La nave da guerra iraniana respinge l’attacco dei pirati nel Golfo di Aden | Notizie di spedizione


I pirati su cinque barche hanno attaccato due petroliere iraniane ma sono stati respinti dalle navi dell’esercito, hanno detto le autorità.

Teheran, Iran – Una nave da guerra iraniana ha respinto i pirati che stavano cercando di impadronirsi di due petroliere iraniane nel Golfo di Aden, ha detto la televisione di stato.

Il comandante della marina iraniana, definendo l’incidente “terrorismo marittimo”, ha detto sabato che le due petroliere sono state attaccate dai pirati al comando di cinque imbarcazioni.

L’ammiraglio Shahram Irani ha aggiunto che un gruppo di navi dell’esercito che scortava le petroliere, che includeva il cacciatorpediniere Alborz, ha respinto l’attacco.

“Le barche attaccanti sono state costrette a lasciare la scena e la loro offensiva è stata respinta attraverso la tempestiva risposta dei commando” a bordo delle navi che hanno sparato loro, ha detto Irani.

Secondo Irani, le due petroliere senza nome sono passate in sicurezza attraverso l’area, che ora è sicura.

La marina iraniana ha esteso la portata delle sue operazioni di scorta negli ultimi anni nel tentativo di proteggere le sue navi dagli attacchi dei pirati somali.

Nel giugno di quest’anno, due navi dell’esercito iraniano, la Makran e la Sahand, hanno iniziato quello che è diventato un viaggio durato più di quattro mesi.

Hanno navigato per la prima volta nell’Oceano Atlantico, portando Washington a ipotizzare che potrebbero essere diretti in Venezuela.

Alla fine raggiunsero San Pietroburgo, in Russia, per prendere parte a un’esercitazione navale congiunta.

Le due navi di fabbricazione nazionale sono tornate nello stretto di Hormuz e hanno concluso il loro viaggio nelle acque iraniane a Bandar Abbas il mese scorso.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *