Qualcuno ha hackerato un account Facebook di una nave da guerra della Marina per trasmettere in streaming “Age of Empires”

Beh, lo era una settimana molto brutta, non buona per Twitch. Il servizio di streaming di proprietà di Amazon ha subito un attacco devastante, con il codice sorgente di Twitch, i pagamenti degli streamer, gli strumenti di sicurezza interni e altro ancora scaricati su 4chan. Si tratta di un dump dei dati completo come vedrai. Tra le tante ripercussioni: gli streamer di Twitch hanno sperimentato un’improvvisa trasparenza dei pagamenti forzati, che è diventata rapidamente un meme sui social media e su Twitch stesso.

Twitch non è stato l’unico titano della tecnologia sfortunato questa settimana. Facebook, Instagram e WhatsApp sono stati tutti messi fuori servizio per diverse ore lunedì. No, non erano hacker. Invece, Facebook ha accidentalmente ritirato il suo percorso BGP, rendendo di fatto impossibile per il resto di Internet trovarlo. Non solo, ma ha eliminato le reti di Facebook dalle mappe di Internet, il che significa che i suoi ingegneri non sono stati in grado di risolvere il problema da remoto. Un vero disastro! Anche venerdì pomeriggio l’azienda ha avuto un periodo di inattività, ma non così esteso come un’interruzione.

Stai già utilizzando un gestore di password? E già che ci siamo, il resto della tua famiglia lo è? Dovrebbero essere! Se hai difficoltà a convincerli, abbiamo raccolto alcuni suggerimenti che potrebbero aiutarli a partecipare.

Un semplice bug lascia gli utenti di AirTag potenzialmente vulnerabili. E un giudice ha scoperto che la società di infrastrutture Internet Cloudflare non è responsabile per i siti che violano il copyright che utilizzano i suoi servizi.

E c’è di più! Ogni settimana raccogliamo tutte le notizie sulla sicurezza che WIRED non ha trattato in modo approfondito. Fare clic sui titoli per leggere le storie complete e stare al sicuro là fuori.

Adesso va tutto bene, è risolto; la Marina ha ripreso la sua pagina Facebook. Ma una volta domenica sera, qualcuno è riuscito a entrare nel conto della USS Kidd, un cacciatorpediniere della Marina degli Stati Uniti, e ha utilizzato quell’accesso per, beh, trasmettere in streaming il gioco di strategia in tempo reale L’età degli imperi. Un portavoce della Marina ha confermato che qualcuno ha ottenuto “accesso non autorizzato” alla pagina Facebook del sito di notizie incentrato sull’esercito Compito e scopo il mercoledì. I flussi erano accompagnati da brevi messaggi come “ciao ragazzi” e “gioca” e “ffffffffffff”. Il colpevole più probabile sembra essere un familiare di qualcuno che ha le chiavi della USS Kiddaccount di social media di.

Firefox è un ottimo browser per chi è attento alla privacy, ma forse non in questo caso specifico? Nell’ultima versione, quando digiti nella barra degli indirizzi riceverai “nuovi suggerimenti pertinenti dai nostri partner di fiducia basati su ciò che stai cercando”. In altre parole, un tipo di annuncio in un luogo inaspettato. Puoi disattivare la funzione andando su Impostazioni, poi Privacy e sicurezza, quindi deseleziona Suggerimenti contestuali giù sotto Barra degli indirizzi — Suggerimenti di Firefox. Ma dai, non dovresti farlo in primo luogo, e sicuramente dovresti avere un avviso migliore su dove provengono i prompt URL nella barra degli indirizzi.

Un hack molto grande che non ha ricevuto abbastanza attenzione è stato silenziosamente divulgato in un deposito alla SEC da Syniverse, una società di infrastrutture di telecomunicazioni. Come Scheda madre segnalata per la prima volta, gli hacker sono riusciti a rimanere nei sistemi Syniverse per anni e avrebbero avuto accesso a tutti i tipi di tabulati telefonici, inclusi potenzialmente i messaggi di testo. Non è chiaro se ci siano state ancora conseguenze per l’incidente prolungato, ma è un potenziale tesoro per lo spionaggio internazionale.

A proposito di spionaggio internazionale! Google questa settimana ha lanciato l’allarme che gli hacker russi Fancy Bear hanno scatenato un’ampia e sofisticata campagna di phishing che ha preso di mira 14.000 utenti Gmail il mese scorso. Gli account individuali che sono stati presi di mira hanno ricevuto avvisi e il gruppo sembra aver incluso giornalisti e ricercatori di sicurezza insieme a persone in una varietà di altri settori. Google ha affermato che tutti i tentativi sono stati intercettati dai filtri antispam, ma l’entità dello sforzo è stata comunque notevole.


Altre grandi storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *