COP26: più di 100 paesi si impegnano a porre fine alla deforestazione entro il 2030 | Notizia


Più di 100 paesi hanno promesso di arrestare e invertire la perdita di foreste e il degrado del suolo entro la fine del 2030, sostenuti da 19 miliardi di dollari in fondi pubblici e privati ​​da investire nella protezione e nel ripristino delle foreste.

La dichiarazione congiunta rilasciata ai colloqui sul clima della COP26 a Glasgow lunedì sera è stata sostenuta dai leader di paesi tra cui Brasile, Russia, Indonesia e Repubblica Democratica del Congo, che insieme rappresentano l’85 percento delle foreste mondiali.

La Dichiarazione dei leader di Glasgow sull’uso delle foreste e del suolo coprirà foreste per un totale di oltre 33 milioni di chilometri quadrati (13 milioni di miglia quadrate), secondo una dichiarazione dell’ufficio del primo ministro britannico a nome dei leader.

“Avremo la possibilità di porre fine alla lunga storia dell’umanità come conquistatrice della natura, e invece diventarne il custode”, ha affermato Boris Johnson, definendolo un accordo senza precedenti.

Martedì sono state lanciate una serie di ulteriori iniziative governative e private per aiutare a raggiungere questo obiettivo, inclusi miliardi in impegni per i guardiani indigeni della foresta e dell’agricoltura sostenibile.

Secondo il World Resources Institute (WRI), le foreste assorbono circa il 30% delle emissioni di anidride carbonica. Le foreste eliminano le emissioni dall’atmosfera e impediscono loro di riscaldare il clima.

Tuttavia, questo cuscinetto climatico naturale sta rapidamente scomparendo. Il mondo ha perso 258.000 chilometri quadrati (99.600 miglia quadrate) di foresta nel 2020, secondo l’iniziativa di monitoraggio della deforestazione del WRI Global Forest Watch.

Questa è un’area più grande del Regno Unito.

Michelle Passero, direttrice del programma sui cambiamenti climatici di The Nature Conservancy in California, ha definito l’accordo un “inizio fantastico”.

“Abbiamo bisogno di impegni come questo per dare il via alla COP26”, ha detto ad Al Jazeera da San Francisco negli Stati Uniti. “Questo è davvero un buon inizio. Abbiamo anche bisogno di collegare tutti i punti fino al suolo, per coinvolgere le comunità e le comunità indigene in soluzioni”.

L’accordo di lunedì amplia enormemente un impegno simile assunto da 40 paesi come parte della Dichiarazione di New York sulle foreste del 2014 e va oltre quanto mai prima nel disporre le risorse per raggiungere tale obiettivo.

In base all’accordo, 12 paesi, incluso il Regno Unito, si sono impegnati a fornire 8,75 miliardi di sterline (12 miliardi di dollari) di finanziamenti pubblici tra il 2021 e il 2025 per aiutare i paesi in via di sviluppo, anche negli sforzi per ripristinare i terreni degradati e affrontare gli incendi.

Almeno altri 5,3 miliardi di sterline (7,2 miliardi di dollari) verrebbero forniti da oltre 30 investitori del settore privato, tra cui Aviva, Schroders e AXA.

Gli investitori, che rappresentano 8,7 trilioni di dollari di asset in gestione, si sono anche impegnati a smettere di investire in attività legate alla deforestazione entro il 2025.

Martedì cinque paesi, tra cui Regno Unito e Stati Uniti, e un gruppo di enti di beneficenza globali si sono impegnati a fornire 1,7 miliardi di dollari in finanziamenti per sostenere la conservazione delle foreste delle popolazioni indigene e rafforzare i loro diritti alla terra.

Gli ambientalisti affermano che le comunità indigene sono i migliori protettori della foresta, spesso contro l’invasione violenta di taglialegna e accaparratori di terre.

Più di 30 istituzioni finanziarie con oltre 8,7 trilioni di dollari di asset in gestione hanno anche affermato che avrebbero compiuto “i migliori sforzi” per eliminare la deforestazione legata alla produzione di bestiame, olio di palma, soia e polpa entro il 2025.

La COP26 mira a mantenere vivo l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C (2,7F) al di sopra dei livelli preindustriali. Gli scienziati affermano che le foreste e le cosiddette soluzioni basate sulla natura saranno fondamentali per raggiungere questo obiettivo.

Secondo il progetto Biomass Carbon Monitor, sostenuto dalla società di analisi dei dati Kayrros e dagli istituti di ricerca francesi, i boschi hanno rimosso circa 760 milioni di tonnellate di carbonio ogni anno dal 2011, compensando circa l’8% delle emissioni di anidride carbonica da combustibili fossili e cemento.

“La nostra biosfera ci sta davvero aiutando a salvarci per il momento, ma non vi è alcuna garanzia che tali processi continueranno”, ha affermato Oliver Phillips, un ecologista presso l’Università di Leeds nel Regno Unito.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *