Nuova sottovariante del coronavirus Delta AY.4.2: cosa sappiamo finora | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Funzionari sanitari e scienziati stanno seguendo da vicino una nuova mutazione del coronavirus tra le preoccupazioni che potrebbe essere più trasmissibile del ceppo originale.

Una sottovariante della variante Delta del virus etichettata AY.4.2 è stata rilevata in dozzine di paesi, con la stragrande maggioranza dei casi segnalati nel Regno Unito.

“Un aumento di AY. 4.2 presentazioni di sequenze sono state osservate da luglio “, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) disse nel suo aggiornamento epidemiologico settimanale questa settimana.

Ha affermato che il 93 percento dei casi AY.4.2 è stato segnalato nel Regno Unito, dove il ceppo stava gradualmente contribuendo a una percentuale maggiore di casi e rappresentava circa il 5,9 percento dei casi Delta complessivi segnalati lì nella settimana a partire dal 3 ottobre.

“Studi epidemiologici e di laboratorio sono in corso” per valutare se c’è stato un cambiamento di trasmissibilità o una diminuzione dell’effetto degli anticorpi per respingere il virus, ha aggiunto l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite.

La scorsa settimana l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha etichettato AY.4.2 come “variante sotto inchiesta”, ma nonostante la sua diffusione, non è ancora stata etichettata come “variante preoccupante”.

Ecco cosa sappiamo finora:

Qual è il nuovo ceppo AY.4.2?

La sottovariante è un’evoluzione della variante Delta altamente trasmissibile del coronavirus. Gli scienziati hanno scoperto tre mutazioni di cui due nella proteina spike, la parte del virus che gli consente di legarsi e invadere le cellule del corpo.

Il nuovo ceppo è stato trovato in almeno 42 paesi, secondo un’indagine epidemiologica dell’OMS aggiornare, tra cui Regno Unito, India, Israele, gli Stati Uniti e Russia.

La sottovariante, che alcuni hanno etichettato come “Delta Plus”, contiene modifiche che potrebbero dare al virus vantaggi in termini di sopravvivenza rispetto ad altre varianti.

In precedenza, le varianti hanno alimentato nuove ondate di casi di coronavirus. La variante Alpha si è diffusa ampiamente dopo essere stata scoperta nel Regno Unito alla fine del 2020 e la variante Delta è diventata il ceppo dominante del virus in tutto il mondo da quando è stata scoperta in India alla fine del 2020.

Tuttavia, gli esperti hanno notato che AY.4.2 non è diventato il ceppo dominante nei paesi in cui è stato segnalato.

“Attualmente, il ceppo è stato trovato in alcuni altri paesi, ma non sta diventando predominante”, ha detto ad Al Jazeera la dottoressa Roselyn Lemus-Martin, che ha conseguito un dottorato di ricerca in biologia molecolare e cellulare presso l’Università di Oxford.

“È possibile che vediamo una situazione simile al ceppo Lambda … all’inizio, le persone erano preoccupate, ma alla fine la sua presenza è stata diluita in luoghi come gli Stati Uniti o il Regno Unito”, ha aggiunto.

Gli esperti hanno anche notato che mutazioni simili sono state osservate in altre varianti e altri lignaggi della variante Delta, senza avere un grande effetto sul virus.

La variante Delta rimane “di gran lunga la variante più dominante in termini di circolazione globale”, Maria Van Kerkhove, epidemiologa dell’Organizzazione mondiale della sanità, disse in una sessione pubblica all’inizio di ottobre.

“Delta è dominante, ma Delta si sta evolvendo”, ha detto, aggiungendo che più il virus circola, maggiori sono le possibilità che muti.

AY.4.2 è più trasmissibile di Delta?

Non è ancora chiaro “se sia più trasmissibile o se sia più in grado di eludere qualsiasi immunità che abbiamo attraverso la vaccinazione”, ha detto ad Al Jazeera il dottor Patrick Tang, capo della divisione di Scienze patologiche presso Sidra Medicine in Qatar.

“Non abbiamo abbastanza dati per indicare un modo o nell’altro.”

Gli esperti hanno avvertito che la diffusione della variante potrebbe essere il risultato di una serie di fattori, comprese le misure di salute pubblica stabilite dai governi o l’adesione a tali misure.

“I piccoli cambiamenti nel virus non causano quasi mai un aumento della trasmissione. L’aumento della trasmissione … è davvero un’indicazione della risposta della salute pubblica o del rispetto delle misure di salute pubblica”, ha aggiunto.

Secondo Lemus-Martin, non è chiaro se la sua diffusione nel Regno Unito sia dovuta a ragioni biologiche o se sia legata alle “condizioni epidemiologiche nel Regno Unito”.

“Nel Regno Unito le attuali misure contro il COVID-19 sono molto permissive, praticamente non le seguono più e non sappiamo se questo potrebbe essere il motivo della diffusione”, ha aggiunto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.