Google archivia la domanda di produzione di documenti contro uno dei suoi più grandi critici pubblici

Nella tarda serata di lunedì, Google ha richiesto un’ingiunzione del tribunale per la produzione di documenti dal critico di lunga data di Google Luther Lowe, come parte del suo caso antitrust federale in corso, Stati Uniti contro Google.

La mozione nasce da un’apparente rottura delle trattative tra Google e il datore di lavoro di Lowe, Yelp. Yelp ha accettato di documentare la produzione di un certo numero di suoi dipendenti, ma ha resistito a Lowe in particolare, lasciando che Google chiedesse al tribunale un mandato di comparizione che costringerebbe gli archivi di posta elettronica e altri documenti.

“Le accuse di Yelp contro Google, concepite e avanzate dal signor Lowe, sono una parte centrale del caso del governo”, si legge nel documento. “Ora che l’azione governativa sostenuta da Yelp nelle sue comunicazioni è in corso, Yelp non può negare a Google i documenti di cui ha bisogno per difendersi”. Il deposito di 51 pagine, come molti nel caso antitrust, contiene numerose omissioni.

In qualità di vicepresidente delle politiche pubbliche di Yelp, Lowe è stata a lungo una voce di spicco che spingeva per un’azione antitrust contro Google, anche lanciando una newsletter via email chiamata “Questa settimana in Google Antitrust” per monitorare il supporto per l’azione contro il gigante della ricerca. Nelle dichiarazioni pubbliche, Lowe si è particolarmente concentrato sul caso di neutralità della ricerca contro Google, sostenendo che la società utilizza il potere della Ricerca Google per cooptare e sopraffare directory di argomenti come Yelp.

Questa non è la prima volta che Google ha utilizzato il procedimento antitrust per costringere i rivali a produrre documenti. A luglio, la società ha spinto per la produzione di nuovi documenti significativi da Microsoft, dopo che la società ha condiviso centinaia di migliaia di documenti con i pubblici ministeri prima dell’archiviazione del caso.

Né Google né Lowe hanno risposto a una richiesta di commento sul deposito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *