“Concorrenza disonesta”: Putin si scaglia contro i vaccini al G20 | Notizie sulla pandemia di coronavirus


La Russia si è lamentata della mancanza di riconoscimento internazionale per il suo vaccino contro il coronavirus Sputnik V in un vertice del G20, in cui i leader hanno concordato di intensificare gli sforzi globali di inoculazione.

In un apparente riferimento al fallimento dello Sputnik V russo nell’ottenere l’approvazione normativa estera, il presidente Vladimir Putin sabato ha esortato i ministri della salute del G20 a discutere il riconoscimento reciproco dei vaccini e dei certificati di vaccinazione “il prima possibile”.

“Nonostante le decisioni del G20, non tutti i paesi bisognosi possono avere accesso ai vaccini anti-COVID”, ha detto Putin nei commenti dei videomessaggi alle controparti che sono stati ritrasmessi dalla televisione di stato russa.

“Questo accade principalmente a causa della concorrenza disonesta, del protezionismo e perché alcuni Stati, in particolare quelli del G20, non sono pronti per il riconoscimento reciproco di vaccini e certificati di vaccinazione”, ha aggiunto.

All’inizio di questo mese, il Sudafrica ha rifiutato di approvare il vaccino russo nonostante il disperato bisogno di vaccini del paese, sostenendo che potrebbe aumentare il rischio di infezione da HIV tra gli uomini.

Sputnik V manca anche dell’approvazione normativa nell’Unione Europea e negli Stati Uniti.

Il presidente cinese Xi Jinping – che, come Putin, non si è recato a Roma per il vertice del G20 e ha partecipato tramite collegamento video – ha lanciato un appello simile per il riconoscimento reciproco dei vaccini, secondo i media statali cinesi.

Casi in aumento

Putin e Xi avrebbero evitato di viaggiare in Italia a causa dell’inasprimento delle restrizioni sul coronavirus nei loro paesi d’origine.

In Russia, dove i nuovi casi stanno aumentando nonostante la disponibilità del vaccino Sputnik V, Putin ha ordinato una settimana di ferie pagate a partire da sabato per contenere la diffusione del virus.

Le autorità russe hanno affermato che il numero di contagi giornalieri è salito a 40.251, un record per il Paese dall’inizio della pandemia, con solo il 32,5% della popolazione completamente vaccinata.

Il ministero della salute russo raccomanderà di utilizzare il vaccino Sputnik Light contro il COVID-19 solo come richiamo per le persone che sono già state vaccinate, secondo quanto affermato dalle agenzie di stampa russe.

La Russia aveva precedentemente promosso Sputnik Light, che comprende il primo colpo del suo fiore all’occhiello Sputnik V a due colpi, come un efficace vaccino autonomo, nonché un richiamo che può essere combinato con vaccini non russi.

“Con l’avanzare della variante Delta, oggi ci saranno sicuramente delle modifiche alle raccomandazioni metodologiche sulle vaccinazioni dove andrà [say]: usa solo ‘Sputnik Light’ per la rivaccinazione”, ha detto il ministro della Sanità Mikhail Murashko dall’agenzia di stampa TASS.

“Vediamo che si forma un’immunità di qualità superiore dopo la vaccinazione in due fasi, e questo è di fondamentale importanza per preservare la salute”, ha affermato Murashko, agenzia di stampa Interfax, citando.

Nel frattempo, al G20, l’ospite del vertice e il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato che la comunità internazionale è “molto vicina al raggiungimento dell’obiettivo dell’OMS di vaccinare il 40% della popolazione mondiale entro la fine del 2021”.

“Ora dobbiamo fare tutto il possibile per raggiungere il 70% entro la metà del 2022”, ha aggiunto.

Secondo una fonte a seguito delle discussioni del vertice, “tutti i leader” hanno concordato di impegnarsi per l’obiettivo fissato da Draghi.

Il primo ministro italiano ha osservato che mentre oltre il 70% delle persone nei paesi sviluppati ha ricevuto almeno una dose del vaccino COVID, la percentuale scende a circa il 3% nelle parti più povere del mondo.

“Queste differenze sono moralmente inaccettabili e minano la ripresa globale”, ha affermato.

Il vertice di due giorni a Roma dei leader del G20 – il loro primo incontro di persona dopo la pandemia globale di coronavirus – includeva all’ordine del giorno anche i cambiamenti climatici e le minacce alla ripresa economica globale.

Il loro incontro è stato preceduto venerdì dalle discussioni dei ministri delle finanze e della salute del G20, in cui hanno anche citato l’urgenza di raggiungere l’obiettivo di vaccinazione del 70% entro la metà del prossimo anno.

Per raggiungere l’obiettivo, si sono impegnati a “prendere misure per contribuire a rafforzare la fornitura di vaccini e prodotti e input medici essenziali nei paesi in via di sviluppo e rimuovere i relativi vincoli di approvvigionamento e finanziamento”.

Un operatore sanitario somministra una dose di Sputnik V russo a un paziente in un centro di vaccinazione a Mosca [Dimitar Dilkoff/AFP]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *