L’accordo antisciopero dello IATSE significa una migliore paga in streaming

I servizi di streaming possono pagare fino al 30% in più ai lavoratori di produzione come parte dell’accordo dell’International Alliance of Theatrical Stage Employees (IATSE) con i principali studios di Hollywood per evitare uno sciopero.

Il sindacato ha twittato un documento che delineava specificamente i nuovi termini di streaming del tentativo di accordo di base. Secondo il one-sheet, il nuovo accordo garantirebbe salari più alti per le produzioni in streaming episodiche, comprese le miniserie di lunga durata con tempi di esecuzione superiori a 66 minuti.

I pagamenti su alcune miniserie potrebbero aumentare fino al 30 percento, che dipenderà da come sarà classificato il progetto. Le produzioni longform che costano tra $ 20 e $ 32 milioni, nel frattempo, non riceveranno più uno sconto a causa della produzione diretta a un servizio di streaming. Anche questo tipo di produzione vedrà un aumento del tasso fino al 30% in alcuni casi, ha affermato il sindacato.

La troupe di produzione rappresentata da IATSE che sta lavorando a produzioni a basso budget di 20 minuti o più otterrà salari, termini e condizioni migliori, ma i dettagli sono vaghi. Il documento specificava solo che questa categoria di produzioni doveva essere provvisoriamente “fissata a salari, termini e condizioni non inferiori al budget medio”.

Il sindacato ha anche twittato schede informative relative a salari e condizioni di lavoro — entrambi i punti di contesa mentre il sindacato lavorava per negoziare con l’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi (AMPTP) per una migliore protezione del lavoro per i suoi membri. Tuttavia, molto non è chiaro dai fogli singoli, in particolare per quanto riguarda lo streaming.

“Intendiamo fornire quante più informazioni [as] possibile, e il prima possibile”, ha detto il sindacato in un tweet. “In questo modo, ognuno di noi avrà la possibilità di avere il quadro completo e prendere una decisione informata riguardo al nostro futuro condiviso”.

Poiché i negoziati tra lo IATSE e l’AMPTP si sono bloccati prima della scorsa settimana, i membri del sindacato hanno votato quasi all’unanimità per lo sciopero, un evento pianificato per questa settimana se le trattative contrattuali dovessero continuare a essere bloccate. Lo sciopero è stato evitato per un pelo quando è stato raggiunto un accordo provvisorio tra le due organizzazioni durante il fine settimana. Il contratto deve essere ratificato dai membri del sindacato, tuttavia, alcuni dei quali hanno caratterizzato i termini come non riuscendo a soddisfare le loro richieste. I membri potrebbero infine scegliere di votare contro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *