Bandiere, inno, vittoria: come gli afgani hanno celebrato la vittoria del cricket | Notizie sul cricket


Kabul, Afghanistan – L’Afghanistan è esploso in festa lunedì sera, con coloro che seguono la squadra nazionale di cricket che hanno condiviso un raro momento di gioia con una vittoria di 130 punti sulla Scozia nella Coppa del Mondo T20.

Gli afgani, quelli all’estero e quelli nel Paese, comprese centinaia di sfollati nei due mesi successivi alla presa del potere talebano, hanno festeggiato la vittoria a Sharjah, prima uscita della nazionale dalla caduta del governo afghano.

Per gli atleti afgani la vittoria è stata un mix di emozioni.

Marzieh Hamidi, un’atleta di Taekwondo che non è stata in grado di competere da quando i talebani sono saliti al potere, ha affermato che la vittoria arriva in un momento precario per gli atleti della nazione.

Come combattente donna, Hamidi ha paura per il futuro del suo sport, ma ha detto di essere ancora sopraffatta dalla gioia.

“In questo momento, quando tutti sono al culmine dell’angoscia e della preoccupazione, tutti versiamo lacrime di felicità e dolore nel vedere la nostra squadra di cricket uscire in vetta”, ha detto il 19enne ad Al Jazeera.

I tifosi guardano la partita della Coppa del Mondo T20 tra Afghanistan e Scozia in televisione a Kabul [Hoshang Hashimi/AFP]

Ma ha detto che, a differenza delle vittorie precedenti, la celebrazione è stata confinata all’interno delle case delle persone.

“Se solo avessimo potuto portare la felicità in strada”, ha detto.

Nel 2013, quando la squadra nazionale di calcio ha vinto la Coppa dell’Asia meridionale, le strade della capitale, Kabul e di altre città erano piene di migliaia di festaioli che sventolavano la bandiera afgana e suonavano l’inno nazionale dalle loro auto.

Masie Hajizada, proprietaria di uno dei ristoranti più famosi di Kabul, ha affermato che il trionfo di lunedì è stato un altro esempio del fatto che, nonostante decenni di guerra e distruzione, il popolo afghano è ancora capace di imprese incredibili.

“La scorsa notte, eravamo tutti pieni di risate, lacrime, felicità e speranza. Garantisco, che sia negli affari, nello sport, in qualunque cosa, il potenziale del popolo afghano sorprenderà il mondo. Il successo della nostra squadra di cricket ne è solo un altro promemoria”, ha detto Hajizada ad Al Jazeera.

Per altri, la politica di un gioco che è stato tramandato a così tante nazioni attraverso i loro legami con l’Impero britannico, non è persa.

Gul Ahmadzai, un imprenditore che divide il suo tempo tra Afghanistan e Tanzania, ha colto la vittoria come un’opportunità per ricordare al mondo che l’Afghanistan ha sconfitto gli inglesi in tre guerre separate.

“L’Afghanistan non è mai diventato parte dell’impero, e anche se al momento possiamo essere uno stato de facto, abbiamo comunque vinto. Quale altro Paese può dirlo?” Ahmadzai ha detto ad Al Jazeera.

Fin dall’inizio, la partita sembrava suscitare emozioni mentre gli afgani esprimevano il loro senso di euforia e il desiderio di ascoltare l’inno nazionale della nazione prima della partita stessa.

“Solo vedere la nostra bandiera e ascoltare l’inno nazionale suonare dallo stadio ci ha dato un senso di speranza”, ha detto Hamidi, la combattente di Taekwondo.

UN un minuto e mezzo La clip dei 15 uomini della squadra, che indossano ancora maglie con la bandiera tricolore del paese e del regno prima di essa, è stata condivisa sui social media afgani.

Molti dei post hanno sottolineato i momenti finali della clip, quando il capitano della squadra Mohammad Nabi si è asciugato le lacrime.

“Guardare questo video ha sicuramente guadagnato milioni di #afghani gridare. Questa volta, non è per la felicità, ma è per i sogni e i risultati perduti”, Rateb Noori, giornalista che attualmente sta cercando asilo in Europa, postato su Twitter.

Ariana Alyas, un’australiana afgana, era una delle migliaia di afgani che guardavano dall’estero. Come tanti altri, anche lei è stata commossa dalla bandiera e dall’inno.

“Vedere quella bellissima bandiera allo stadio con l’inno nazionale è stato davvero affascinante. È stata una grande vittoria, soprattutto considerando quello che gli afgani avevano passato nei due mesi precedenti. Il team ci ha reso orgogliosi e auguro loro tutto il meglio”, ha detto ad Al Jazeera lo scienziato biomedico di 23 anni.

Anche al di fuori dell’Afghanistan, la partita è riuscita a rallegrare gli afgani che sono fuggiti dalla nazione subito dopo la presa del potere da parte dei talebani.

In Qatar, la partita è stata trasmessa per centinaia di rifugiati in attesa di reinsediamento in un campo militare statunitense.

Edris Lutfi, che è nel campo da tre settimane, ha detto che la proiezione della partita su un grande schermo ha soddisfatto l’immediato bisogno di distrazione di centinaia di persone che passano le loro giornate aspettando il giorno in cui potranno finalmente dirigersi verso le loro destinazioni finali.

Ma è stata la vittoria che ha portato a una reazione “estatica”, ha detto.

Ancora una volta, è stata la presenza di una gigantesca bandiera afgana nera, rossa e verde a suscitare sentimenti di felicità e sorpresa tra le centinaia di persone riunite nell’hangar.

Le persone portano la bandiera nazionale a una protesta tenutasi durante il giorno dell’indipendenza dell’Afghanistan a Kabul [File: Reuters]

Lutfi ha detto di essere rimasto scioccato nel vedere un suo amico sventolare la bandiera di grandi dimensioni, ricordando che quando sono fuggiti dalla città settentrionale di Mazar-i-Sharif a settembre, gli è stato detto di portare solo uno zaino pieno di vestiti sul volo per Doha.

Quando ha chiesto informazioni sulle origini della bandiera, un altro suo amico in attesa di andare negli Stati Uniti ha raccontato la storia di averlo preso dai proprietari della guest house in cui alloggiavano tutti in attesa di notizie di voli in uscita dal paese.

“Il proprietario della pensione l’aveva tolto quando i talebani sono arrivati ​​a Mazar”, ha detto Lutfi.

Quando i talebani hanno preso il sopravvento ad agosto, la bandiera tricolore è diventata una fonte di proteste poiché i manifestanti in diverse province orientali l’hanno usata per sostituire la bandiera bianconera dei talebani.

In vista del 102° anniversario dell’indipendenza, i talebani sono stati accusati di aver ucciso tre manifestanti scesi in piazza a sostegno della bandiera tradizionale a Jalalabad, capitale della provincia di Nangarhar.

L’amico di Lutfi alla fine ha dovuto litigare con l’addetto alle pulizie della pensione che aveva usato la bandiera come ombra per la sua bicicletta.

È riuscito a convincere l’addetto alle pulizie a consegnargli la bandiera che ha tenuto con sé per tutto il tempo e che intende portare alla sua destinazione finale.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *