Raddoppia regola di base, uno automatico e un momento selvaggio al Fenway


Mentre la gente discuteva se il raddoppio di Kevin Kiermaier nel 13° inning della partita della serie division di domenica tra i Tampa Bay Rays e i Boston Red Sox al Fenway Park fosse stato chiamato correttamente dagli arbitri (lo era), è emerso un secondo dibattito su come chiamare un tale colpire.

Era una doppia regola di base, come l’ha definita un arbitro dopo la partita? O un raddoppio automatico, come l’hanno riferito in molti sui social?

La risposta è più vicina a quest’ultimo, con la definizione del termine “regola di base”. Ma nell’uso colloquiale, i termini sono diventati in qualche modo intercambiabili.

A differenza degli sport con specifiche uniformi per i loro campi, il baseball ha sempre consentito almeno qualche variazione. Di conseguenza, i parchi hanno sviluppato una serie di regole di base, separate dalle regole standard del gioco, per tenere conto delle stranezze causate dal design e dalla posizione del parco.

Mentre molte regole di base sono semplici, come una palla che viene depositata tra le viti sul muro del Wrigley Field che viene chiamata doppia, altre nel corso degli anni hanno fornito la loro parte di risate. Uno dei più strani è arrivato nelle World Series del 1903 quando più di 25.000 persone hanno cercato di stiparsi nell’Exhibition Park per vedere i Pittsburgh Pirates sfidare i Boston Americans per il primo campionato tra la National League e l’American League. In campo c’erano così tanti spettatori che hanno messo una corda tra gli esterni e la folla straripante. È stata creata una regola di base improvvisata in base alla quale una palla che rotolava tra la folla oltre la corda sarebbe stata dichiarata una tripla della regola di base. Secondo MLB.com, 17 triple di regole di base sono state colpite nella serie di nove partite.

I Raggi sono tra le squadre più esperte di regole di base grazie alle partite casalinghe giocate al Tropicana Field. Le passerelle e altri ostacoli nel tetto della loro cupola richiedono una serie di regole di base che gli arbitri devono far rispettare nei loro giochi in base a dove viene colpita la palla:

  • Palla battuta che colpisce una delle due passerelle inferiori (conosciute come “C-Ring” e “D-Ring”), comprese le luci o gli oggetti sospesi attaccati a una di queste passerelle e le aste di supporto angolate che collegano il “C-Ring” agli alberi che supportano il “D-Ring” in territorio buono: home run.

  • Palla battuta che colpisce una delle passerelle superiori (conosciute come “A-Ring” e “B-Ring”), compresi gli alberi che supportano ciascuna di queste passerelle e qualsiasi asta di supporto angolata che collega il “B-Ring”. ” agli alberi che sostengono il “C-Ring” in territorio buono: in gioco. Se catturato dal difensore, il battitore è eliminato e i corridori avanzano a proprio rischio.

  • Palla battuta che non viene giudicata fuoricampo e rimane su una passerella, oggetto leggero o sospeso: due basi.

  • La palla battuta colpisce la passerella, un oggetto leggero o sospeso sul territorio foul: palla morta.

Nel caso di Kiermaier, non c’era nessuna regola di base coinvolta. La palla è atterrata nel campo di gioco, è rimbalzata su Hunter Renfroe di Boston ed è atterrata dall’altra parte della recinzione. Poiché Renfroe non ha mai avuto il possesso della palla, la Regola 5.06(b)(4)(H) afferma chiaramente che al battitore e ai corridori vengono date due basi dal momento del lancio. È una regola uniforme che verrebbe chiamata in qualsiasi parco, e quindi sarebbe più precisamente indicata come un doppio automatico.

Ma chiunque sia confuso dalla terminologia può essere perdonato. Sam Holbrook, il capotecnico che ha applicato correttamente la sentenza sul campo, ha usato il termine “doppia regola di base” almeno tre volte nei suoi commenti post-partita.

“Non c’è, avrebbe fatto questo, avrebbe fatto quello”, ha detto Holbrook. “È semplicemente nel libro delle regole, è un doppio delle regole di base.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *