La crescita del PIL degli Stati Uniti rallenta bruscamente nel terzo trimestre poiché i consumatori riducono la spesa | Notizie di affari ed economia


Un’ondata di casi di COVID-19, l’aumento dell’inflazione e il calo delle linee di vita finanziarie federali hanno ridimensionato il ritmo della ripresa economica degli Stati Uniti nel terzo trimestre.

L’economia degli Stati Uniti è cresciuta a un ritmo più lento nei tre mesi terminati a settembre, poiché un’ondata di casi COVID-19, colli di bottiglia della catena di approvvigionamento, aumento dell’inflazione e calo delle linee di vita finanziarie federali hanno ridimensionato il ritmo della ripresa economica della nazione.

Il prodotto interno lordo (PIL) degli Stati Uniti, che misura il valore dei beni e dei servizi prodotti dall’economia, è cresciuto del 2% nel terzo trimestre rispetto allo stesso periodo di un anno fa, ha dichiarato giovedì il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

Quella lettura iniziale ha segnato un forte rallentamento dal secondo trimestre, quando il PIL corretto per l’inflazione è cresciuto del 6,7 percento. Anche il numero del titolo del terzo trimestre è stato inferiore alle aspettative di molti analisti già frenati.

“Nel complesso, questa è una grande delusione dato che l’aspettativa di consenso all’inizio del trimestre a luglio era di un guadagno del 7,0% e anche la nostra previsione ribassista del 3,5% si è rivelata troppo ottimista”, ha affermato il capo economista statunitense di Capital Economics Paul Ashworth. in una nota ai clienti.

Dietro i dati deludenti sulla crescita c’era un forte rallentamento dei consumi. Il consumo personale è cresciuto di uno scarso 1,6 percento su base annua nel terzo trimestre, rispetto al 12 percento nel secondo trimestre.

Una miriade di fattori stanno togliendo il vento dalle vele dei consumatori statunitensi, la cui spesa rappresenta circa i due terzi della crescita economica della nazione.

Un’ondata di infezioni da COVID-19 guidate dalla variante altamente contagiosa del Delta ha attraversato parti del paese nei tre mesi terminati a settembre. Le catene di approvvigionamento ingigantite e la continua carenza di materie prime hanno fatto salire i prezzi per le imprese, molte delle quali a loro volta li hanno trasferiti ai consumatori. E con l’aumento dei prezzi, molti consumatori avevano meno soldi da spendere, grazie al calo dello stimolo del governo.

Carenza e stimolo in calo

Poiché le economie di tutto il mondo si liberano delle restrizioni COVID, le forniture di molte materie prime non possono tenere il passo con la domanda. Tali carenze sono in mostra nei porti della nazione dove i backup sono abbondanti e all’interno degli ultimi dati sul PIL.

Una carenza globale di semiconduttori, ad esempio, ha pesato pesantemente sulla produzione automobilistica statunitense. Ciò, a sua volta, è emerso nei dati relativi al consumo di beni durevoli, ovvero beni progettati per durare tre anni o più.

Il consumo di beni durevoli è diminuito di un enorme 26,2 percento nel terzo trimestre, dopo essere salito dell’11,6 percento nel secondo trimestre.

“Quel calo è stato interamente dovuto a un massiccio crollo annualizzato del 70% del consumo di veicoli a motore”, ha affermato Ashworth, che ha aggiunto che non si aspetta un “drammatico rimbalzo dei consumi nei prossimi due trimestri” a causa della continua carenza di chip.

La scarsità di materie prime e manodopera ha portato a prezzi più alti dei fattori di produzione per le imprese, molte delle quali trasferiscono tali aumenti sui consumatori.

Mentre alcuni acquisti possono essere rimandati, elementi essenziali come cibo, energia e riparo non possono essere ritardati. Gli affitti sono in aumento, grazie a un caldo mercato immobiliare statunitense guidato da bassi tassi di interesse. I prezzi del cibo stanno aumentando a causa dei maggiori costi di input e i prezzi dell’energia stanno salendo, grazie a una crisi energetica globale.

Ciò potrebbe pesare pesantemente sui consumatori statunitensi con l’arrivo dell’inverno, con i prezzi al dettaglio di gas naturale, olio da riscaldamento, propano ed elettricità che dovrebbero raggiungere i massimi pluriennali.

Le famiglie a basso reddito sentiranno il dolore più acuto perché l’inflazione incide maggiormente sul loro reddito totale.

Ma attualmente i lavoratori hanno il sopravvento nel mercato del lavoro statunitense. Un record di 4,3 milioni di americani ha lasciato il lavoro ad agosto e il numero di posti di lavoro aperti – 10,4 milioni quel mese – è vicino ai massimi storici.

Secondo il National Federal of Independent Businesses, circa il 51% dei proprietari di piccole imprese ha dichiarato di avere opportunità di lavoro che non potevano riempire a settembre.

Ciò si è tradotto in stipendi più grassi per i lavoratori. I salari orari medi a settembre sono aumentati del 4,6% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Ma questo non ha tenuto il passo con l’inflazione. I prezzi al consumo nello stesso mese sono aumentati del 5,4% su base annua.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.