Kim della Corea del Nord chiede di migliorare la vita in un’economia “triste” | Notizie di politica


L’appello arriva con Kim che affronta probabilmente la sua più grande prova da quando è salito al potere quasi 10 anni fa.

Secondo i media statali, il leader nordcoreano Kim Jong Un ha esortato i funzionari a concentrarsi sul miglioramento della vita dei cittadini del paese in una situazione economica “triste”.

Kim ha presentato l’appello domenica in occasione del 76° anniversario della fondazione del Partito dei lavoratori della Corea al potere, ha detto l’agenzia di stampa KCNA.

Kim ha analizzato le “difficoltà senza precedenti” che devono affrontare il Nord e ha chiesto l’unità risoluta del partito nello sviluppo dell’economia statale di fronte alla “triste situazione”, ha riferito.

Pyongyang ha segnato l’anniversario con spettacoli artistici, serate di gala e uno spettacolo di fuochi d’artificio a Pyongyang, ma non c’era alcun segno di grandi parate militari, che a volte si tengono in tali occasioni.

Gli analisti dicono che Kim sta affrontando forse il momento più duro dei suoi quasi 10 anni al potere. Non è riuscito a ottenere il sollievo dalle sanzioni assolutamente necessarie nel suo vertice con l’allora presidente Donald Trump nel 2018 e nel 2019, quindi ha chiuso i confini della Corea del Nord in mezzo alla pandemia di coronavirus scatenando un ulteriore shock economico dopo decenni di cattiva gestione e sanzioni per i suoi programmi nucleari e di armi vietati .

Le forti piogge e le inondazioni hanno anche messo a dura prova il paese con l’avvertimento delle Nazioni Unite la scorsa settimana che i più vulnerabili sono a rischio di morire di fame.

I funzionari non dovrebbero desiderare privilegi e trattamenti preferenziali e “dovrebbero sempre considerare se il loro lavoro viola gli interessi delle persone o causa problemi alle persone”, ha detto Kim.

Kim ha finora rifiutato le offerte del governo degli Stati Uniti di riavviare il dialogo senza precondizioni, affermando che Washington deve prima abbandonare la sua “politica ostile”, un termine che il Nord usa principalmente per riferirsi alle sanzioni e alle esercitazioni militari USA-Corea del Sud.

La scorsa settimana il Dipartimento di Stato americano ha accusato il governo di Kim di essere il principale responsabile della situazione umanitaria nel Paese.

“Il regime continua a sfruttare i propri cittadini, a violare i loro diritti umani, a sottrarre risorse alla popolazione del paese per costruire il suo programma illegale (armi di distruzione di massa) e missili balistici”, ha detto il portavoce Ned Price in un briefing a Washington, DC .

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato la scorsa settimana che alcune delle sue forniture mediche per il COVID-19 erano arrivate in un porto della Corea del Nord, un’indicazione che il Nord stava allentando una delle più severe chiusure delle frontiere pandemiche del mondo per ricevere aiuto dall’esterno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *