Secondo quanto riferito, la politica di tracciamento delle app di Apple è costata alle piattaforme di social media quasi $ 10 miliardi

Un’indagine di Il Financial Times ha scoperto che Snapchat, Facebook, Twitter e YouTube hanno perso circa $ 9,85 miliardi di entrate a seguito delle modifiche di Apple alle sue pratiche sulla privacy. L’anno scorso, Apple ha annunciato la politica di trasparenza del monitoraggio delle app (ATT) che richiede alle app di chiedere l’autorizzazione per tenere traccia dei dati degli utenti. La politica è entrata in vigore ad aprile, impedendo alle app di tracciare gli utenti in caso di rinuncia.

Facebook ha criticato in particolare la mossa con un annuncio su un giornale a tutta pagina e grazie al FT‘s report, ora sappiamo perché i leader dell’azienda erano così frustrati. Secondo il rapporto, Facebook ha perso la maggior parte dei soldi “in termini assoluti” rispetto ad altre piattaforme social a causa delle sue enormi dimensioni. Nel frattempo, Snap “è andata peggio come percentuale della sua attività” perché la sua pubblicità è principalmente legata agli smartphone, il che ha senso per un prodotto che non ha una versione desktop.

“Alcune delle piattaforme più colpite, ma soprattutto Facebook, devono ricostruire i loro macchinari da zero a causa dell’ATT”, ha detto il consulente adtech Eric Seufert FT. “La mia convinzione è che ci voglia almeno un anno per costruire nuove infrastrutture. Nuovi strumenti e framework devono essere sviluppati da zero e testati ampiamente prima di essere distribuiti a un numero elevato di utenti”.

La nuova politica di Apple costringerà le piattaforme social e altre app a diventare più creative con la loro pubblicità. Sia che ciò significhi concentrarsi sui dispositivi Android o investire nell’attività pubblicitaria di Apple, che ha quasi infranto le proprie regole raccogliendo silenziosamente i dati degli utenti allo stesso modo delle app di terze parti, dovranno trovare un’altra fonte di entrate che non coinvolgere il monitoraggio delle persone sui loro iPhone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *