Ray Fosse, Catcher meglio conosciuto per una collisione, muore a 74


Ray Fosse, il catcher dalle braccia forti la cui carriera è stata sconvolta quando è stato travolto da Pete Rose all’All-Star Game del 1970, è morto mercoledì. Aveva 74 anni.

Carol Fosse, sua moglie da 51 anni, ha dichiarato in una dichiarazione online che è morto dopo un attacco di cancro di 16 anni. Non ha detto dove è morto.

Fosse era un talento in erba per Cleveland quando ha formato la sua prima squadra All-Star a 23 anni nel 1970. Ha avuto 16 fuoricampo e 45 punti combattuti durante la pausa All-Star. Avrebbe continuato a colpire .307 quell’anno con un record in carriera di 18 homer; ha anche eliminato il 55% dei tentativi di rubare le basi e ha vinto il primo di due guanti d’oro.

Nel 12° inning dell’All-Star Game – giocato al Riverfront Stadium di Cincinnati, il campo di casa di Rose – Rose ha scavalcato Fosse per segnare il punto vincente, fratturando e separando la spalla sinistra di Fosse.

Le radiografie subito dopo l’incidente sono risultate negative e Fosse non ha perso tempo per giocare. Prese nove inning in una partita a Kansas City due giorni dopo l’All-Star Game, anche se non riusciva a sollevare il braccio sinistro sopra la testa. Successivamente è stato stabilito che la sua spalla non era guarita correttamente.

Rose è stata ampiamente criticata per quello che molte persone consideravano un gioco inutilmente approssimativo in un gioco di esibizione. In seguito si è difeso, dicendo: “Non ha senso scivolare in una borsa se non riesci a prendere la borsa”.

Fosse ha fatto di nuovo la squadra All-Star nel 1971. Ma non è mai stato più un All-Star, e non ha mai avuto una stagione buona come quella del 1970 in una carriera di 12 anni con Cleveland, Oakland, Seattle e Milwaukee.

Ceduto a Oakland nel 1973, ha aiutato l’Atletica a vincere due campionati delle World Series. Ha concluso la sua carriera con una media battuta di 0,256 e 61 fuoricampo in 924 partite.

Raymond Earl Fosse è nato il 4 aprile 1947 a Marion, Illinois. È stato scelto al primo giro dal draft per Cleveland nel 1965 e ha fatto il suo debutto in major league due anni dopo.

Oltre a sua moglie, i suoi sopravvissuti includono due figlie, Nikki e Lindsey.

Fosse è diventata un’emittente per l’Atletica nel 1986 e ha continuato a lavorare nella stagione 2021.

Nel 2015, 40 anni dopo l’incidente, Fosse ha dichiarato all’Associated Press di avere l’artrite, di aver subito cinque operazioni al ginocchio e di avere due brutte spalle che non aveva mai sistemato e un torcicollo.

Naturalmente, sapeva che non era tutto dal colpo di Rose all’All-Star Game. Molto è stato il risultato dei rigori di essere un ricevitore.

“Non c’era nessuno al momento per dire, ‘Non giocare'”, ha detto. “Ho continuato. È qualcosa che prendo con molto orgoglio.”

La sua collisione con Rose, ha detto una volta, è stata “qualcosa di cui le persone continueranno a parlare, sia che fossero vive in quel momento o che guardassero il video e vedessero il risultato”.

“Ci sono stati alcuni colpi più duri”, ha aggiunto, ma “solo il fatto che fosse un All-Star Game, votano sempre i momenti salienti o meno importanti dell’All-Star Game, e questo sembra sempre essere il punto più alto di cui la gente parla di.”

Il New York Times ha contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *