I siriani rischiano la deportazione dalla Turchia per i video delle banane | Notizie sulla migrazione


Il peggioramento delle condizioni economiche in Turchia ha visto il sentimento locale rivoltarsi contro i siriani.

Diversi siriani rischiano l’espulsione dalla Turchia dopo aver pubblicato video in cui mangiano banane come parte di una “provocazione” mentre “incitano all’odio” a seguito delle tensioni tra la comunità ospitante e i rifugiati per il loro benessere finanziario.

Otto siriani, tra cui un minorenne, sono stati detenuti nella città occidentale di Izmir, ha detto sabato l’agenzia di stampa turca Demiroren. L’autorità turca per la migrazione ha affermato all’inizio di questa settimana che altri sette cittadini stranieri sarebbero stati processati per l’espulsione per motivi correlati.

I video di persone che si spacciano per siriani che mangiano banane sono comparsi dal 17 ottobre, quando un notiziario online ha filmato una discussione tra una giovane donna siriana e un gruppo di turchi in una strada di Istanbul.

Nel video, si sente un uomo di mezza età lamentarsi: “Vivi comodamente. Non posso mangiare una banana, stai comprando chili di banane”. Una donna ha anche criticato i siriani per non aver combattuto nella guerra del Paese, ma per essere tornati per le feste religiose.

Un video di TikTok pubblicato in risposta mostrava un gruppo di giovani che ridevano mentre masticavano banane in un barbiere mentre la colonna sonora dell’intervista di strada veniva riprodotta in sottofondo.

In una dichiarazione rilasciata mercoledì, la direzione generale della gestione delle migrazioni ha affermato che “sono in corso sforzi per scoprire tutti i posti provocatori … e per svolgere le necessarie procedure giudiziarie e amministrative contro tutte le persone che fanno questi posti”.

Ha affermato che “saranno avviati procedimenti di espulsione” contro sette stranieri dopo che erano stati processati dal sistema giudiziario, ma non ha specificato dove sarebbero stati espulsi i detenuti. Il principio di non respingimento vieta di riportare qualcuno in un luogo in cui corre il rischio di persecuzioni o maltrattamenti.

Le autorità di polizia di Istanbul hanno affermato che 11 siriani sono stati arrestati per “incitamento all’odio” e “insulto al popolo turco”.

La Turchia ospita la più grande popolazione di rifugiati al mondo, composta principalmente da 3,6 milioni di siriani che vivono sotto protezione temporanea. Sebbene siano stati ampiamente accolti all’inizio del conflitto siriano nel 2011, il peggioramento delle condizioni economiche in Turchia ha visto il sentimento locale rivoltarsi contro di loro.

Alcuni turchi lamentano che i siriani hanno standard di vita più elevati mentre lottano per pagare i beni di prima necessità a causa dell’elevata disoccupazione e dell’inflazione.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *