“Scream” è ancora più inquietante nell’era dei gadget intelligenti?

Questo, a quanto pare, è dove il nuovo Grido (che è, in modo confuso, anche chiamato Grido) troverà i suoi brividi. Nel trailer di due minuti per il film, dopo che una telefonata terrificante arriva sul suo telefono fisso, viene mostrata una giovane donna che combatte febbrilmente contro le serrature intelligenti della sua casa, proprio la cosa che dovrebbe proteggerla. Mentre li blocca, l’assassino, in agguato in un luogo sconosciuto, li disarma. Ha già perso il controllo. Ne deriva il panico. Ogni senso di sicurezza è infranto.

Con questo colpo, al pubblico viene ricordato perché Ghostface è sempre stato il perfetto cattivo dei film horror: è umano. A differenza dei Jason e Michael Myers del mondo, la persona all’interno del costume non ha poteri soprannaturali. Inciampa e grugnisce quando viene attaccato e non ha le unghie di Freddy Krueger. Le sue uniche abilità provengono dai gadget, qualcosa che lo rende molto più plausibile e molto più terrificante.

Quindi, se quel mostro umano si impossessa della tecnologia moderna, che tipo di orrori può causare? Sappiamo che la tecnologia è già stata utilizzata per promuovere gli abusi. La violenza domestica, che è rivolto principalmente alle donne, Potere aumentare con l’uso di dispositivi intelligenti e altre tecnologie. Ci sono già state segnalazioni sui social media di donne che trovano Apple AirTag attaccati alle loro auto dopo aver realizzato di essere stati rintracciati dagli stalker.

L’originale Grido è perfetto per il 1996. Ma farlo rivivere ora significa che deve essere molto più intelligente (e il franchise era già abbastanza intelligente per cominciare). Resta da vedere se la nuova puntata farà questo e come, ma è da notare che non viene chiamato Urlo 5. Forse il punto è riportare Sidney (e Gale, e Dewey…) per un ultimo spavento prima di riavviare il franchise con un cattivo più saggio e più vile.

I mostri come Freddy non possono essere conquistati perché non sono vivi come te e me. Possono cadere dai balconi, essere accoltellati o rimanere intrappolati in una casa che brucia e scomparire rapidamente quando lo spettatore gira la testa. Quell’idea è orribile, ma ciò che è più spaventoso, la cosa che Grido sfruttato—è che ci sono mostri che camminano tra di noi ogni giorno. Il poster ufficiale dice tutto: è sempre qualcuno che conosci. Ghostface è un inquietante promemoria che l’assassino potrebbe essere un compagno di classe, un partner, un amico. Non importa quanto lontano siamo arrivati, non possiamo scappare da loro.


Altre grandi storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *