Facebook ha finalmente fornito un motivo per l’interruzione di sei ore di lunedì

Facebook ha detto in un post sul blog lunedì sera che l’interruzione di sei ore che lo ha portato offline insieme a Instagram, Messenger, Whatsapp e OculusVR è stato il risultato di una modifica della configurazione dei suoi router, non di un hacking o del tentativo di ottenere i dati dell’utente. La spiegazione non fornisce molti dettagli, ma sembra che le macchine di Facebook non fossero in grado di comunicare tra loro – Facebook afferma che “questa interruzione del traffico di rete ha avuto un effetto a cascata sul modo in cui comunicano i nostri data center, interrompendo i nostri servizi”.

Il CEO Mark Zuckerberg postato delle scuse Lunedì sera, dicendo che le piattaforme stavano tornando online. “Scusa per l’interruzione di oggi, so quanto ti affidi ai nostri servizi per rimanere in contatto con le persone a cui tieni”.

L’interruzione è iniziata intorno alle 11:40 ET di lunedì e ha portato a problemi diffusi per l’azienda. È stata la peggiore interruzione di Facebook dal 2019, quando il sito è rimasto inattivo per più di 24 ore. I dipendenti non sono stati in grado di connettersi tra loro sulle bacheche aziendali e alcuni hanno detto Il Verge stavano usando account di posta elettronica di Outlook forniti dal lavoro per comunicare.

I problemi sembravano iniziare con un aggiornamento BGP di routine che è andato storto, cancellando le informazioni di routing DNS di cui Facebook ha bisogno per consentire ad altre reti di trovare i suoi siti.

L’interruzione di Facebook è avvenuta un giorno prima che l’informatore Frances Haugen fosse chiamato a testimoniare davanti al Congresso sulle sue esperienze in azienda. Haugen, un ex product manager di Facebook che ha lavorato al suo gruppo Integrità civica, ha fornito a tesoro di documenti interni di Facebook ai giornalisti al Giornale di Wall Street. Lei disse 60 minuti domenica che Facebook “paga i suoi profitti con la nostra sicurezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *