L’informatore di Facebook Frances Haugen parlerà al suo consiglio di sorveglianza

L’informatore di Facebook Frances Haugen ha dichiarato lunedì che parlerà con il consiglio di sorveglianza indipendente della piattaforma su suo invito.

“Ho accettato l’invito a informare il Consiglio di sorveglianza di Facebook su ciò che ho appreso mentre lavoravo lì”, Haugen twittato. “Facebook ha mentito ripetutamente al consiglio e non vedo l’ora di condividere la verità con loro”.

Haugen, un ex product manager del gruppo di integrità civica di Facebook, ha fatto trapelare un grande cache dei documenti interni di Facebook al giornale di Wall Street mostrare problemi all’interno dell’organizzazione. è apparsa Su 60 minuti due giorni prima ha testimoniato davanti al Congresso che Facebook “ripetutamente” ha ingannato il pubblico su “ciò che la sua stessa ricerca rivela sulla sicurezza dei bambini e sull’efficacia dei suoi sistemi di intelligenza artificiale come ruolo nella diffusione di messaggi divisivi ed estremi”.

In una dichiarazione pubblicato sul suo sito web Lunedì, l’Osservatorio ha dichiarato che nelle ultime settimane “sono emerse nuove informazioni sull’approccio di Facebook alla moderazione dei contenuti” a seguito delle azioni di Haugen. Il consiglio cerca di “discutere le esperienze della signora Haugen e raccogliere informazioni che possono aiutare a spingere verso una maggiore trasparenza e responsabilità da parte di Facebook attraverso le nostre decisioni e raccomandazioni sui casi”.

Il consiglio ha affermato che stava esaminando se Facebook “è stato completamente disponibile”. Il consiglio non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento su alcuna informazione specifica che sperava di discutere con Haugen.

Il consiglio di sorveglianza di Facebook ha iniziato a sentire gli appelli sulle decisioni sulla moderazione dei contenuti su Facebook e Instagram nel dicembre 2020. il consiglio è composto di membri indipendenti di tutto il mondo, che prendono quelle che dovrebbero essere decisioni finali e vincolanti su quali contenuti le piattaforme di social media dovrebbero consentire o rimuovere. Il consiglio di amministrazione ha deciso a maggio, ad esempio, che il divieto imposto da Facebook all’ex presidente Trump potesse rimanere in vigore.

Facebook ha rifiutato di commentare lunedì.

Aggiornamento 11 ottobre 17:11 ET: aggiunge il commento rifiutato da Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *