Trump fa causa per ripristinare il suo account Twitter

L’ex presidente Donald Trump ha intentato una causa in Florida cercando di costringere Twitter a reintegrarlo, sostenendo che il divieto della piattaforma viola il Primo Emendamento e la nuova legge sui social media della Florida.

Trump sta cercando un’ingiunzione preliminare del divieto di Twitter, secondo la denuncia presentata nel distretto meridionale della Florida venerdì scorso. L’ex presidente sostiene che Twitter, “costretto dai membri del Congresso degli Stati Uniti”, lo sta censurando, descrivendo la piattaforma di social media come “una delle principali vie di dibattito pubblico”. Trump cerca di essere temporaneamente reintegrato su Twitter mentre continua i suoi sforzi per un reinserimento permanente.

Twitter “esercita un grado di potere e controllo sul discorso politico in questo paese che è incommensurabile, storicamente senza precedenti e profondamente pericoloso per aprire un dibattito democratico”, afferma la denuncia. L’ex presidente ha usato il suo account @RealDonaldTrump per annunciare decisioni politiche e personali (spesso con sorpresa delle agenzie e delle persone coinvolte), criticare i nemici politici e diffondere disinformazione sui risultati delle elezioni.

Twitter ha bandito definitivamente @RealDonaldTrump a gennaio, due giorni dopo la micidiale rivolta del 6 gennaio al Campidoglio da parte dei sostenitori pro-Trump che cercavano di impedire la certificazione della vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali del 2020. Twitter in un primo momento ha messo un divieto di 12 ore sull’account dell’ex presidente per “violazioni ripetute e gravi della nostra politica di integrità civica” dopo aver pubblicato tweet che ripetevano bugie sul furto delle elezioni. La piattaforma ha reso il divieto permanente due giorni dopo. Anche altre piattaforme social, tra cui Facebook, Snapchat e YouTube, hanno vietato l’ex presidente dopo i disordini del 6 gennaio. Il consiglio di sorveglianza di Facebook ha successivamente confermato la decisione di quella piattaforma.

Nel deposito di venerdì, Trump sostiene che il suo account Twitter “è diventato un’importante fonte di notizie e informazioni sugli affari del governo ed era un municipio digitale”, dove l’ex presidente ha pubblicato le sue opinioni. Al momento del divieto, Trump aveva 88 milioni di follower su Twitter. Twitter lo ha anche censurato durante la sua presidenza, afferma Trump, etichettando alcuni dei suoi tweet come “informazioni fuorvianti”, che secondo la piattaforma violavano le sue regole contro la “glorificazione della violenza”.

La denuncia di Trump cita anche la nuova legge sui social media della Florida, che proibisce alle società di social media di “consapevolmente” depiattare i politici e richiede alle piattaforme di applicare “standard di censura, depiattaforma e divieto di ombra in modo coerente”. Trump sostiene che Twitter non ha applicato i suoi standard in modo coerente. Il governatore Ron DeSantis ha firmato la legge a maggio, ma un giudice federale bloccato a luglio prima che possa avere effetto. L’amministrazione di DeSantis è allettante quella decisione.

L’ex presidente ha anche affermato che Twitter ha applicato le sue regole sui post sul COVID-19 in modo incoerente, “per placare gli attori del governo che generalmente approvavano le proteste dell’estate del 2020”, ma “disapprovava gli eventi del 6 gennaio”. I media avevano affermato, sostiene Trump, che la rivolta del 6 gennaio era una fonte di infezione da COVID-19, ma le proteste estive non lo erano. Dati provenienti da numerosi rapporti trovati nessun aumento dei casi di COVID-19 nelle città in cui ci sono state grandi proteste nell’estate del 2020, osservando che il mascheramento all’aperto durante gli eventi probabilmente ha aiutato a contenere i casi.

Twitter ha rifiutato di commentare sabato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *