Facebook, ora Meta, ha mostrato un’impressionante demo dei suoi Codec Avatar

Meta, la società precedentemente nota come Facebook, ha tenuto una presentazione oggi in cui ha annunciato il suo rebranding e ha mostrato come sarà il futuro dell’informatica, ma in mezzo a tutte le sciocchezze, in realtà ha avuto alcune interessanti demo tecnologiche. Il primo ha mostrato i suoi avatar Codex realistici e un ambiente in cui possono esistere, che secondo la società è stato reso in tempo reale e ha reagito agli oggetti del mondo reale. Mark Zuckerberg ha anche parlato del lavoro dell’azienda con le interfacce neurali che consentono di controllare un computer semplicemente muovendo le dita.

Discuteremo le demo tra un momento, ma vale davvero la pena vederle di persona. Puoi controllarli nell’archivio dei keynote di Facebook o acceso Reuters‘Stream YouTube se preferisci quell’interfaccia


Secondo Meta, questo è sia un avatar virtuale che un ambiente virtuale.
Gif: Meta

Durante la presentazione, Meta ha mostrato il lavoro che sta facendo i suoi avatar codec per dare agli utenti un migliore controllo su occhi, espressioni facciali, acconciature e aspetto. L’azienda ha anche mostrato la capacità di simulare come i capelli e la pelle dell’avatar potrebbero reagire a diverse condizioni di illuminazione e ambienti e persino come stava lavorando su abbigliamento interattivo.

Il presentatore ha chiarito che questa tecnologia è “ancora decisamente ricercata” e non c’è da meravigliarsi: c’è un’immensa quantità di hardware necessaria per creare uno degli avatar e Meta probabilmente utilizza computer molto potenti per renderla. Ma è quantomeno emozionante vedere che l’obiettivo di Meta è quello di permetterci di renderci con una grafica equivalente a quella di cui sono capaci i motori di videogiochi all’avanguardia.


Secondo Meta, questo è stato reso in tempo reale.
Gif: Meta

La società ha anche mostrato il suo rendering dell’ambiente in tempo reale, che ha affermato che alla fine sarebbe stato un luogo in cui utilizzare il proprio avatar per interagire con gli altri. Il sistema consente inoltre alle persone di interagire con oggetti della vita reale, con i cambiamenti che si riflettono nel mondo virtuale. Sebbene gli ambienti realistici non siano una novità, essere in grado di apportarvi modifiche nel mondo reale e vederli accadere in uno virtuale costituisce una demo davvero interessante (anche se i punti di tracciamento aggiunti agli oggetti della vita reale sono un po’ distratti in quanto risaltano).


L'”illustrazione” di Meta di ciò che l’interfaccia neurale potrebbe fare in futuro.
Gif: Meta

Per quanto riguarda l’interfaccia neurale, Meta si affida a qualcosa chiamato elettromiografia, o EMG, per trasformare i segnali che il tuo cervello sta inviando alla tua mano in comandi del computer. Ha mostrato il braccialetto che usa per farlo all’inizio di quest’anno e la demo che Meta ha dato oggi non ha mostrato nulla che non fosse in giro nel 2019 quando ha acquistato una società chiamata CTRL-Labs e ha acquisito la sua tecnologia, ma è ancora bello vedere che è stato lavorato.


Il vero prototipo che i ricercatori di Meta stanno usando.
Gif: Meta

Meta ha affermato che sta perseguendo l’input EMG invece dei dispositivi per la lettura del cervello, quindi potrebbe aver mostrato il modo in cui interagisci con i suoi dispositivi futuri. Rispetto alle visioni di persone che giocano a ping-pong VR per un pubblico di avatar, questa sembrava la cosa più realistica che Meta ha mostrato giovedì. Ciò non significa che l’Oculus (ehm, Meta, a quanto pare) Quest 3 verrà fornito con un braccialetto EMG, ma in un mare di clamore senza molta sostanza, la sua demo e l’altra ricerca effettiva che Meta ha mostrato erano uno spettacolo per gli occhi irritati. Dai un’occhiata se stai cercando una pausa dal resto delle notizie di Facebook / Meta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *