Ansiosa attesa per le ragazze afghane per l’apertura delle scuole superiori in stallo | Notizia


Milioni di ragazze adolescenti in tutto l’Afghanistan stanno aspettando con ansia di tornare in classe, mentre le scuole superiori continuano a rimanere chiuse, sollevando timori sul futuro dell’istruzione femminile sotto il dominio dei talebani.

Il mese scorso i nuovi governanti del paese hanno permesso ai ragazzi della stessa fascia di età – dai sette ai 12 anni – di frequentare le lezioni, ma hanno affermato che era necessario “un ambiente di apprendimento sicuro” prima che le ragazze più grandi potessero tornare a scuola.

A quel tempo, il vice ministro dell’informazione e della cultura dei talebani Zabihullah Mujahid ha affermato che il gruppo stava lavorando a un “procedura“per consentire alle ragazze adolescenti di tornare in classe.

Nella prima conferenza stampa dei talebani dopo aver conquistato l’Afghanistan il 15 agosto, Mujahid si era impegnato a “consentire alle donne di lavorare e studiare”, mentre cercava di dissipare i timori del suo governo tra il 1996-2001, segnato da un freno ai diritti delle donne.

La continua esclusione delle ragazze dalle scuole ha solo esacerbato i timori tra il popolo afghano che i talebani possano tornare al loro governo intransigente degli anni ’90. Quei cinque anni hanno avuto la particolarità di essere stati l’unico momento nella storia dell’Afghanistan moderno in cui le donne e le ragazze sono state legalmente escluse dall’istruzione e dal lavoro.

Nel mese e mezzo da quando sono saliti al potere, i talebani hanno detto alle lavoratrici del governo di rimanere a casa, hanno annunciato un governo tutto maschile, hanno chiuso il ministero degli Affari femminili e hanno affrontato accuse di molestie e abusi nei confronti delle manifestanti in tutto il città della nazione.

Domande pericolose

Toorpekai Momand, un sostenitore dell’istruzione, ha affermato che il ritardo, unito alle azioni dei talebani, ha portato le ragazze adolescenti a confrontarsi con domande pericolose: “Perché i talebani hanno un problema con noi? Perché sono i nostri diritti che vengono presi?”

Momand, che ha trascorso 10 anni lavorando come amministratore scolastico, è tra le centinaia di donne in Afghanistan e all’estero che stanno cercando di garantire che i talebani mantengano le loro promesse di consentire a ragazze e donne di tornare a scuola e negli uffici.

Per molte di queste donne, questa lotta significa affrontare ciò che considerano impopolari, ma necessarie, realtà della vita in un Afghanistan controllato dai talebani.

Jamila Afghani, un’altra sostenitrice dell’istruzione, ha affermato che al popolo afghano non resta che cercare di impegnarsi con i talebani, soprattutto perché la comunità internazionale si è rifiutata di riconoscere il gruppo.

“Non li ho portati. Non li hai portati tu, ma ora sono qui, quindi dobbiamo continuare a spingere”.

Ma sia Afghani che Momand e decine di altri hanno sperimentato in prima persona la difficoltà di cercare di ottenere risposte dai talebani. Quando i loro colleghi hanno incontrato i funzionari del Ministero dell’Istruzione gestito dai talebani, è stato detto loro che il gruppo sta lavorando “molto duramente” per aderire alle norme conservatrici nell’educazione delle ragazze adolescenti.

Momand ha detto che i talebani sono particolarmente attenti con la sua formulazione: “Non escono mai e dicono ‘no’, continuano a dire ‘ci stiamo lavorando’, ma non abbiamo idea esattamente su cosa stiano lavorando. “

Tutte le donne con cui Al Jazeera ha parlato hanno affermato che nei 100 anni da quando il governo afghano ha istituito scuole ufficiali per ragazze, quelle istituzioni hanno sempre aderito ai principi religiosi. Le scuole primarie e secondarie erano sempre separate per genere e i codici di abbigliamento erano sempre in vigore.

Momand, in particolare, ha affermato di avere difficoltà ad accettare le affermazioni dei talebani sul ragionamento religioso per la continua attesa, dicendo: “In una scuola femminile, tutti, fino al personale delle pulizie, sono donne”.

Cambio di curriculum

I talebani hanno anche fatto riferimento a una revisione del curriculum, cosa che secondo Afghani potrebbe ritardare ulteriormente l’istruzione dei bambini in età scolare.

“Rifare un curriculum richiede molto tempo e una comprensione molto dettagliata dei modelli educativi”, ha affermato Afghani.

Tutte le fonti con cui Al Jazeera ha parlato condividevano lo scetticismo afghano sull’effettiva comprensione dei talebani della complessità dell’istituzione di un sistema educativo per 9,5 milioni di scolari.

Il mese scorso, il ministro dell’istruzione ad interim del gruppo, Mawlawi Noorullah Monir, ha provocato un putiferio sui social media quando ha affermato: “Nessun dottorato, il master è prezioso oggi. Vedete che i mullah e i talebani che sono al potere non hanno un dottorato, un master e nemmeno un diploma di scuola superiore, ma sono i più grandi di tutti».

101 East: Scuole per ragazze 1La continua esclusione delle ragazze dalle scuole ha solo esacerbato i timori tra il popolo afghano che i talebani possano tornare al loro governo intransigente degli anni ’90

Per alcuni, la prospettiva che i talebani cerchino di riformare il curriculum è particolarmente spaventosa.

Fatimah Hossaini, una nota fotografa che insegnava alla facoltà di belle arti dell’Università di Kabul, ha affermato di temere per il futuro dei programmi artistici sotto i talebani. Ha sottolineato che l’arte era la disciplina meno finanziata all’Università di Kabul anche sotto l’ex governo del presidente Ashraf Ghani.

Un tempo, Hossaini era l’unica professoressa in una piccola facoltà che doveva accontentarsi delle attrezzature più elementari e spesso obsolete. Ora teme come sarà il dipartimento sotto l’Emirato islamico, poiché i talebani si riferiscono al suo governo.

“Hanno già detto che non ci sarà musica in pubblico. Sono andati in giro per Kabul a coprire murales. Nel 2001 hanno fatto saltare in aria i Buddha di Bamiyan, quindi pensi che permetteranno agli studenti di continuare a studiare scultura?”

Anche se i programmi potessero continuare, Hossaini temeva che i talebani avrebbero imposto restrizioni come quelle nel vicino Iran, dove ha studiato.

L’arte, ha detto Hossaini, richiede “libertà” per prosperare, ma temeva che i talebani avrebbero imposto rigide restrizioni all’espressione di sé.

“La maggior parte dei miei studenti, in particolare le ragazze, sono impegnate a cercare vie d’uscita”, ha detto Hossaini, che è fuggito in Francia insieme a decine di migliaia di afgani per paura del ritorno del governo talebano. Anche coloro che sono rimasti sono perseguitati da un senso di presentimento, ha detto Hossaini. Ha usato come esempio una delle sue studentesse laureate.

“Non riesce a convincersi ad andare a ritirare il diploma e le trascrizioni. Continua a dire: ‘Non voglio avere il timbro dell’Emirato Islamico sul mio diploma’”.

Occupazione femminile

Sebbene Hossaini non sia più nel Paese, le donne con cui Al Jazeera ha parlato hanno affermato che ci sono decine di migliaia di donne afgane che hanno visto la loro vita messa in pausa dallo stallo della riapertura completa di tutte le scuole in tutto il Paese.

Masuda Sultan, imprenditrice e attivista afghana-americana che si è anche unita agli sforzi per riavviare l’occupazione e l’istruzione per le donne, ha affermato che non sono solo le ragazze a essere pesantemente colpite dalla continua chiusura dell’istruzione secondaria per le studentesse.

“Più donne sono impiegate nell’istruzione rispetto a qualsiasi altro settore in Afghanistan”, ha affermato Sultan.

L’UNICEF ha stimato che circa un terzo degli insegnanti afgani sono donne, e Momand e Afghani hanno affermato che altri 150.000 sono impiegati in altri aspetti del settore dell’istruzione.

“Per molte famiglie, l’insegnamento è l’unico lavoro che lasceranno alle loro donne”, ha detto Sultan riferendosi alla pratica decennale della segregazione di genere nell’istruzione primaria e secondaria nel paese.

Per questo motivo, Sultan ha affermato che è imperativo riaprire tutte le scuole in tutto il paese il più rapidamente possibile: “Se non assumi questi insegnanti, allora stiamo fallendo le donne in Afghanistan”.

Afghan, l’altro sostenitore dell’istruzione, è d’accordo. Per lei, riavviare completamente l’istruzione delle ragazze dovrebbe essere una priorità per la comunità internazionale, che ha utilizzato i diritti delle donne come una delle giustificazioni per i 20 anni di occupazione guidata dagli Stati Uniti.

Afghani temeva che la cooptazione da parte della comunità internazionale dei diritti delle donne come base per la loro occupazione possa aver avuto un impatto duraturo sul modo in cui i talebani vedono le questioni dell’uguaglianza di genere.

“Hanno continuato a sentire gli stranieri parlare dei diritti delle donne, quindi nella loro mente, i diritti delle donne sono legati all’occupante”, ha detto Afghani.

Afghani ha sostenuto che è importante per le stesse donne afghane non rinunciare alle loro richieste di diritti fondamentali di cui hanno goduto per decenni, come l’accesso all’istruzione e al lavoro.

La scorsa settimana, Afghani e Momand erano tra un gruppo di educatrici, operatori sanitari e attivisti per i diritti che hanno tenuto una conferenza stampa per sollecitare i donatori stranieri a riavviare gli aiuti finanziari al paese.

Più di 100.000 insegnanti donne non hanno ricevuto i loro stipendi negli ultimi due o tre mesi a causa della guerra, poiché i talebani avevano lanciato la loro offensiva per conquistare il potere.

“Abbiamo la possibilità di lasciare che le donne e le ragazze dell’Afghanistan decidano cosa succede nel paese”, ha detto afghano.

Momand è d’accordo, affermando che la tenacia e il coraggio delle ragazze afghane sono ciò che la spinge a continuare il suo lavoro.

Le ragazze afgane, ha detto, “sono andate a scuola attraverso le esplosioni nelle città, attraverso i combattimenti nei villaggi e nei distretti. Anche quando le loro scuole sono state colpite direttamente, le ragazze afgane non hanno mai rinunciato alla loro istruzione”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *