Nintendo sta chiudendo ufficialmente i suoi uffici di Redwood City e Toronto

Nintendo sta chiudendo i suoi uffici di Redwood City, California e Toronto, Canada, la società ha confermato in una dichiarazione a Il Verge. Kotaku segnalato sulla chiusura degli uffici di Redwood City venerdì.

Ecco il comunicato completo della società sulla decisione:

Le sedi di Nintendo of America sono a Redmond, WA e Vancouver, BC. Stiamo trasferendo più dipendenti e operazioni in quelle sedi centrali e nel tempo chiuderemo piccoli uffici satellite a Toronto, ON, e Redwood City, CA.

Devon Pritchard, Executive Vice President, Business Affairs e Publisher Relations per Nintendo of America (NOA), assumerà la leadership ad interim delle vendite, del marketing e delle comunicazioni dopo la partenza di Nick Chavez. La signora Pritchard supervisionerà la strategia e l’esecuzione delle vendite, del marketing e delle comunicazioni negli Stati Uniti e in Canada.

Kotaku riferisce che circa 100 dipendenti sono stati trasferiti negli uffici di Redwood City a seguito della decisione. Nintendo ha rifiutato di commentare quando abbiamo chiesto quanti dipendenti sarebbero stati interessati dal trasferimento, ma la sua dichiarazione sopra suggerisce che alcuni dipendenti saranno in grado di trasferirsi. Non è chiaro il motivo per cui gli uffici vengono chiusi.

L’ufficio di Redwood City è ancora mostrato su una mappa delle sedi degli uffici di Nintendo su il sito web dei lavori dell’azienda. “Qui troverai i dipartimenti vendite e marketing, nonché NMI, un team dedicato al merchandising che lavora con i negozi al dettaglio in tutto il paese”, si legge in una descrizione. Anche l’ufficio di Toronto è ancora sul sito, descritto come un “ufficio vendite per NOCL”.

Come prima di oggi, c’erano nessuna posizione aperta elencata per la sede di Redwood City, anche l’azienda sembra aver avuto un ruolo aperto per uno “Specialista, Marketing esperienziale” fino a due giorni fa, secondo le cache di Google.

Redwood City non ha ruoli aperti.

Dato che l’ufficio di Redwood City era concentrato su vendite, marketing e merchandising, probabilmente non influenzerà lo sviluppo dei giochi o dell’hardware Nintendo. La maggior parte dei giochi Nintendo sono sviluppati all’estero, sebbene abbia anche lo sviluppatore Retro Studios in Texas.

La chiusura arriva poche settimane dopo il lancio di Nintendo Switch con schermo OLED e Terrore metroid, uno dei più grandi giochi Nintendo dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *