Macron definisce “imperdonabile” il massacro di protesta algerino a Parigi | Notizie sulle proteste


Sabato il presidente Emmanuel Macron ha condannato come “imperdonabile” una repressione mortale da parte della polizia di Parigi su una protesta del 1961 degli algerini, la cui portata è stata nascosta per decenni dalle autorità francesi.

Macron ha detto a parenti e attivisti nel 60° anniversario dello spargimento di sangue che i “crimini” sono stati commessi la notte del 17 ottobre 1961, sotto il comando del famigerato capo della polizia di Parigi Maurice Papon.

Ha riconosciuto che diverse dozzine di manifestanti sono state uccise, “i loro corpi gettati nella Senna” e ha reso omaggio alla memoria delle vittime.

Il numero preciso delle vittime non è mai stato chiarito e alcuni attivisti temono che diverse centinaia di persone possano essere state uccise.

La polizia ha attaccato la manifestazione di 25.000 algerini pro-National Liberation Front (FLN) che protestavano contro il coprifuoco imposto agli algerini.

La marcia è stata repressa “brutalmente, violentemente e nel sangue”, ha affermato l’ufficio di Macron in una nota.

Macron “ha riconosciuto i fatti: che i crimini commessi quella notte sotto Maurice Papon sono imperdonabili per la Repubblica”, ha detto l’Eliseo.

“Questa tragedia è stata a lungo messa a tacere, negata o nascosta”, ha aggiunto.

La manifestazione è stata convocata nell’ultimo anno del tentativo sempre più violento della Francia di mantenere l’Algeria come colonia nordafricana e nel bel mezzo di una campagna di bombardamenti contro la Francia continentale da parte di combattenti indipendentisti.

Papon è stato negli anni ’80 rivelato di essere stato un collaboratore dei nazisti occupanti nella seconda guerra mondiale e complice della deportazione degli ebrei. È stato condannato per crimini contro l’umanità, ma in seguito rilasciato.

‘Molto più lontano’

Macron, il primo presidente francese a partecipare a una cerimonia in memoria delle vittime, ha osservato un minuto di silenzio in loro memoria sul ponte Bezons sulla Senna, alla periferia di Parigi, dove è iniziata la protesta.

I suoi commenti secondo cui i crimini sono stati commessi sono andati oltre il predecessore Francois Hollande, che ha riconosciuto nel 2012 che gli algerini in protesta erano stati “uccisi durante una sanguinosa repressione”.

Tuttavia, come previsto, non ha presentato scuse formali. Inoltre non ha tenuto un discorso pubblico con l’Eliseo rilasciando solo la dichiarazione scritta.

Il presidente, primo leader francese nato dopo l’era coloniale, ha fatto della riconciliazione storica e di un rapporto moderno con le ex colonie una priorità.

Ma Macron, che dovrebbe cercare la rielezione l’anno prossimo, è cauto nel provocare un contraccolpo da parte degli oppositori politici.

I suoi avversari elettorali di estrema destra, i nazionalisti Marine Le Pen ed Eric Zemmour, criticano apertamente gli sforzi per riconoscere o mostrare pentimento per i crimini passati.

Lo storico Emmanuel Blanchard ha dichiarato all’agenzia di stampa AFP che i commenti di Macron rappresentavano un “progresso” ed erano andati “molto oltre” rispetto a quelli fatti da Hollande nel 2012.

Ma ha contestato la decisione di attribuire la responsabilità al solo Papon, affermando che l’allora primo ministro Michel Debre e il presidente Charles de Gaulle non erano stati chiamati a rispondere del conseguente insabbiamento o del fatto che Papon sarebbe rimasto capo della polizia di Parigi fino al 1967.

‘Guardare con lucidità’

Le proteste del 1961 furono indette in risposta a un rigoroso coprifuoco imposto agli algerini per impedire al movimento di resistenza clandestino FLN di raccogliere fondi a seguito di un’ondata di attacchi mortali contro gli agenti di polizia francesi.

Alcune delle violenze peggiori si sono verificate sul ponte Saint Michel vicino alla cattedrale di Notre-Dame, dove testimoni hanno riferito di aver visto la polizia gettare algerini nella Senna dove un numero imprecisato è annegato.

La polizia ha arrestato circa 12.000 algerini, ha picchiato a morte diversi e ha sparato ad altri in quel momento.

I commenti di Macron arrivano durante un litigio diplomatico in corso tra Parigi e Algeri alimentato da commenti attribuiti al presidente che descrivono il Paese come governato da un “sistema politico-militare” che ne aveva “totalmente riscritto” la storia.

Un rapporto commissionato dal presidente allo storico Benjamin Stora all’inizio di quest’anno ha sollecitato una commissione per la verità sulla guerra d’Algeria, ma Macron ha escluso il rilascio di scuse ufficiali.

Un’altra commissione storica istituita da Macron ha anche scoperto che la Francia aveva responsabilità schiaccianti sul genocidio del 1994 in Ruanda, in una constatazione che ha portato a un certo disgelo nei legami tra Parigi e Kigali.

“La Francia sta guardando tutta la sua storia con lucidità e riconosce responsabilità che sono state chiaramente stabilite”, ha affermato l’Eliseo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *