Più di 91.000 migranti hanno attraversato il pericoloso Darien Gap quest’anno | Notizie sulla migrazione


La maggior parte di coloro che hanno preso la pericolosa strada nella giungla di Panama nella speranza di raggiungere il Nord America sono haitiani, afferma l’OIM.

Più di 91.300 migranti – la maggior parte dei quali haitiani – hanno attraversato la pericolosa giungla di Darien Gap a Panama finora quest’anno nella speranza di raggiungere il Nord America, ha detto venerdì l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM).

Citando le statistiche delle autorità migratorie panamensi, l’OIM ha affermato che 56.600 migranti haitiani sono passati attraverso il Darien Gap, una delle rotte più pericolose dell’America Latina, tra gennaio e settembre di quest’anno. Molti avevano figli con loro.

Il totale per nove mesi dell’anno triplica il precedente record stabilito per tutto il 2016, quando 30.000 migranti hanno preso la rotta, ha affermato l’OIM.

“Le chiusure delle frontiere e le contrazioni economiche dovute alla pandemia di COVID-19 hanno portato a un aumento della migrazione irregolare”, ha affermato Santiago Paz, a capo della missione dell’OIM a Panama, in un dichiarazione riguardo alle figure.

“I migranti caraibici ed extraregionali effettuano la traversata in condizioni estremamente vulnerabili e sono esposti a rischi lungo la loro rotta migratoria, in particolare nell’attraversamento del Darien Gap al confine tra Panama e Colombia”, ha affermato Paz.

L’annuncio arriva mentre gli Stati Uniti mantengono una chiusura quasi totale delle frontiere a coloro che chiedono asilo ai confini del paese e mentre il Messico e altri paesi dell’America centrale hanno bloccato le persone che cercano di transitare attraverso i loro territori sulla strada per gli Stati Uniti.

Il Darien Gap, un tratto di giungla di 575.000 ettari (1,42 milioni di acri) al confine tra Panama e Colombia, è controllato da bande armate. I contrabbandieri di solito guidano piccoli gruppi lungo il percorso, ma molti vengono derubati, aggrediti o stuprati lungo il percorso e dozzine sono state uccise solo quest’anno.

Panama ha dichiarato questa settimana che più di 50 migranti sono morti mentre attraversavano il passaggio della giungla finora nel 2021. Ma i funzionari hanno affermato che il numero è quasi certo inferiore al conteggio effettivo delle vittime per coloro che intraprendono il viaggio.

Negli ultimi anni, ogni anno sono stati recuperati in media da 20 a 30 corpi, ma gli osservatori hanno affermato che il bilancio delle vittime quest’anno riflette un’impennata della migrazione.

Gli esperti hanno affermato che molti dei decessi sono dovuti a cause naturali, come infarti o cadute. Anche annegamenti e morsi di serpente sono comuni. Ma altri vengono aggrediti e uccisi da bande armate.

La rotta di Darien Gap è stata oggetto di un nuovo esame nelle ultime settimane dopo che quasi 15.000 persone, la maggior parte haitiani, si sono accampate sotto un ponte nel sud del Texas il mese scorso, nella speranza di chiedere asilo negli Stati Uniti.

I contrabbandieri, che a volte sono armati, di solito guidano piccoli gruppi attraverso il Darien Gap [Fernando Vergara/AP Photo]

Molti hanno lasciato Haiti anni fa e vivevano in Brasile o in Cile, facendo il viaggio verso il confine degli Stati Uniti con il Messico per il cibo dopo aver attraversato il Darien Gap diretti a nord.

L’amministrazione Biden ha affrontato critiche diffuse per aver deportato migliaia di richiedenti asilo haitiani ad Haiti, che sta affrontando la violenza mortale delle bande, l’instabilità politica e le conseguenze di un recente terremoto.

Giuseppe Loprete, capo della missione OIM ad Haiti, disse venerdì che fino ad oggi gli Stati Uniti hanno rimandato ad Haiti più di 7.500 persone.

Giovedì, gruppi per i diritti umani hanno presentato una petizione alla Commissione interamericana sui diritti umani chiedendo all’organismo internazionale di chiedere agli Stati Uniti di smettere di utilizzare una direttiva sulla salute pubblica per espellere immediatamente la maggior parte dei richiedenti asilo che arrivano al confine.

L’ex inviato degli Stati Uniti ad Haiti, che si è dimesso per il trattamento riservato dall’amministrazione Biden ai richiedenti asilo haitiani, questa settimana ha detto ai legislatori statunitensi che le deportazioni peggiorerebbero la crisi nella nazione caraibica.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.