L’alto diplomatico di Haiti chiede aiuto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con le bande | Notizie sulla migrazione


Secondo le Nazioni Unite, negli ultimi mesi la violenza delle bande ha provocato lo sfollamento di oltre 19.000 haitiani.

Il massimo diplomatico di Haiti ha chiesto aiuto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per affrontare la spirale di violenza e criminalità delle bande del paese.

Il ministro degli Esteri Claude Joseph ha detto lunedì al corpo di 15 membri che l’attuale missione politica delle Nazioni Unite deve ruotare verso il rafforzamento delle istituzioni di sicurezza e di contrasto ad Haiti, che è anche nel mezzo di una crisi politica resa più profonda dall’assassinio del presidente Jovenel Moise nel mese di luglio.

“È fondamentale tenere conto delle nuove realtà che il Paese sta affrontando e che il mandato venga adeguato di conseguenza”, ha affermato Joseph.

La nazione caraibica ha lottato da un devastante terremoto nel 2010. Poco dopo l’assassinio di Moise, un altro terremoto in agosto ha ucciso più di 2.200 persone e danneggiato o distrutto decine di migliaia di case.

Ciò è avvenuto mentre Haiti ha continuato a lottare con l’escalation di omicidi, rapimenti e guerre per il territorio. La violenza ha costretto circa 19.000 haitiani ad abbandonare le loro case negli ultimi mesi, molti dei quali vivono in rifugi di fortuna e in condizioni antigieniche, secondo le Nazioni Unite.

Nel frattempo, la recente deportazione di massa di richiedenti asilo haitiani da parte delle autorità statunitensi dal confine tra Texas e Messico ha acceso un ulteriore riflettore sulla terribile situazione ad Haiti.

Il Consiglio di sicurezza ha dispiegato una vera e propria missione di mantenimento della pace ad Haiti dopo il terremoto del 2010. È stato sostituito nel 2017 da una missione di polizia, che è stata poi sostituita dalla missione politica più piccola nel 2019.

Sempre parlando lunedì, l’inviato delle Nazioni Unite ad Haiti Helen La Lime ha detto al consiglio che mentre la polizia nazionale di Haiti ha lavorato per seguire le raccomandazioni che gli esperti di polizia delle Nazioni Unite hanno fatto quest’estate, la forza è “eccessiva e con risorse insufficienti”.

Il governo di Haiti “deve attuare un approccio più olistico per affrontare la violenza delle bande”, ha affermato La Lime.

Joseph, a sua volta, ha affermato che i funzionari hanno bisogno che la missione delle Nazioni Unite ad Haiti si concentri sul sostegno agli sforzi del governo nella “stabilizzazione della sicurezza e nella protezione dei civili”.

Il mandato della missione, che verrà rinnovato questo mese, include attualmente la promozione della professionalità della polizia e il sostegno a una strategia nazionale per ridurre la violenza. Ha anche una serie di altri obiettivi, come il progresso delle riforme elettorali.

Critiche alle deportazioni statunitensi

I membri del Consiglio hanno affermato che Haiti ha bisogno di un sostegno continuo per trovare la sua strada, anche se alcuni hanno anche sottolineato il ruolo del Paese in questo.

“Spetta in ultima analisi allo stesso popolo haitiano portare il Paese fuori dalla sua difficile situazione”, ha affermato Geng Shuang, vice ambasciatore cinese. Ha paragonato anni di sforzi per gli aiuti internazionali alla somministrazione di una trasfusione di sangue o di ossigeno a qualcuno che “si è dimostrato né notevolmente efficace né sostenibile”.

Lui e il suo omologo russo Dmitry Polyanskiy hanno anche criticato l’espulsione di migliaia di richiedenti asilo haitiani lungo il confine degli Stati Uniti. Migliaia di altri sono stati ammessi temporaneamente negli Stati Uniti per perseguire le loro richieste di soggiorno.

Le immagini di agenti della pattuglia di frontiera statunitense a cavallo che radunano e frustano i migranti hanno suscitato proteste, le dimissioni dell’inviato speciale degli Stati Uniti ad Haiti e un’indagine, nonché una visita ad Haiti e le scuse della scorsa settimana da un alto funzionario degli Stati Uniti.

“Siamo costernati dalla decisione di far tornare con la forza ad Haiti coloro che hanno messo insieme la totalità dei loro mezzi per lasciare Haiti in cerca di una vita migliore per i loro figli”, ha detto Polyanskiy.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.