L’Algeria chiede il “totale rispetto” della Francia: il presidente | Notizia


Il presidente Abdelmadjid Tebboune afferma che il ritorno dell’ambasciatore algerino in Francia è subordinato al “totale rispetto dello Stato algerino”.

Il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune ha chiesto il “totale rispetto” della Francia, a seguito di una lite diplomatica sui visti e dei commenti critici di Parigi sul Paese nordafricano.

L’Algeria ha accusato il suo ex governatore coloniale Francia di “genocidio” e ha richiamato il suo ambasciatore da Parigi il 2 ottobre con rabbia per quelli che ha definito commenti “inammissibili” attribuiti al presidente francese Emmanuel Macron.

Il governo algerino ha anche bandito gli aerei militari francesi dal suo spazio aereo il giorno dopo.

Il ritorno dell’ambasciatore algerino in Francia è subordinato al “totale rispetto per lo stato algerino”, ha detto Tebboune ai media locali domenica.

“Ci dimentichiamo che è [Algeria] una volta era una colonia francese… La storia non dovrebbe essere falsificata”, ha aggiunto il presidente.

“Crimini della Francia coloniale”

L’immediato richiamo dell’ambasciatore algerino dalla Francia per “consultazioni” è avvenuto tra le tensioni per la decisione francese di ridurre drasticamente il numero di visti che concede ai cittadini di Algeria, Marocco e Tunisia.

“A seguito di osservazioni non smentite, che diverse fonti francesi hanno attribuito per nome a [Macron], l’Algeria esprime il suo categorico rifiuto dell’ingerenza inammissibile nei suoi affari interni”, afferma la nota, aggiungendo che i commenti francesi sono stati “un affronto intollerabile” agli algerini morti combattendo il colonialismo francese.

“I crimini della Francia coloniale in Algeria sono innumerevoli e si adattano alle definizioni più rigorose di genocidio”, ha affermato.

Il quotidiano francese Le Monde ha riferito che Macron ha espresso critiche sull’Algeria durante un incontro giovedì con i discendenti algerini francesi degli Harki, algerini che hanno combattuto dalla parte francese durante la guerra di indipendenza dell’Algeria.

Secondo Le Monde, Macron ha affermato che l’Algeria è governata da un “sistema politico-militare” e ha descritto la “storia ufficiale” del Paese come “totalmente riscritta” in qualcosa di “non basato su verità” ma “su un discorso di odio”. verso la Francia”.

Il quotidiano ha aggiunto che il presidente francese ha chiarito che non si riferiva alla società algerina nel suo insieme, ma all’élite al potere.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *