Activision Blizzard afferma che 20 dipendenti sono “usciti” dalla pulizia delle molestie

Activision Blizzard afferma che più di 20 dipendenti sono “usciti” dall’azienda e più di altri 20 dipendenti sono stati rimproverati a seguito di denunce per cattiva condotta. Il Financial Times ha riferito che la società ha inviato una lettera allo staff martedì con i dettagli e il responsabile della conformità Frances Townsend ha dichiarato al punto vendita che l’elenco includeva sviluppatori di giochi e “alcuni” supervisori, ma nessun membro del consiglio di amministrazione. Activision Blizzard dopo postato la lettera online.

La lettera delinea un tentativo dell’azienda di “guadagnare la fiducia del nostro team che, quando parleranno, saranno ascoltati” – a seguito di una serie di cause legali che accusano i dipendenti di Activision Blizzard di discriminazione sistematica e molestie di genere. Dice che le azioni disciplinari hanno seguito un aumento delle segnalazioni di incidenti che andavano da “anni fa a oggi”. Dopo le indagini, “in relazione a vari rapporti risolti, più di 20 persone sono uscite da Activision Blizzard e più di 20 persone hanno affrontato altri tipi di azioni disciplinari”.

Oltre ai licenziamenti e ai rimproveri, Activision Blizzard afferma che aggiungerà 19 dipendenti a tempo pieno al suo team di etica e conformità (oltre a tre ruoli già aggiunti) e triplicherà i suoi investimenti in risorse di formazione, facendo eco alle promesse pubbliche di aggiornare la sua conformità con le leggi a tutela del lavoro.

A quanto pare ha detto Townsend, un ex consigliere per la sicurezza interna sotto l’amministrazione di George W. Bush FT che un’indagine aveva riscontrato una cattiva condotta in diverse parti dell’azienda. Ha detto che i dipendenti venivano licenziati se mostravano “schemi” di cattivo comportamento che non potevano essere affrontati con la formazione. “Non importa quale sia il tuo grado, quale sia il tuo lavoro. Se hai commesso una sorta di cattiva condotta o sei un leader che ha tollerato una cultura che non è coerente con i nostri valori, agiremo”, ha detto. FT.

I problemi sul posto di lavoro di Activision Blizzard sono diventati ampiamente pubblici a luglio, quando il Department of Fair Employment and Housing (DFEH) della California l’ha citata in giudizio per aver promosso una cultura di “molestie sessuali costanti” che includevano palpeggiamenti, commenti sprezzanti e altri comportamenti che i supervisori presumibilmente conoscevano o ” incoraggiato.” Centinaia di dipendenti hanno organizzato uno sciopero per protestare contro le sue condizioni di lavoro e diversi dirigenti, tra cui il presidente di Blizzard J. Allen Brack, hanno successivamente lasciato l’azienda.

Activision Blizzard ha risolto un reclamo della Commissione per le pari opportunità di lavoro degli Stati Uniti (EEOC) il mese scorso, ma le sue questioni legali rimangono in corso. La società sta attualmente cercando una sospensione nel caso DFEH, accusando l’agenzia di violazioni etiche che compromettono la sua denuncia. L’autorità di vigilanza per l’equità occupazionale della California ha, a sua volta, obiettato all’accordo EEOC, che secondo lui potrebbe consentire la distruzione delle prove nel suo stesso caso.

Townsend a quanto pare ha riconosciuto di FT che Activision Blizzard non ha soddisfatto tutte le richieste dei dipendenti che protestano — che hanno chiesto, tra le altre cose, la fine dell’arbitrato obbligatorio per le denunce di molestie. Ma ha detto che sarebbero arrivati ​​ulteriori cambiamenti, dicendo che il consiglio di amministrazione e CEO di Activision Blizzard, Bobby Kotick, le aveva dato un “assegno in bianco” per la riforma. “Ci impegniamo a realizzare cambiamenti significativi e positivi, e questo è solo l’inizio”, si legge nella lettera. “Condivideremo ulteriori aggiornamenti nelle prossime settimane e mesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *