Mosca aggiunge il sistema di pagamento per il riconoscimento facciale a più di 240 stazioni della metropolitana

Mosca ha lanciato “Face Pay” venerdì, un sistema di pagamento per il riconoscimento facciale implementato in più di 240 stazioni Mosmetro, “il più grande utilizzo della tecnologia di riconoscimento facciale nel mondo”, affermano i funzionari (attraverso Il guardiano). Il servizio si basa su fotografie archiviate per convalidare i pagamenti della metropolitana, un’evidente preoccupazione per la privacy dati i precedenti usi della tecnologia di riconoscimento facciale da parte delle forze dell’ordine della capitale russa.

Face Pay richiede ai passeggeri della metropolitana di caricare una foto e collegare le proprie carte bancarie e della metropolitana all’app mobile Mosmetro. Con tutto ciò che è stato caricato, tutto ciò che devi fare è guardare la telecamera posta sopra i tornelli per arrivare in tempo per il tuo prossimo treno. Le autorità di Mosca si aspettano che dal 10 al 15 percento degli utenti utilizzino Face Pay “regolarmente” nei prossimi due o tre anni, la speranza di ridurre il tempo per scorrere e pagare le corse si tradurrà in linee e attese più brevi e contatti meno stretti durante la pandemia in corso .

Face Pay lanciato in tutte le stazioni della metropolitana di Mosca

Il capo dei trasporti urbani e delle infrastrutture stradali di Mosca Maxim Liksutov con una telecamera Face Pay.
Foto di TASSTASS via Getty Images

Va tutto bene, almeno concettualmente. La relativa comodità che il riconoscimento biometrico può aggiungere ai sistemi di pagamento è un concetto che viene attualmente lanciato negli Stati Uniti attraverso Amazon One, la tecnologia di riconoscimento del palmo del gigante delle spedizioni. Come Il guardiano note, sostiene il Dipartimento di tecnologia dell’informazione di Mosca le fotografie raccolte attraverso i canali ufficiali non saranno consegnate alla polizia e sono invece crittografati in modo sicuro nel sistema GIS ETSHD (Unified Data Storage and Processing Center di Mosca).

Tuttavia, ciò non ha convinto i sostenitori della privacy russi. “Questo è un nuovo pericoloso passo nella spinta della Russia per il controllo sulla sua popolazione. Dobbiamo avere piena trasparenza su come funzionerà in pratica questa applicazione”, ha detto Stanislav Shakirov, fondatore del gruppo per i diritti digitali Roskomsvoboda. Il guardiano. “La metropolitana di Mosca è un’istituzione governativa e tutti i dati possono finire nelle mani dei servizi di sicurezza”.

Shakirov ha buoni motivi per essere preoccupato. L’implementazione del riconoscimento facciale da parte di Mosca attraverso la sua vasta rete di oltre 10.000 telecamere CCTV è più che un po’ spaventosa. Peggio della possibilità di abuso da parte delle forze dell’ordine locali di Mosca, a quanto pare il sistema può essere dirottato per soli $ 200 da hacker intraprendenti. Questo è il vero rischio di applicare il riconoscimento facciale a una parte ancora più ampia della vita quotidiana in città, non solo che il governo potrebbe avere più tempo a monitorare i movimenti dei cittadini, ma che il sistema stesso è un bersaglio vulnerabile per abusi ancora peggiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.