I New York Gamblers entrano nel New Jersey per piazzare scommesse NFL online


Torreggiando maestosamente sopra il fiume Hudson, il George Washington Bridge è per alcuni una straordinaria opera di ingegneria. Per altri, è un mal di testa ringhioso e trafficato.

Per alcuni giocatori d’azzardo di New York, il possente span è il libro di sport e il casinò più conveniente della regione.

Li puoi avvistare, soprattutto nelle domeniche d’autunno, seduti accanto alle loro biciclette, scooter e vespe sul lato del ponte del New Jersey, fissando i loro telefoni mentre elaborano i numeri sui loro schermi.

I Packers meno 6½ punti. L’over/under nel gioco dei Giants. I Patriots vincono a titolo definitivo.

“Vediamo come me la cavo nelle partite dell’una”, ha detto domenica scorsa Colman Cooper, che domenica scorsa ha attraversato in bicicletta il ponte da casa sua a Upper Manhattan per fare le sue scommesse. “Se vinco, potrei tornare indietro per le partite delle 4”.

New York ha legalizzato il gioco d’azzardo sportivo online ad aprile, ma fino a quando lo stato non negozierà un accordo con un operatore – che probabilmente richiederà mesi – gli scommettitori non possono scommettere sugli eventi sportivi sui loro telefoni all’interno dei confini statali. Potrebbero andare a una manciata di libri di sport fisici a nord dello stato, ma il più vicino a Manhattan è a poche ore di distanza.

L’ingresso al George Washington Bridge, invece, è vicino a migliaia di persone che vivono nell’Upper Manhattan e persino nel Bronx. La casa di Cooper è a soli 18 isolati dall’ingresso del ponte e, come altri esperti residenti di Manhattan e del Bronx, salta sulla sua bicicletta – evitando il pedaggio fino a $ 16 per le auto – e attraversa il confine immaginario che separa i due stati. Una volta che il telefono di una persona conferma che è ufficialmente a Fort Lee, può scommettere legalmente su applicazioni come DraftKings e FanDuel.

Jack Cherry, uno studente laureato che vive anche lui a Washington Heights, ha corso sul ponte la scorsa settimana verso le 12:30, mezz’ora prima del calcio d’inizio per diverse partite della NFL. Ha tirato fuori il telefono, ha scommesso sui Green Bay Packers e poi, dopo una breve conversazione con un giornalista, ha fatto jogging per un chilometro e mezzo fino a casa per guardare la partita.

“È un buon allenamento”, ha detto in una splendida giornata autunnale. “Ma cosa faccio quando nevica?”

Il ponte, e alcune altre località nel New Jersey, sono servite come libri sportivi improvvisati da quando lo stato ha introdotto le scommesse sportive online nel 2018. Ma si è espanso durante l’apice della pandemia di coronavirus nel 2020, quando il ponte era spesso più affollato di scommettitori di quanto non sia stato ultimamente. Questo perché il vero casinò e sport book a East Rutherford, NJ, che serve cibo e mostra giochi su più schermi televisivi, è stato chiuso.

Quando lo sport è tornato lo scorso anno, molti scommettitori di New York sono saltati sul treno PATH per Hoboken per giocare online, mentre altri si sono rivolti al bridge. Cooper ha detto di aver visto a volte da 15 a 20 giocatori in campo in un dato momento.

La maggior parte delle sue scommesse sono modeste, ha detto. Gli piacciono le scommesse da $2 con potenziali grandi vincite. In un sabato recente, è andato in bicicletta, ha pagato $ 16 per un parlay a otto squadre sul football universitario (2 $ per ogni squadra e sette di quelli necessari per coprire il punto spread per vincere). Ha vinto ogni partita e ha raccolto $ 245. Ma altre volte, un fumble tardivo o una camminata carica di basi significavano una perdita.

Ha detto che occasionalmente ha attraversato in bicicletta il ponte fino a un vicino McDonalds e ha giocato a Blackjack sul suo telefono piuttosto che recarsi all’Empire Casino di Yonkers, che era solito visitare più spesso.

“È un po’ sciocco che devo salire su un ponte per scommettere sul calcio – non mi è permesso farlo proprio laggiù”, ha detto con un sorriso mentre indicava Manhattan. “Ma va bene se faccio un giro in bicicletta di 20 minuti.”

Sciocco è una descrizione. Ma per Joseph P. Addabbo Jr., il presidente del comitato del Senato dello Stato di New York su corse, scommesse e giochi, “infuriare” è un’altra parola adatta. Addabbo, un democratico del Queens, ha affermato che lo Stato di New York stava perdendo milioni di entrate a favore del New Jersey, motivo per cui ha sostenuto il disegno di legge per legalizzare il gioco d’azzardo sportivo online che è stato convertito in legge ad aprile. Vuole che i giocatori d’azzardo come Cooper possano scommettere dai loro divani a Manhattan e che New York ne raccolga i benefici.

“Mi dà agitazione”, ha detto Addabbo. “Sono i nostri soldi che passano su quel ponte. I soldi che dovrebbero andare al sistema educativo di New York andranno nel New Jersey. Mi brucia”.

Ma spera che entro il Super Bowl, a febbraio, New York avrà finalmente il proprio sistema di gioco online attivo e funzionante. La New York State Gaming Commission sta vagliando le offerte di varie società, tra cui DraftKings e FanDuel, alla ricerca della fetta più grande della torta per lo stato.

“Oh, sarà il più grande”, ha detto. “Questa è New York. Dai, dobbiamo avere il più grande.”

Il New Jersey raccoglie il 13% delle scommesse sportive online, che sono state di 52 milioni di dollari nel solo agosto, secondo il rapporto del procuratore generale dello stato. Questo era prima dell’inizio della stagione regolare della NFL.

Addabbo ha notato che la legislazione che ha legalizzato il gioco d’azzardo sportivo online a New York include garanzie e controlli integrati per proteggere i giocatori problematici e garantirà finanziamenti – si aspetta almeno $ 5 milioni – per i programmi di dipendenza dal gioco.

John Holden, un assistente professore di diritto presso l’Oklahoma State University che studia gli sforzi per legalizzare il gioco d’azzardo negli stati di tutto il paese, ha affermato che tali garanzie dovrebbero includere bandiere rosse che vengono sollevate in base al modello di scommessa di un cliente e potrebbero persino comportare l’interruzione dello scommettitore .

Ma ha detto che la maggior parte degli stati che attualmente consentono il gioco d’azzardo fanno solo il minimo quando si tratta di protezioni e trattamenti per la dipendenza dal gioco.

“Ad un certo punto, guarderemo indietro e vedremo che è stato un grosso errore”, ha detto. “Vogliamo farlo in un modo regolamentato in cui possiamo mettere controlli sugli operatori e richiedere loro di conoscere i loro clienti”.

Secondo Nick Thompson, un insegnante di scuola media di 36 anni del Bronx che attraversa il suo scooter elettrico per fare scommesse, il ponte stesso può fornire una piccola protezione.

“È una specie di barriera”, ha detto. “Forse mi impedisce di prendere sempre quel telefono a casa.”

Ha aggiunto che sul ponte, di solito, poteva distinguere i giocatori dai turisti e altri per un giro in bicicletta o una passeggiata panoramica. Ma ha detto che i giocatori raramente dialogano tra loro.

“Potresti annuire o qualcosa del genere”, ha detto, “ma ci atteniamo ai nostri affari”.

La linea New York-New Jersey non è l’unico luogo in cui avviene il gioco d’azzardo transfrontaliero. Johnny Avello, il direttore delle corse e delle operazioni sportive di DraftKings, ha affermato che i Missouriani attraversano il fiume Mississippi nell’Illinois per fare scommesse, la gente del Kentucky scende nel Tennessee e i Caroliniani del Nord a volte si dirigono verso la Virginia.

Uno studio di DraftKings ha stimato che il 30% degli scommettitori nel New Hampshire lo scorso anno aveva indirizzi del Massachusetts.

“Sono felice che stiano andando oltre”, ha detto Avello. “L’alternativa è scommettere illegalmente con un allibratore o offshore. E tutti gli stati stanno vedendo che sta succedendo. Ecco perché molti di loro vogliono averlo nei propri stati”.

Sul lato del ponte del New Jersey domenica scorsa, Joel Ureña, un lanciatore di baseball di una lega minore nella Pioneer League indipendente, ha guidato il suo scooter elettrico da Washington Heights per fare una scommessa per un amico, ha detto. Portò un pranzo a base di pollo e fagioli e si appoggiò a una roccia, esaminando il telefono.

“Posso andare a comprare un biglietto della lotteria dietro l’angolo”, ha detto. “Ma se voglio scommettere sul calcio, devo venire fin qui. Almeno è una bella giornata per questo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *