di loro. Nel solo primo quarto contro i Toronto Raptors lunedì, 13 dei 19 tiri dei Knicks – e cinque di Randle – sono stati da dietro la linea dei 3 punti. L’approccio è stato un segno distintivo di la nuova era del Bing Bong dei Knicks, ed è parte del motivo per cui la squadra di Thibodeau è partita con un 5-2, il migliore della franchigia dalla stagione 2012-13.

Nella loro seconda partita, i Knicks hanno stabilito un record di squadra per il maggior numero di triple in una partita con 24, in rotta verso una vittoria per 121-96. Quest’anno, i Knicks stanno effettuando 40,6 tiri profondi a partita; questo è buono per l’ottavo posto in campionato ed è 10 in più a partita rispetto alla scorsa stagione, quando i Knicks si classificavano vicino al ultimo in classifica nei tentativi.

“Con il 3, puoi recuperare terreno rapidamente”, ha detto Thibodeau. O no. Lunedì i Knicks ne hanno provati 36, ne hanno fatti meno della metà e hanno assorbito la loro seconda sconfitta stagionale, una sconfitta per 114-103 contro i Raptors.

Anche se i Knicks non hanno provato tanti 3 la scorsa stagione, sono stati precisi nei pochi che hanno tirato: 39,2 percento su tutto, buono per il terzo posto nella NBA Quest’anno, sono di nuovo vicino al massimo in termini di precisione, solo con più volume. Al loro ritmo attuale, i Knicks sono sulla buona strada per avere un attacco tra i primi cinque per la prima volta da quella squadra del 2012-13.

Anche i Knicks hanno alzato il ritmo, anche se di poco. La scorsa stagione, i Knicks erano ultimo morto nei punti contropiede. Quest’anno, sono 22.

“Penso che questo sia il più veloce che ho visto giocare per molto tempo”, ha detto l’allenatore di Toronto Nick Nurse prima della partita di lunedì.

I primi ritorni positivi sulla stagione dei Knicks sono l’indicazione più chiara che Thibodeau – un allenatore noto per l’ostinata aderenza al suo marchio di basket fisico – è in grado di adattarsi alle nuove realtà della moderna NBA Ha reinventato l’identità offensiva della squadra con un semplice mantra.

“Guida la palla, prendi il tuo spazio, fai leggere il tuo cerchio – mantieni il gioco semplice”, ha detto Thibodeau ai giornalisti lunedì, aggiungendo: “Quando lo facciamo, siamo davvero bravi”.

Tuttavia, il passaggio a un attacco più pesante da 3 punti non è stato semplicemente il caso di dire alla squadra di tirarne di più.

Thibodeau ha ricevuto un aiuto significativo – o, secondo alcune interpretazioni, gli è stata forzata la mano – da un cambio di personale. La scorsa stagione, playmaker titolare dei Knicks era Elfrid Payton, un non tiratore che le difese avversarie spesso ignoravano sul perimetro, ostruendo la vernice per Randle e lasciandolo più suscettibile alle doppie squadre. Quest’anno, Kemba Walker ha occupato quel posto, ed è entrato lunedì sera girando un 57,9 percento quasi sicuramente insostenibile su 3 punti.

Non è solo avere tiratori migliori. Walker ed Evan Fournier sono giocatori di palla superiori e il loro arrivo, insieme al migliorato RJ Barrett, consente ai Knicks di abbattere più facilmente le difese e creare opportunità aperte all’esterno.

Anche avere un Mitchell Robinson sano nella formazione iniziale è stata una spinta. A 7 piedi, Robinson attira l’attenzione sul bordo come una delle migliori minacce di alley-oop dei Knicks al canestro. Ciò dà ai Knicks più spazio sul perimetro per creare look aperti.

Se c’è un segnale preoccupante, è sulla difensiva, dove i Knicks sono stati sotto la media — qualcosa di molto insolito per una squadra allenata da Thibodeau. Mentre i Knicks hanno preso un sacco di 3, anche loro rinunciare a molto — più di tutte tranne due squadre della NBA

Le loro nuove acquisizioni – Walker e Fournier – non sono note per la loro difesa. Martedì, i Knicks hanno ceduto sguardi – e punti – all’interno e all’esterno dell’attaccante dei Raptors OG Anunoby, che ha segnato 36 punti. Mentre Toronto ha realizzato solo 14 dei suoi 42 tiri da 3 punti, è stato sufficiente per aumentare a doppia cifra nel secondo tempo.

Sette giochi non sono un campione enorme. Inevitabilmente, alcuni numeri di tiro, come quello di Walker, torneranno sulla terra. Ma i Knicks dal nuovo look, con un attacco elegante e contemporaneo, sembrano avere il personale per meritare il loro ottimismo iniziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *