ALCS: l’Home Run di Carlos Correa era giusto in tempo per Astros


HOUSTON — Ci sono salti di mazza e festeggiamenti per i fuoricampo. E poi c’è quello che ha fatto l’interbase della star degli Houston Astros Carlos Correa venerdì sera.

Anche coloro che disprezzano gli Astros possono forse apprezzare la miscela di spavalderia, spettacolarità ed emozione disinibita che Correa ha mostrato dopo aver fornito lo swing decisivo nella vittoria per 5-4 sui Boston Red Sox in gara 1 della American League al meglio delle sette. campionato di serie.

Dopo aver lanciato una palla verso i sedili di sinistra per rompere una partita di pareggio, Correa è rimasto a casa base per osservare il suo operato. Gettò da parte la mazza come un oggetto di scena non necessario. Poi, mentre il lanciatore dei Red Sox Hansel Robles osservava il volo della palla e il ricevitore Christian Vazquez chinava la testa, Correa indicò il suo polso sinistro mentre guardava verso la panchina di Astros.

“Quando iniziano i playoff, mi dicono sempre: ‘Ora è il tuo momento di andare là fuori, colpire homer, questo e quello.’ Mi hanno detto di colpire l’orologio”, ha detto Correa dei suoi compagni di squadra. Ha aggiunto: “Oggi mi hanno detto che se colpisci un homer, colpiscilo con ‘è il tuo momento’. È successo semplicemente lì. “

L’uomo che si trasforma in una macchina per colpire quando il calendario passa a ottobre ha colpito di nuovo. Aiutato dal suo compagno di squadra di lunga data e compagno di eroe della postseason, Jose Altuve, e sostenuto dall’assist chiave del rilievo Cristian Javier, Correa e gli Astros sono sopravvissuti ai Red Sox, anche se Kiké Hernandez di Boston ha continuato la sua rottura di ottobre.

“Tutti si aspettavano che questo gioco o questa serie fosse uno slugfest, e in questo gioco in realtà c’era molto più lancio coinvolto che colpire”, ha detto Hernandez, il cui 4 per 5 notti, che includeva due fuoricampo, ha alzato la sua media questa postseason a . 500 (14 per 28). “Questa sarà una serie diavoli, ed è stato un diavolo di Game 1.”

Nell’atto di apertura dell’incontro di due dei migliori reati del baseball, i vincitori sono stati la squadra che ha messo insieme abbastanza lanci per resistere all’assalto dell’altro. Dopo che i lanciatori iniziali di entrambe le squadre furono eliminati nel terzo inning, furono la formazione e il bullpen di Houston a essere i più forti.

“Una buona partita di baseball”, ha detto il manager dei Red Sox Alex Cora della partita di quattro ore che ha visto la partecipazione di 16 lanciatori, tre cambi di vantaggio e scambi di fine partita. “Due colpi hanno cambiato il corso della partita”.

Una di quelle altalene apparteneva, ovviamente, a Correa. L’altro, tuttavia, è stato consegnato da Altuve nel sesto inning quando gli Astros erano in svantaggio dopo che il loro lanciatore iniziale, Framber Valdez, è inciampato.

Anche la sua controparte, Chris Sale, ha sputacchiato, il che ha posto le basi per una battaglia di bullpen. Sale, sette volte All-Star, ha continuato il suo lancio incoerente da quando è tornato dall’intervento chirurgico di Tommy John. Ha mostrato abbastanza astuzia per consentire solo un punto su due e due terzi inning quando sembrava che la situazione si sarebbe sbrogliata su di lui. Ed è stato salvato da una presa in tuffo di Hernandez con le basi caricate nel secondo inning che ha salvato due run.

Al piatto, Hernandez ha fornito un’altra spinta. Ha pareggiato la partita a 1 con un’esplosione in solitaria di Valdez nel terzo inning. Quindi i Red Sox hanno capitalizzato altri errori di Astros.

Lo shortstop Xander Bogaerts ha camminato e il terza base Rafael Devers ha individuato Valdez. Quando il battitore designato JD Martinez ha bruciato una palla al centro, Altuve non ha potuto schierarla. Invece di un doppio gioco finale, Bogaerts ha segnato e tutti erano al sicuro. L’esterno destro Hunter Renfroe ha poi portato il vantaggio di Boston sul 3-1 con una doppietta che ha placcato Devers.

Dopo l’uscita di Valdez, gli Astros bullpen hanno tenuto sotto controllo i Red Sox abbastanza a lungo da organizzare una rimonta. E con l’attacco di Astros, il baseball con il punteggio più alto durante la stagione regolare, era solo questione di tempo.

Javier lanciò due inning senza reti e colpì quattro dei sette battitori che aveva affrontato. E nel sesto inning, Altuve ha espiato il suo errore. Con un corridore su, ha battuto un’esplosione di due run sul sollievo Tanner Houck, che era stata una manna dal cielo per i Red Sox bullpen negli ultimi tempi.

Il fuoricampo di Altuve non solo ha pareggiato il punteggio a 3, ma ha ridato energia alle 40.534 persone che avevano riempito Minute Maid Park. Ha anche segnato una pietra miliare per Altuve: è diventato la quarta persona nella storia della major league con 20 fuoricampo in carriera dopo la stagione. Gli altri in quel gruppo sono Manny Ramirez (29), Bernie Williams (22) e Derek Jeter (20).

“Derek Jeter è uno dei più grandi giocatori di baseball che abbia mai giocato, e solo per colpire tanti homer come lui, significa molto per me”, ha detto Altuve.

Altuve, 31 anni, non ha lanciato la mazza dopo il suo fuoricampo. Lui, ovviamente, è già stato qui prima: è stato la seconda base della stella degli Astros durante questa serie di cinque anni di dominio e ha vinto un titolo delle World Series durante la loro ormai contaminata stagione 2017. E ha una personalità molto diversa da Correa, 27 anni.

Nell’inning successivo, si è visto. Robles ha pompato fastball a 99 mph per ottenere i primi due out del settimo. Mentre guardava, Correa ha detto che ha visualizzato i lanci che gli stavano arrivando e come li avrebbe oscillati. Puntò il suo colpo al centro e oltre la staccionata. E nel caso in cui Robles abbia fatto un cambiamento, Correa ha pensato che potesse ancora connettersi con quell’approccio.

Quindi, quando Robles ha lanciato un cambio di 2-2 in alto sul piatto, Correa ha scatenato uno swing che ha mandato la folla – e se stesso – in delirio. Lo ha anche spostato davanti al suo giocatore preferito in crescita, Albert Pujols, come il leader attivo nei punti dopo la stagione battuto (55).

Volando intorno alle basi, Correa ha fatto cenno alla folla di fare più rumore. Mentre arrotondava le terze basi, si portò la mano all’orecchio. Quando ha attraversato casa base, ha guardato il cielo.

Una mosca di sacrificio di Altuve che ha segnato la prima base Yuli Gurriel nell’ottavo inning ha dato agli Astros un cuscino per resistere a un’altra esplosione di Hernandez nel nono.

“Quando avrai le due migliori squadre dell’American League là fuori, otterrai grandi partite”, ha detto Correa, aggiungendo in seguito, “Sento che questa serie sarà divertente da guardare proprio tutto- in giro, per quanti giochi giochiamo. Sarà speciale e sento che i fan del baseball avranno una sorpresa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *