I gruppi dei Balcani occidentali chiedono l’impegno degli Stati Uniti per contrastare la Serbia | Notizie di politica


I leader delle comunità albanesi, bosniache e montenegrine affermano che è necessario un ritorno alla leadership statunitense per contrastare la “crescente militanza” della Serbia.

I leader e le organizzazioni di difesa delle comunità albanese-americana, bosniaca-americana e montenegrina-americana hanno invitato gli Stati Uniti a impegnarsi per una presenza più forte nella regione dei Balcani occidentali in mezzo alla “crescente militanza del governo della Serbia”.

in an lettera aperta pubblicato lunedì – indirizzato alle commissioni per le relazioni estere del Senato e della Camera degli Stati Uniti, al Segretario di Stato Antony Blinken e al Consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan – i firmatari hanno espresso allarme per quella che ha definito la crescente aggressione della Serbia verso il Kosovo, ma anche sempre più verso la Bosnia-Erzegovina , e montenegrino.

“Questa è una questione di massima preoccupazione per gli Stati Uniti perché mette direttamente in pericolo la pace e la stabilità della regione dei Balcani occidentali e… dell’Europa nel suo insieme”, affermava la lettera.

I firmatari hanno affermato che le “scene più allarmanti” si sono verificate in Kosovo alla fine di settembre, quando il governo serbo del presidente Aleksandar Vucic ha schierato carri armati, aerei da combattimento e veicoli blindati vicino al confine, dopo che “la Serbia ha rinnegato un accordo sulla targa che l’UE ha negoziato con Serbia e Kosovo quasi un decennio fa”.

All’inizio di settembre, in Montenegro è scoppiata una crisi di sicurezza per l’intronizzazione del nuovo metropolita montenegrino della Chiesa ortodossa serba. È stato condotto dalla Chiesa e dal governo di Podgorica, “i cui stretti legami con Belgrado sono noti, in modo infiammatorio, provocando tensioni etniche in tutto il Paese”, ha affermato.

In Bosnia, il “più stretto collaboratore regionale di Vucic”, il membro serbo della presidenza bosniaca, Milorad Dodik, ha continuato a minacciare la secessione dell’entità bosniaca serba della Repubblica Srpska e ha minacciato di riformare l'”Esercito della Repubblica Srpska” per raggiungere questo obiettivo obiettivo, “la cui leadership ha orchestrato il genocidio di Srebrenica”, in cui le forze serbe hanno ucciso sistematicamente più di 8.000 uomini e ragazzi musulmani bosniaci per diversi giorni nel 1995.

Nel frattempo, il governo serbo ha chiesto la formazione di un “mondo serbo”, che, secondo il suo ministro degli interni, aspira alla “unificazione formale politica e istituzionale di tutti i serbi etnici nei Balcani occidentali”.

L’appello ha allarmato molti nella regione poiché è visto come un riavvio del progetto “Grande Serbia” dell’ex presidente serbo Slobodan Milosevic che ha portato alle peggiori atrocità in Europa dalla seconda guerra mondiale.

Tutte le “attività espansionistiche della Serbia fino ad oggi sono avvenute con l’esplicito sostegno e appoggio della Federazione Russa”, afferma la lettera.

Con le prospettive di allargamento dell’UE per i Balcani occidentali “quasi scomparse… è urgentemente necessario un ritorno alla leadership degli Stati Uniti nei Balcani occidentali”, ha affermato.

Gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo chiave nel garantire la sovranità del Kosovo e nell’attuazione dell’accordo di pace di Dayton per porre fine alla guerra in Bosnia nel dicembre 1995.

“Un segnale forte deve essere inviato a Belgrado che l’uso della forza non potrà mai più dettare la natura e la direzione della politica dei Balcani occidentali”, afferma la lettera.

I firmatari hanno anche invitato i leader del Congresso a rinvigorire l’allargamento della NATO come priorità per la Bosnia e il Kosovo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *