Cosa sta cercando di ottenere la Serbia con il suo rafforzamento militare? | Notizie militari


Nel 2019, la Serbia ha fatto notizia superando la Croazia, membro della NATO, come la più grande spesa militare della regione balcanica, spendendo 1,14 miliardi di dollari, con un aumento del 43% rispetto all’anno precedente.

Quest’anno, il budget della difesa della Serbia è quasi raddoppiato dalla cifra del 2018 di 700 milioni di dollari a circa 1,5 miliardi di dollari, secondo gli esperti di intelligence open source di Janes Defense Budgets.

Con l’intensificarsi della pandemia lo scorso anno, molti serbi hanno messo in dubbio le priorità del paese quando è stato riferito a novembre che più soldi venivano spesi per le armi rispetto alla creazione di ospedali COVID-19.

Nel frattempo, le dimostrazioni di potenza militare sono diventate regolari.

A settembre, mentre l’unità serba veniva celebrata come parte di una nuova festa nazionale, il presidente Aleksandar Vucic ha affermato che l’esercito era “cinque volte più forte” rispetto a qualche anno fa, annunciando maggiori spese.

A seguito di un’esercitazione militare di giugno nella regione del Sandzak, Vucic disse che l’esercito sarà “drasticamente aumentato nei prossimi nove mesi” e “sarà sempre in grado di difendere il nostro Paese e il nostro popolo”.

Gli annunci hanno reso alcuni nei paesi vicini come Bosnia-Erzegovina, Kosovo e Montenegro stanchi delle motivazioni della Serbia, in particolare tra gli appelli del ministro degli Interni Aleksandar Vulin sulla formazione di un “mondo serbo”.

Vulin ha ripetutamente affermato in pubblico e ai media locali che tutti i serbi devono unirsi politicamente sotto la direzione di Belgrado e “con il tempo, per unirsi pacificamente… formalmente”, suggerendo di unire i territori in cui vivono.

I critici hanno criticato i suoi appelli come una versione aggiornata dell’ideologia della Grande Serbia degli anni ’90, culminata nella guerra e nella pulizia etnica nella regione.

“Il mondo serbo è indistinguibile dalla Grande Serbia, o da tutti i serbi in un paese”, ha affermato Daniel Serwer, uno dei negoziatori dell’accordo di pace di Dayton del 1995 che pose fine alla guerra in Bosnia.

Reuf Bajrovic, co-presidente dell’organizzazione US-Europe Alliance, ha detto ad Al Jazeera che crede che Vucic si stia preparando a usare la forza militare in Kosovo e Bosnia quando le circostanze internazionali cambiano a suo favore, come quando le truppe statunitensi si ritirano dalla KFOR (la NATO di pace a guida in Kosovo) o quando la Russia – alleata della Serbia – decide di intervenire direttamente nella regione.

“I mercenari addestrati dalla Russia in Bosnia e Montenegro sono parte integrante della strategia militare serba per la regione. È una copia carbone di [Russian President Vladimir] Le azioni pre-invasione di Putin in Georgia e Ucraina”, ha detto Bajrovic.

“I funzionari del governo Vucic hanno dichiarato apertamente che la Serbia utilizzerà la forza militare nel suo vicinato, inclusa una minaccia che Vucic ha lanciato contro le truppe della NATO in Kosovo la scorsa settimana”, ha detto Bajrovic.

La scorsa settimana, con l’escalation delle tensioni al confine tra Serbia e Kosovo a causa di una disputa sulle targhe, Vucic ha dato alla NATO un ultimatum di 24 ore per reagire in caso di violenza contro i serbi del Kosovo.

Se non lo facessero, la Serbia “reagirebbe”, ha detto al segretario generale della NATO in una telefonata.

“Ora abbiamo 14 MiG-29”, Vucic raccontato raccontando ai funzionari occidentali in un talk show serbo. “Pensavano che stessi scherzando… La Serbia non ha il diritto di? [use] i suoi elicotteri e aerei nella Serbia centrale?”

La Serbia dovrebbe abbandonare qualsiasi ambizione dell’UE se agisse militarmente contro la Bosnia o il Kosovo, ha affermato Serwer, aggiungendo: “Ma Vucic sembra aver già rinunciato all’adesione all’UE.

“La situazione è pericolosa. La Nato deve chiarire che non tollererà la mobilitazione serba di forze contro i suoi vicini, come ha fatto la scorsa settimana contro il Kosovo, che non ha un esercito”.

Secondo Janes Defense Budgets, “le tensioni con l’ex provincia serba del Kosovo rimangono il singolo più importante fattore determinante della sicurezza nazionale” per la Serbia.

“Nascosto agli occhi del pubblico”

Dove sta andando esattamente la politica di difesa serba è una “domanda da un milione di dollari” per Marija Ignjatijevic, ricercatrice presso il Centro per la politica di sicurezza di Belgrado.

“La maggior parte [Serbia’s] i documenti di pianificazione e strategici rimangono nascosti agli occhi del pubblico o sono inesistenti”, ha detto, spiegando che gli aumenti del budget militare sono fatti “ad hoc” in accordo con gli interessi di politica estera.

“Inoltre, le forze armate serbe e gli armamenti sono costantemente utilizzati in modo improprio in pompose esercitazioni e parate trasmesse a livello nazionale, seguite da campagne sui tabloid – al fine di consolidare il potere e ottenere più voti, ma anche per segnare nei giochi geostrategici”, ha affermato Ignjatijevic.

Andrew MacDonald, analista capo di Janes Defense Budgets, ha dichiarato ad Al Jazeera che nel 2021 la spesa per la difesa della Serbia è salita al 2,6% del suo PIL, “decisamente al di fuori della norma del paese” e “al di sopra della media, soprattutto per l’Europa”.

Per Serwer, la posizione di Vucic è “chiara”.

Sebbene sia dubbio che il presidente serbo utilizzerà presto la forza militare in Kosovo o in Bosnia, “apprezzerebbe l’opportunità di farlo”, ha affermato Serwer.

“La Serbia sta rafforzando i suoi legami con Russia e Cina, riducendo le sue aspirazioni europee e concentrandosi sul ‘mondo serbo’, che è un altro nome per la Grande Serbia.

“L’equilibrio militare nella regione si sta spostando, il che ha un impatto sulle percezioni ovunque”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *