L’economia di Hong Kong può sopravvivere alla repressione politica della Cina? | Notizie di politica


Hong Kong, Cina – Le voci secondo cui il dollaro di Hong Kong sarà svincolato dal dollaro degli Stati Uniti percolano attraverso intermediari locali. Migliaia di famiglie della classe media hanno venduto i loro appartamenti e incassato per una nuova vita all’estero. I potenti costruttori di Hong Kong rabbrividiscono quando Pechino chiede loro di alleviare la carenza di alloggi nel territorio.

Nell’ultimo anno, la società di Hong Kong è stata lacerata dalla legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino e dalle modifiche al processo elettorale volte a garantire che solo le persone ritenute “patrioti” possano ricoprire cariche nel territorio.

Ora l’attenzione si sta spostando sul fatto che la sua economia notoriamente libera e lo status di centro finanziario globale possano sopravvivere.

Gli osservatori non sono ottimisti.

“La libertà economica senza democrazia e altre libertà non è stabile a lungo termine”, ha affermato Fred McMahon, un membro residente del Fraser Institute, un think-tank indipendente e apartitico in Canada.

Il mese scorso, il rapporto annuale dell’istituto sulla libertà economica ha ancora incoronato l’economia di Hong Kong più libera al mondo, ma ha indicato la legge sulla sicurezza nazionale e la “discesa nella tirannia” della città come minacce a mantenere il titolo ancora per molto.

“L’aspetto chiave della libertà economica è lo stato di diritto, che non si piega al potere ma impone la giustizia e l’indipendenza del governo”, ha detto McMahon ad Al Jazeera. Tuttavia, per il Partito comunista cinese “la legge è subordinata alla politica”, ha aggiunto.

Gli esperti si chiedono se Hong Kong possa rimanere economicamente libera sulla scia della legge sulla sicurezza nazionale [File: Jerome Favre/EPA]

L’anno scorso, la Heritage Foundation, che per decenni ha brindato alla città come il simbolo dell’economia del laissez-faire, ha eliminato Hong Kong dalla sua classifica.

A pochi mesi dall’entrata in vigore della legge sulla sicurezza, Next Digital, una fiorente azienda che ha pubblicato il popolare Apple Daily a favore della democrazia, è stata costretta a chiudere dopo che il proprietario Jimmy Lai è stato accusato di “collusione con una potenza straniera” e i beni dell’azienda sono stati congelato.

Mentre Lai è dietro le sbarre in attesa di processo e da allora è stato accusato di altri reati, gli uomini d’affari si chiedono se l’accusa del magnate ai sensi della nuova legge si riveli un’eccezione singolare – o il proverbiale canarino nella miniera di carbone.

“Questo è un caso speciale che ha messo in guardia la comunità imprenditoriale internazionale”, ha affermato George Cautherley, vicepresidente della Camera di commercio internazionale di Hong Kong. “Stanno aspettando di vedere se il governo andrà oltre e come si evolverà”.

L’economia di Hong Kong sembra ancora andare avanti per ora, ma le recenti repressioni della Cina continentale sui giganti della tecnologia, i centri di insegnamento e gli sviluppatori immobiliari indebitati hanno sollevato sospetti su ciò che potrebbe essere in serbo.

Supponendo che la storia sia una guida, potrebbe essere solo questione di tempo prima che Pechino estenda il suo interesse agli affari economici di Hong Kong.

Un esempio calzante: la legge sulla sicurezza nazionale è stata promulgata nella Cina continentale solo pochi anni prima di essere imposta a Hong Kong, aggirando la legislatura eletta dal territorio.

Più di recente, ai “quattro grandi” costruttori della città, accusati di alcuni dei prezzi delle case più alti del mondo e degli appartamenti più piccoli, è stato detto di fare la loro parte per risolvere i problemi abitativi del territorio.

L’amministratore delegato di Hong Kong Carrie Lam (a sinistra) ha chiarito che l’allineamento del territorio con la Cina, inclusa la punitiva politica di quarantena COVID-19 del territorio, è la sua priorità [File: Jerome Favre/EPA]

Per gli uomini d’affari c’è anche lo spettro del passato: quando la Cina era un’economia di comando e la proprietà privata fuori legge.

“Gli uomini d’affari sono preoccupati forse non tanto quanto la loro libertà personale quanto il valore dei loro beni investiti a Hong Kong e in Cina”, ha affermato Joseph Lian, ex commentatore e caporedattore della stampa economica della città che ora insegna economia alla Yamanashi Gakuin University di Giappone. “Sarebbero in una corsa difficile”, ha detto.

Occhio a Pechino

Ma non sono solo i benestanti a preoccuparsi. Anche le famiglie della classe media sconvolte dalla repressione stanno cercando di proteggere i loro soldi e investimenti.

Decine di migliaia di persone di Hong Kong che stanno progettando di emigrare hanno messo in vendita l’appartamento di famiglia, spesso il loro bene più prezioso. Alcuni – e non solo quelli che stanno pianificando di partire – stanno anche aprendo conti bancari offshore per la preoccupazione che il territorio possa presto essere soggetto allo stesso tipo di controlli sui capitali della terraferma.

Il mandato di quarantena più lungo e costoso al mondo – tra 14 e 21 giorni in un hotel per tutti i residenti di ritorno dall’estero – ha pesato anche sulle menti dei viaggiatori d’affari e un tempo abituali.

La Camera di commercio europea ha avvertito all’inizio di questo mese che molte delle sue aziende associate stavano considerando di trasferire alcune delle loro operazioni altrove, inclusa Singapore, a causa del mandato, che il governo locale ha mostrato poca volontà di rilassare anche per i completamente vaccinati.

L’amministratore delegato Carrie Lam ha martellato a casa il suo obiettivo di allineare il controllo della pandemia della città con l’obiettivo zero-COVID della terraferma, a qualunque costo.

Ma il prezzo di un’economia sempre più ristretta potrebbe finire per essere pesante.

Next Il CEO di Digital Cheung Kim Hung – mostrato qui in arrivo al Lai Chi Kok Reception Center di Hong Kong – è stato accusato, insieme ad altri alti dirigenti, di “collusione con una potenza straniera” e la società è stata ora liquidata [File: Jerome Favre/EPA]

Il sistema economico separato di Hong Kong ha a lungo sostenuto il suo status sia di centro finanziario più importante della Cina sia di quello globale.

Ma con il territorio sempre più al guinzaglio da Pechino, Lian si aspetta che i dollari di investimento che lo hanno portato alla ribalta nell’ultimo mezzo secolo potrebbero presto lasciare il posto a un afflusso di fondi speculativi, noti come denaro caldo.

“Un centro finanziario maturo ha una percentuale inferiore di denaro caldo; Hong Kong potrebbe andare nella direzione opposta”, ha detto Lian. “Può ancora fare soldi per molte persone; anche i casinò lo fanno, ma non è a questo che serve un centro finanziario”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *