Quanto è forte l’esercito cinese? | Notizie militari


Shanghai, Cina – Tra ripetute incursioni aeree vicino a Taiwan e rapporti secondo cui la Cina ha testato armi ipersoniche, il mondo sta prestando maggiore attenzione alla modernizzazione delle forze armate cinesi e alla ricerca di armi sempre più sofisticate.

Un tempo acclamato dal Partito Comunista per aver sconfitto gli avversari del passato con solo “miglio più fucili”, l’Esercito Popolare di Liberazione (PLA) è ora diventato la più grande forza combattente del mondo, con più di due milioni di personale attivo.

Sotto il presidente Xi Jinping, la Cina è diventata più diplomaticamente assertiva e ha mostrato una maggiore disponibilità a sostenere le sue rivendicazioni sul territorio conteso con dimostrazioni della sua abilità militare. I paesi vicini e gli Stati Uniti hanno osservato da vicino.

“Le voci sempre più alte che suonano l’allarme di un potenziale conflitto Cina-USA nel Mar Cinese Meridionale provengono principalmente dal fatto che gli Stati Uniti ora vedono la Cina su un piano di parità a causa del crescente esercito di quest’ultimo”, ha affermato Yin Dongyu, un analista sulle forze armate cinesi. “E questa è già una buona indicazione della crescente forza militare della Cina”.

Negli ultimi mesi, le marine degli Stati Uniti e dei suoi alleati diplomatici hanno navigato regolarmente attraverso le acque dell’Asia del Pacifico, inclusi il Mar Cinese Meridionale e lo Stretto di Taiwan, per affermare i diritti di navigazione nelle acque internazionali.

A ottobre, gli Stati Uniti hanno annunciato AUKUS – una nuova alleanza di sicurezza con il Regno Unito e l’Australia – che porterà l’Australia ad acquisire sottomarini a propulsione nucleare dagli Stati Uniti.

Washington ha anche intensificato la vendita di armi a Taiwan, che sta modernizzando le sue forze armate e sviluppando le cosiddette capacità di guerra asimmetrica per contrastare qualsiasi attacco di Pechino, che rivendica l’isola come propria.

Il presidente cinese Xi Jinping sta riformando e modernizzando l’esercito cinese e sviluppando la sua marina [File” Li Gang/Xinhua via EPA]

Il presidente Tsai Ing-wen questa settimana ha confermato i resoconti dei media secondo cui gli Stati Uniti forniscono a Taiwan un addestramento militare specializzato da più di un anno.

“Nessuno può dire senza esitazione se la Cina e gli Stati Uniti entreranno in un vero conflitto su Taiwan o sul Mar Cinese Meridionale, ma con l’esercito cinese in crescita, nessuno vuole che ciò accada”, ha detto Yin.

Rapida espansione navale

La forza di terra del PLA è stata tradizionalmente la base della Cina per affermare il potere nella regione. Di recente ha preso il comando con l’India al confine himalayano dei due paesi, per esempio.

Tra i suoi ranghi, ci sono più di 915.000 truppe in servizio attivo nei suoi ranghi, facendo impallidire gli Stati Uniti, che hanno circa 486.000 soldati attivi, secondo l’ultimo rapporto sul potere militare cinese del Pentagono.

L’esercito ha anche rifornito il suo arsenale di armi sempre più high-tech.

Nel 2019, il missile balistico intercontinentale DF-41, che secondo gli esperti potrebbe colpire qualsiasi angolo del globo, è stato presentato durante la parata militare della Giornata Nazionale. Ma è stato un missile ipersonico DF-17 a catturare l’attenzione della maggior parte delle persone.

Quest’anno, è stato riferito che la Cina aveva effettivamente testato armi ipersoniche due volte – una a luglio e una ad agosto – con un alto generale degli Stati Uniti che descriveva la svolta come quasi un “momento Sputnik”, riferendosi al lancio del satellite del 1957 da parte dell’Unione Sovietica che ha segnalato il suo vantaggio nella corsa allo spazio.

Con il Mar Cinese Meridionale che emerge come un punto critico, anche il PLA sta sviluppando la sua marina.

La Cina rivendica il mare quasi nella sua interezza tra rivendicazioni concorrenti di Taiwan, Filippine, Vietnam, Malesia e Brunei.

La Marina dell’Esercito di Liberazione del Popolo (PLAN) è ora la più grande marina del mondo, secondo il libro bianco sulla difesa del governo, e i suoi sottomarini hanno la capacità di lanciare missili nucleari. Per sostenere la marina, la Cina ha anche le cosiddette milizie marittime, finanziate dal governo e conosciute come “omini blu”, che sono attive nel Mar Cinese Meridionale, mentre quest’anno Pechino ha autorizzato la sua guardia costiera a sparare su navi straniere.

“La forza militare della Cina è stata notevolmente potenziata da un gran numero di nuove armi aggiunte all’arsenale, specialmente nella sua forza della Marina”, ha affermato Yin. “Ecco dove l’esercito del paese sta mostrando parte della sua crescita più rapida”.

I progressi militari della Cina hanno trovato acquirenti disponibili in altre parti del mondo, in particolare il suo veicolo aereo senza pilota (UAV), comunemente noto come Chindrones [File: Alex Plavevski/EPA]

L’aeronautica è diventata anche la più grande della regione Asia-Pacifico e la terza più grande al mondo, con oltre 2.500 aerei e circa 2.000 aerei da combattimento, secondo un rapporto annuale dell’Ufficio del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti pubblicato lo scorso anno. .

In particolare, l’aeronautica possiede ora una flotta di caccia stealth, incluso il J-20, l’aereo da guerra più avanzato della Cina. È stato sviluppato e progettato in modo indipendente per competere con l’F-22 di fabbricazione statunitense.

A livello globale, la Cina sta anche intensificando le esportazioni di armi verso altri paesi in via di sviluppo con l’obiettivo di sviluppare relazioni più calde con le nazioni amiche nel mezzo della competizione regionale.

Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute, le esportazioni di armi della Cina sono andate principalmente in Pakistan, Bangladesh e Algeria negli ultimi dieci anni.

Nello stesso periodo, la Cina è stata anche uno dei principali esportatori al mondo di veicoli aerei armati senza pilota (UAV), comunemente noti come droni, con clienti tra cui Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, secondo SIPRI.

“Vedi un sacco di UAV esportati nel Golfo perché il Congresso degli Stati Uniti ha vietato a molti paesi di acquistarli dagli Stati Uniti per motivi di diritti umani, e la Cina sta presto colmando questa lacuna”, ha affermato Yin.

Ma l’arsenale cinese di armi da primato e la crescita militare apparentemente inarrestabile mascherano un sistema di comando opaco, corruzione endemica e dubbi sulla qualità delle sue reclute.

La corruzione deriva in gran parte da una tradizione di nepotismo e favoritismi e da una generale mancanza di supervisione, mentre il reclutamento sta soffrendo perché, nonostante alcuni incentivi, i cinesi più giovani e ben istruiti che i militari vogliono sono più attratti dal settore privato in forte espansione.

Ciò ha lasciato il PLA dipendente dalla coscrizione per circa un terzo della sua forza lavoro. Ogni provincia ha una quota di coscrizione annuale, con ogni coscritto tenuto a completare due anni di servizio militare. Quest’anno, dopo un ritardo a causa della pandemia di COVID-19, i militari hanno iniziato a svolgere il reclutamento e l’investitura due volte l’anno anziché una volta. Ha anche iniziato a consentire più “secondi arruolamenti”.

E nonostante abbia accumulato armi più avanzate negli ultimi anni, il PLA ha ancora una grande quantità di attrezzature più vecchie e obsolete, alcune delle quali costruite utilizzando la tecnologia dell’ex Unione Sovietica, che è crollata 30 anni fa, secondo gli analisti.

La marina cinese, ad esempio, ha più navi degli Stati Uniti, con 360 navi, ma la flotta è composta principalmente da navi più piccole. Ha solo due grandi portaerei, la Liaoning e la Shandong, con la terza portaerei Tipo 003 ancora in costruzione. Gli Stati Uniti hanno 11 portaerei, la maggior parte di qualsiasi altro paese.

Inoltre, la mancanza di addestramento per operare e mantenere le armi di nuova concezione ha anche ostacolato la capacità dell’esercito di raggiungere la “congiunzione”, secondo un rapporto del 2018 pubblicato dalla RAND Corporation, un think-tank con sede negli Stati Uniti, riferendosi alla capacità di un esercito comandare simultaneamente le sue varie forze per raggiungere i suoi obiettivi militari.

“La corruzione e una struttura di comando obsoleta hanno lasciato un impatto molto negativo sull’esercito”, ha affermato Shi Yang, un analista militare cinese con sede a Pechino. “Il gran numero di armi relativamente obsolete ha anche limitato la capacità di combattimento dell’esercito cinese”.

Imparare dagli Stati Uniti

Potenzialmente più di un problema, tuttavia, secondo alcuni analisti, è che al PLA semplicemente manca l’esperienza di combattimento contemporanea.

“Era il 1979 quando la Cina si è impegnata per l’ultima volta in un conflitto mondiale reale, e questo è stato in Vietnam”, ha spiegato Shi. “Senza combattere vere guerre, alcuni potrebbero obiettare che il [PLA] potrebbe non essere all’altezza delle sue aspettative.”

Le unità militari organizzano ancora vari esercizi che ricordano il combattimento reale. All’inizio di questo mese, ad esempio, la Cina ha intensificato le sue esercitazioni militari vicino a Taiwan, con incursioni dell’aviazione di massa nella zona di difesa aerea dell’isola. Nello stesso periodo, l’esercito ha anche condotto esercitazioni a terra nella provincia sudorientale del Fujian, direttamente dall’altra parte del mare rispetto a Taiwan, tra affermazioni sempre più rumorose sulla sua affermazione che Taiwan fa parte del suo territorio.

Alcuni dicono che la mancanza di esperienza di combattimento nel mondo reale non è necessariamente dannosa. Secondo Shi, tale mancanza di esperienza “non eroderebbe in alcun modo la forza militare cinese”.

“La potenza militare dell’esercito cinese nei conflitti moderni dipenderà principalmente dalla tecnologia, che ha marciato con fermezza nella giusta direzione”, ha detto Shi.

Il presidente Xi ha adottato una serie di misure volte ad affrontare alcune delle carenze dell’esercito.

Prendendo in prestito dall’esercito degli Stati Uniti, ha istituito una nuova struttura dell’esercito che conferisce alla Commissione militare centrale, presieduta dal presidente, una leadership più diretta sulle forze armate.

Nell’ambito delle riforme radicali, nel 2016 sono stati istituiti cinque “comandi teatrali”, dislocati geograficamente in tutto il paese.

La lotta alla corruzione è stata una pietra angolare della presidenza di Xi. Nelle forze armate, ciò ha portato all’epurazione di centinaia di funzionari accusati di aver accettato tangenti e altre forme di corruzione.

Xi sta anche incanalando più denaro alle forze armate con un budget per la difesa sempre più ampio. Nell’anno fiscale 2021, 1,36 trilioni di yuan (circa 209,16 miliardi di dollari) sono stati stanziati per la difesa, il 6,8% in più rispetto allo scorso anno.

La Cina ha anche sviluppato le sue capacità aeronautiche con nuovi caccia stealth e altri aerei da combattimento avanzati [File: Alex Plavevski/EPA]

Rimane tuttavia una frazione del budget della difesa degli Stati Uniti, che ammontava a $ 705,39 miliardi nel 2021.

“Molti paesi della regione hanno visto la Cina come una minaccia, e anche gli Stati Uniti fanno parte di quel gruppo, quindi con la crescente forza militare cinese, altri paesi, con l’aiuto degli Stati Uniti sia esplicitamente che segretamente, stanno cercando di recuperare il ritardo, Yin Dongyu ha detto della crescente corsa agli armamenti nella regione. “Con l’atteggiamento più deciso della Cina nei confronti delle sue rivendicazioni territoriali, non vedo che questa corsa agli armamenti finirà presto”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *